Giu 07 2017

CLAUDIO FILIPPINI – TEGOLINA

Category: Veja migiorgio @ 08:37

 

Avrei voluto terminare tutti i miei giorni, ma qui ormai non ho più nulla da fare

 

 

speravo solo qualcuno

uno che mi facesse credere, per poco

di essere vivo per sempre

perché io come tutti, non vivo per sempre.

 

 

 

 

Ora vola libero l’angelo che ha sfiorato questa terra.

Il suo passaggio ha riempito i cuori di tutte le persone che lo hanno incontrato e non smetteranno mai di essergli riconoscenti dell’amore ricevuto.

 

Sabato 17 Gennaio 1953 – Lunedì 7 Giugno 2010

 

 

Ho conosciuto nella mia giovinezza,  per pochi giorni,  la tua amicizia, e ne serbo ancora il ricordo. 

 

Ciao  Tegolina 

Giorgio  
Verona settembre 2010

 

 

 

«TEGOLINA», DAL CAI DI VERONA FINO ALLA VETTA DEL MONTE ROSA

 

Punta Giordani nella Valle del Gressoney, Cresta del Soldato

 

 

A Claudio Filippini, che per tutti gli amici era «Tegolina», alpinista della sezione Cesare Battisti del Cai di Verona, scomparso a 57 anni nel giugno 2010, lasciando tanti ricordi affettuosi e molti rimpianti, è stata dedicata in questi giorni una nuova via di arrampicata sull’inviolata parