Apr 11 2017

FURONO I VULCANI A PORTARE ALL’ESTINZIONE I NEANDERTAL?

Category: Natura e scienzagiorgio @ 00:22

 

 

Un nuovo studio suggerisce che il cambiamento climatico causato da due enormi eruzioni vulcaniche in Italia e nel Caucaso portò i Neandertal all’estinzione, lasciando così lo spazio agli uomini moderni di prosperare in Asia e in Europa.

La ricerca, condotta da Liubov Vitaliena Golovanova e Vladimir Borisovich Doronichev, verrà pubblicata nel numero di ottobre di Current Anthropology.

 

“La [nostra] ipotesi è che la fine dei Neandertal avvenne ‘improvvisamente’ dopo la più potente attività vulcanica nell’Eurasia occidentale [mai avvenuta] durante la storia dei Neandertal”, scrivono i ricercatori.”Questa catastrofe non solo distrusse drasticamente le nicche ecologiche delle popolazioni dei Neandertal, ma ne causò anche il loro spopolamento”.

 

Le prove della catastrofe arrivano dagli strati di cenere depositati dall’eruzione detta dell’Ignimbrite campana (la più violenta che si sia verificata in Europa negli ultimi 200 mila anni, avvenuta nell’attuale zona dei Campi Flegrei, presso Napoli, circa 40000 anni fa) e dalla più piccola eruzione avvenuta all’incirca nello stesso periodo nelle montagne del Caucaso (Russia meridionale). Secondo lo studio, la cenere oscurò il cielo forse per anni, devastando gli ecosistemi.

 

Continua a leggere”FURONO I VULCANI A PORTARE ALL’ESTINZIONE I NEANDERTAL?”


Apr 10 2017

IMMIGRATI ISLAMICI PROFANANO LA MESSA A SONDRIO

Category: Chiesa Cattolica,Islamgiorgio @ 00:25

 

 

Girava l’anno 2010, e non è cambiato nulla

 

Si sono messi in fila per ricevere la Comunione, ma una volta davanti al sacerdote hanno preso l’ostia consacrata e l’hanno infilata nelle tasche. 

Quando poi alla fine della funzione, l’arciprete don Marco Zubiani si è avvicinato per chiedere spiegazioni i due protagonisti del gesto oltraggioso hanno risposto: “Tu chi sei per dirci cosa fare? Non ci comandi. Noi siamo di fede islamica e tu chi sei? Sei Dio tu?”. E’ successo ieri nella Collegiata, la chiesa principale di Sondrio, gremita per la messa serale, tra lo sbalordimento e il dolore degli altri fedeli.

 

Continua a leggere”IMMIGRATI ISLAMICI PROFANANO LA MESSA A SONDRIO”


Apr 09 2017

LA MADRE DI DIO E L’ISLAM

Category: Chiesa Cattolica,Islamgiorgio @ 10:15

Nostra Signora Madonna del Libano

 

 

Un vescovo libanese critica l’islan.  E la segreteria di stato lo purga

Qui sotto è riprodotto il testo integrale dell’intervento al sinodo per il Medio Oriente consegnato per iscritto dal vescovo libanese di Antiochia dei siri  Raboula Antoine Beylouni, così come è apparso sul bollettino italiano n. 21 del 21 ottobre. L’originale è in francese e si trova nel bollettino in questa lingua.

Il 22 ottobre, anche “L’Osservatore Romano” ha stampato l’intervento del vescovo. Ma con notevoli tagli, ordinati dalla segreteria di stato.

Le parti tagliate sono quelle evidenziate in neretto. Il titolo è quello del giornale della Santa Sede.

 

LA MADRE DI DIO E L’ISLAM

 

di Monsignor  Raboula Antoine Beylouni

 

In Libano abbiamo un comitato nazionale per il dialogo islamo-cristiano da diversi anni. Esisteva anche una commissione episcopale, istituita in seguito all’assemblea dei patriarchi e dei vescovi cattolici in Libano, incaricata del dialogo islamo-cristiano. È stata soppressa ultimamente per conferire maggiore importanza all’altro comitato; per di più non aveva ottenuto risultati tangibili.

 

Continua a leggere”LA MADRE DI DIO E L’ISLAM”


Apr 08 2017

IL CORANO ORDINA DI IMPORRE LA RELIGIONE CON LA SPADA

Category: Chiesa Cattolica,Islamgiorgio @ 00:12

Raboula Antoine Beylouni

 

 

Duro atto di accusa nell’aula del Sinodo del monsignor Raboula Antoine Beylouni.  Il vescovo libanese: «Il Corano ordina di imporre la religione con la spada».   «L’Islam dà al musulmano il diritto di giudicare i cristiani e di ucciderli con la jihad»

 

CITTA’ DEL VATICANO – «Il Corano permette al musulmano di nascondere la verità al cristiano e di parlare e agire in contrasto con ciò che pensa e crede.

Il Corano dà al musulmano il diritto di giudicare i cristiani e di ucciderli con la jihad (guerra santa).

Ordina di imporre la religione con la forza, con la spada.

Per questo i musulmani non riconoscono la libertà religiosa, nè per loro nè per gli altri.

Non stupisce vedere tutti i paesi arabi e musulmani rifiutarsi di applicare integralmente i diritti umani sanciti dalle Nazioni Unite».

 

Continua a leggere”IL CORANO ORDINA DI IMPORRE LA RELIGIONE CON LA SPADA”


Apr 07 2017

1860: MACCHE’ GARIBALDI! LA SICILIA VENNE INVASA, OCCUPATA E COLONIZZATA DAGLI ANGLO-PIEMONTESI.

 

 

di M. DI MAURO, A. LATTANZIO, P. ALTIMARI, N. ZITARA*

 

FALSE FLAG SULL’ISOLA CONTESA

 

La cosiddetta Impresa dei Mille copriva la conquista coloniale anglo-piemontese delle Due Sicilie. Garibaldi fu solo uno degli attori, e manco il più importante.

 

Che ci fossero in mezzo anche qualche decina di siciliani, più o meno convinti, importa ancor meno. Del ruolo e della funzione di Crispi, il Macellaio di Ribera, ci occuperemo in seguito. E senza appello. Non ha alcun senso storiografico il sopravvalutare, nel bene e nel male, il ruolo di un qualunque individuo in fatti di grande portata. Nè conta men che zero il suo luogo di nascita. Dell’individuo se ne può rilevare la sola funzione accessoria al fatto storico.

 

Altra cosa ancora è la costruzione del mito. E il mito dell’Eroe dei Due Mondi è un caso da manuale che va affrontato con gli strumenti dell’indagine critica applicata allo Spettacolo delle Ideologie. Perfino l’Opra dei Pupi venne stravolta per far largo a Don Peppino. Ne parleremo in seguito.

 

Quali siano stati, nella lunga durata, gli effetti della distruzione, annessione e fagocitazione delle Due Sicilie a una entità statuale il cui baricentro politico-economico non s’è mai mosso dalla Padania… ci pare siano sotto gli occhi di tutti, e il “1860” è una Catastrofe che agisce sul Presente. Facciamo parlare i Fatti.

 

La cosiddetta “Impresa dei Mille” fu nient’altro che una riuscita operazione di copertura della conquista coloniale anglopiemontese delle Due Sicilie.

 

In termini tecnici questo tipo di operazioni si chiamano false-flag, falsa-bandiera.

 

Continua a leggere”1860: MACCHE’ GARIBALDI! LA SICILIA VENNE INVASA, OCCUPATA E COLONIZZATA DAGLI ANGLO-PIEMONTESI.”


Apr 06 2017

VANGELO DI NICODEMO DETTO ANCHE ATTI DI PILATO – PASSIONE E RISURREZIONE DI GESU’

Category: Libri e fonti,Religioni e rasie,Ultimo Apostologiorgio @ 00:04

 

Cristo e Nicodemo in un dipinto di Crijn Volmarijn

  

 

Memorie di Nicodemo

  

(data: IV secolo). In varie versioni sia copte e
sirine.



 

Il Vangelo di Nicodemo è un vangelo apocrifo con attribuzione pseudoepigrafa a Nicodemo, discepolo di Gesù. Datato al II secolo, è scritto in greco. Similmente agli altri vangeli della passione (Vangelo di Gamaliele, Vangelo di Pietro) descrive la passione di Gesù discolpando Pilato.

Fa parte del cosiddetto Ciclo di Pilato, una serie di scritti apocrifi più o meno antichi centrati sulla figura di Pilato (primi 10 capitoli).

Il testo risulta composto da tre sezioni originariamente indipendenti:

 

 

Incomincia la narrazione di Nicodemo, e la storia della Passione del nostro Signore Iesù Cristo; cioè il Passio di Nicodemo.

 

TESTI

 

 

VANGELO DI NICODEMO  
DETTO ANCHE ATTI DI PILATO 

 


Recensione greca “A” **

 

PROLOGO

 

Io Anania, protettore (1), ufficiale pretoriano, versato nella legge, avvicinatomi con cuore fedele alle sacre Scritture riconobbi che Gesù Cristo è il nostro Signore, e fui riconosciuto degno del santo battesimo.

 

Indagando sulle memorie dei fatti accaduti in quel periodo a proposito del padrone nostro Gesù Cristo e su quanto fu divulgato per scritto dagli Ebrei su Ponzio Pilato, trovai queste memorie scritte in lingua ebraica e, per volontà di Dio, le tradussi in lingua greca affinché ne possano prendere conoscenza tutti coloro che invocano il nome di nostro Signore Gesù Cristo: era l’anno diciassettesimo del regno del signore nostro Flavio Teodosio e il quinto del nobilissimo Flavio Valentiniano, l’indizione nona (2).

 

Voi tutti dunque che leggete e copiate questo, in altri libri, pensate a me e pregate per me, affinché Dio abbia misericordia di me e perdoni i peccati che ho commesso contro di lui.

 

Pace ai lettori e salute a tutti quanti udranno e ai loro domestici: Amen.

 

Nell’anno quindicesimo del regno di Tiberio Cesare (3), imperatore dei Romani, l’anno diciannovesimo della dominazione di Erode, figlio di Erode, re della Galilea, nell’ottavo giorno (4) prima delle calende di aprile e cioè il venticinquesimo giorno del mese di marzo, sotto il consolato di Rufo e Rubellione, il quarto anno dell’olimpiade duecentodue, mentre era sommo sacerdote degli Ebrei Giuseppe, figlio di Caifa.

 

Continua a leggere”VANGELO DI NICODEMO DETTO ANCHE ATTI DI PILATO – PASSIONE E RISURREZIONE DI GESU’”


Apr 03 2017

IL VANGELO DI PIETRO

Category: Libri e fonti,Religioni e rasie,Ultimo Apostologiorgio @ 00:04

San Pietro – Verona,  Chiesa di Santo Stefano 

 

 

Tradizione del Vangelo di Pietro

 

L’esistenza del Vangelo di Pietro è attestata diverse volte nella letteratura cristiana antica, ma in tutti i casi meno uno il testo non è citato né se ne racconta l’origine.

 

Origene (185250) cita il Vangelo di Pietro in una sola occasione, nella sua vasta produzione. Racconta infatti l’opinione di alcuni, secondo i quali i fratelli di Gesù erano figli di Giuseppe avuti da una prima moglie, allo scopo di sostenere la dottrina della verginità perpetua di Maria.[1] Il fatto che Origene faccia riferimento al Vangelo di Pietro «o [al] Libro di Giacomo» fa ritenere ad alcuni studiosi moderni che non conoscesse il Vangelo di Pietro di prima mano;[2] altri ritengono che il riferimento al «Libro di Giacomo» sia invece da intendere come un riferimento al Protovangelo di Giacomo.[3]

 

Nella sua Storia ecclesiasticaEusebio di Cesarea, scrivendo dopo il 324, riporta la storia di Serapione, vescovo di Antiochia dal 190 al 203.[4] Eusebio riproduce un brano di un’opera di Serapione (forse una lettera) intitolata Sul cosiddetto Vangelo di Pietro e indirizzata alla comunità di Rhossos, non lontana da Antiochia, nella quale il vescovo ricorda di aver visitato la comunità cristiana che adottava quel vangelo e, pur negando che il suo vero autore potesse essere l’apostolo Pietro, aveva consentito che lo si leggesse, essendo conforme alla linea ortodossa prevalente. Tempo dopo, Serapione venne informato che in realtà quel vangelo «celava un’eresia», che egli sembra attribuire a un certo Marciano,[5] e che lui aveva individuato col docetismo. Serapione riferisce di aver letto con attenzione il vangelo e di aver avuto modo «di ritrovarvi, insieme a gran parte della vera dottrina del Salvatore, anche alcune aggiunte, che abbiamo altresì sottoposto alla vostra attenzione».[6]

 

Continua a leggere”IL VANGELO DI PIETRO”


Apr 02 2017

DETTI SULLE CITTA’ VENETE

Category: Pensieri e parole,Veneto e dintornigiorgio @ 01:17

Verona;  la dove: “son tuti mati” 

 

 

I detti 

 

Venexiani gran signori. (1)

 

Padoàni gran dotori. (2)

 

Visentini magnagati. (3) 

 

Veronesi tuti mati. (4)

 

Udinesi castelàni col cognome de fùrlani. (5)

 

Trevisani pan e tripe. (6)

 

Rovigoti bàco e tripe. (7)

 

I Bresciani taja cantoni. (8)

 

ghe ne anca de pì tristi

 

i xé i Mantoàni tuti stinchi. (9)

 

e i Bergamaschi  brusacristi. (10)

 

Rustico rapporto fatto nel XVI° secolo da Angelo Ruzzante (attore, Padova 1502-1542) ad Andrea Gritti, suo Serenissimo Doge di Venezia.

 

PS

 

E Belun ?   

Pòra Belun,  te si proprio de nisun!

 

 

Note:

 

1) – Perchè  allora Venezia  era una delle città  più ricche.

 

2) – Per la loro Università.

 

3) – Sembra che, per un lungo assedio degli Ezzelini, abbiamo mangiato anche  i gatti, allora cosa scandalosa perché protetti dalla Madonna.

 

4) – Per la  “fina” aria che viene dal Lago di Garda e dal Baldo.

 

5) – Perché già allora avevano  un gran Castello; attenzione: “furlani”  voleva dire imbroglioni e ladroni.

 

6) – Perché coccoli di Venezia,  non hanno mai avuti grossi problemi.

 

7) – In quei tempi non godevano di grande stima.

 

8) – Si diceva che, quando i confini della Serenissima erano da quelle parti, le guardie  bresciane  fuggissero con facilità.

 

9) – Furbi, scaltri.

 

10) -Perché non sono mai stati per la Chiesa ed inoltre,  in occasione di alcune scorribande, hanno bruciato  qualche crocefisso.

 

 

Le prime quattro frasi del “ rapporto del Rizzante” per noi veneti, ed anche per molti altri, sono più che conosciute; il rimanente, e il relativo “vox popoli”, sono il frutto di una ricerca del Montaldi nella zona della “Serenissima”.

 

 


Apr 01 2017

LA BUFALA DI GIULIETTA E ROMEO

Il  balcone proveniente da una demolizione operata ai primi del novecento nell’Isolo.

 

 

Giulietta e Romeo la più grande bufala di questi ultimi due secoli. 

 

Una storia che nasce dalla letteratura Assiro-Babilonese e passa per i miti ellenici per approdare al Cunto delle Cunti fino a Da Ponte, così è copiata da William Shakespeare, certo un maestro dell’esoterismo, ma i più non ne hanno compreso il senso. 

 

Per Verona questa e una storia decisamente farlocca come la casa di Giulietta, che era dei Cappello ( i Capuleti non sono mai esistiti a Verona e i Montecchi erano vicentini) il balcone installato ai primi del novecento dal sopraintendente Avena.

Il  sarcofago che avrebbe ospitato Giulietta, stando alle parole di Joseph Rudyard Kipling in visita a Verona fu definito: una mangiatoia per animali o porci. 

Mandrie di turisti, vengono ogni giorno a Verona per recarsi a vedere ciò che non è mai esistito, romanticismo degradato e degradante. 

Trascurano la Verona vera e senza tempo che lascia tutte le sue testimonianze vive e presenti: la Verona romana, medioevale, rinascimentale, barocca,……

Questo per noi veronesi è un mito degradante e degradato da una serie infinita di assessori alla cultura che dell’ignoranza ne hanno fatto il loro vessillo.

 

Forse la discussione non lo meritava, ma è ora di dire la verità su questo ormai degenerato mito, che l’ottusità alimenta convinta possa portare vantaggi alla città, mentre ne degrada ulteriormente l’intima e profonda essenza. Verona è molto altro per fortuna! 

E’ solo uno sfogo.

Grazie per avermi sopportato.

Luigi Pellini

 

La Tomba di Giulietta, il sarcofago ha buone possibilità di essere   di origine romana, visto il cuscino di marmo di cui è provvisto

 

Fonte: da srs di Luigi Pellini.blogspot del 19 ottobre 2010

Link: http://luigi-pellini.blogspot.com/

 

 


Mar 31 2017

ODE AL CANE

Category: Pensieri e parolegiorgio @ 00:40

 

 

Il cane mi domanda 

e non rispondo.

 

Salta, corre pei campi e mi domanda senza parlare

e i suoi occhi sono due richieste umide, 

due fiamme liquide che interrogano

e io non rispondo, non rispondo perché non so, 

non posso dir nulla.

 

In campo aperto andiamo uomo e cane.

Brillano le foglie come se qualcuno le avesse baciate a una a una,

sorgono dal suolo tutte le arance a collocare piccoli planetari

su alberi rotondi come la notte, e verdi,

e noi, uomo e cane, andiamo a fiutare il mondo, a scuotere il trifoglio,

nella campagna cilena, fra le limpide dita di settembre.

 

Il cane si ferma, insegue le api, salta l’acqua trepida,

ascolta lontanissimi latrati, orina sopra un sasso,

e mi porta la punta del suo muso, a me, come un regalo.

 

E’ la sua freschezza affettuosa, la comunicazione del suo affetto,

e proprio lì mi chiese con i suoi due occhi,

perchè e’ giorno, perchè verrà la notte, perchè la primavera

non portò nella sua canestra nulla per i cani randagi, tranne inutili fiori, fiori, fiori e fiori.

 

E così m’interroga il cane

e io non rispondo.

 

Andiamo uomo e cane uniti dal mattino verde,

dall’incitante solitudine vuota nella quale solo noi esistiamo,

questa unità fra cane con rugiada e il poeta del bosco,

perchè non esiste l’uccello nascosto,

ne’ il fiore segreto, ma solo trilli e profumi per i due compagni:

un mondo inumidito dalle distillazioni della notte,

una galleria verde e poi un gran prato,

una raffica di vento aranciato,

il sussurro delle radici,

la vita che procede,

e l’antica amicizia,

la felicità d’essere cane e d’essere uomo trasformata in un solo animale

che cammina muovendo

sei zampe e una coda

con rugiada.

 

Pablo Neruda

 


Mar 30 2017

PAOLO SARPI, IL SUO PENSIERO VERO SU STATO E RELIGIONE

Category: Cultura e dintorni,Veneto e dintornigiorgio @ 00:12

Paolo Sarpi

 

 

di Milo Bozzolan Zago

 

Piccolo brano, scritto di pugno da Fra Paolo Sarpi (Venezia 1552 – Venezia 1623) che ci aiuta a comprendere bene il Suo punto di vista riguardo alla laicità dello stato.

Egli è stato per gran parte frainteso, a volte volutamente, infatti mai ha affermato che lo stato non dovesse in alcun modo occuparsi della Religione, ma bensì l’avrebbe dovuta favorire,  poiché “il Principe” era tenuto a interessarsi sia al benessere materiale, che a quello spirituale dei sudditi. Era suo dovere, fin dai tempi più antichi.

 

La terza via di Paolo Sarpi e della Serenissima Repubblica, tra laicità moderna e stato clericale. Brano tratto dal “Discorso dell’origine dell’uffizio dell’Inquisizione”.

 

Tra le perverse opinioni, de’ quali abbonda il nostro secolo infelice, questa ancora è predicata, che la cura della Religione non appartenga al Principe, qual è colorata con due pretesti. L’uno, che per esser cosa spirituale, e divina, non s’aspetti all’autorità temporale. L’altro, perché il Principe, occupato in maggiori cose, non può attendere a questi affari.

  Continua a leggere”PAOLO SARPI, IL SUO PENSIERO VERO SU STATO E RELIGIONE”


Mar 29 2017

VERONA: GOSSIP IN CLASSE…

Category: Monade satira e rattatujegiorgio @ 17:51

 

 

Scuole   elementari,  le vacanze sono finite e si ritorta a scuola 

 

 “Ciao! Ben tornato! Allora dove sei stato in vacanza?”

“Sono stato sul lago, a Rimini e in Puglia!”

“Con i tuoi?”

“No, sul lago e in Puglia con papà e la mamma, 

a Rimini solo con la mamma e …

ehm…sai…io ho un segreto con la mamma… 

a Rimini siamo andati con un amico della mamma…

ma non devo dirlo a papà se no si arrabbia…”

“Ma come? Come si chiama questo amico?”

“Mah…la mamma lo chiama sempre tato

 

…cari genitori…attenti a svelare segreti ai vostri figli!

 

 


Mar 28 2017

VENEZIA CACCIA I GESUITI, PER CONSIGLIO DI FRA’ PAOLO SARPI

 

Paolo Sarpi 

 

 

Di Simonetta Dondi dall’Orologio

 

Venezia fin dalla sua fondazione aveva sempre difeso la sua indipendenza non solo politica ma anche religiosa; in particolare rifiutando la giurisdizione di Roma e del Papato.

 

Difatti i rapporti tra la Repubblica di Venezia e la Chiesa di Roma furono spesso travagliati.

 

Continua a leggere”VENEZIA CACCIA I GESUITI, PER CONSIGLIO DI FRA’ PAOLO SARPI”


Mar 27 2017

L’AFFONDAMENTO DEL TITANIC: NIPOTE UFFICIALE RIVELA, FU COLPA TIMONIERE

Category: Cronaca e notizie,Storia moderna e revisionismogiorgio @ 09:46

 

 

“Non andava troppo veloce e non vide l’iceberg, fu un errore di manovra”

 

LONDRA – Il Titanic si scontrò con l’iceberg che lo affondò non perché l’enorme massa di ghiaccio fu avvistata troppo tardi, ma perché il timoniere aveva frainteso l’ordine che gli era stato dato ed aveva fatto girare la nave dalla parte sbagliata.

 

E’ questo il ‘segreto’ custodito per quasi cento anni dalla famiglia di uno degli ufficiali a bordo e rivelato oggi dalla nipote, Lady Louise Patten, moglie dell’ex ministro dell’istruzione britannico Lord John Patten, che ha utilizzato la storia come base per un suo romanzo. Il nonno della Patten, il comandante Charles Lightloller, era il secondo ufficiale a bordo del Titanic e aveva una conoscenza dettagliata degli eventi che portarono al tragico naufragio del transatlantico.

 

Continua a leggere”L’AFFONDAMENTO DEL TITANIC: NIPOTE UFFICIALE RIVELA, FU COLPA TIMONIERE”


Mar 26 2017

IL DENARO COME ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA, I 30 UOMINI CHE TENGONO IN OSTAGGIO IL MONDO.

 

 

Attenti a quei Trenta: ricattano il mondo truccando le regole. E nessuno li può fermare, perché maneggiano 650.000 miliardi di dollari, cioè otto volte il Pil del pianeta. In dieci anni, hanno messo in ginocchio l’economia reale. E sono ancora lì, a dettar legge, a cominciare da uno dei loro specialisti, Mario Draghi.Quella del famigerato “Group of 30”, creato alla fine degli anni ’70 da personaggi come David Rockefeller. Obiettivo: piegare le nazioni ai diktat della speculazione finanziaria. Missione compiuta: oggi l’intera Europa è nelle loro mani, e un paese come l’Italia – membro del G8 – è agli ordini della super-lobby che ha commissariato il governo affidandolo al fido oligarca Mario Monti, tecnocrate targato Goldman Sachs, veterano del Bilderberg, della Trilaterale e della micidiale Commissione Europea, quella che oggi dispone il suicidio sociale degli Stati mediante il pareggio di bilancio.

 

Un capolavoro, in sole tre mosse.

Primo: attraverso la “superstizione o isteria del debito pubblico”, si distrugge la capacità dello Stato di creare e controllare qualsiasi ricchezza finanziaria significativa, che a quel punto resta unicamente nelle mani dei mercati di capitali, da cui gli Stati finiscono per dipendere in toto.

Seconda mossa: i dominatori finanziari, che ora spadroneggiano, per ottimizzare la rapina globale incaricano la super-lobby dei tecnocrati di ridisegnare leggi e regole, con adeguata propaganda.

Terzo: gli oligarchi impongono le loro condizioni-capestro ai governi, ormai privati della facoltà di creare ricchezza finanziaria e quindi dipendenti dal ricatto, pronti cioè a ingoiare qualsiasi aberrazione speculativa.

 

Continua a leggere”IL DENARO COME ARMA DI DISTRUZIONE DI MASSA, I 30 UOMINI CHE TENGONO IN OSTAGGIO IL MONDO.”


« Pagina precedentePagina successiva »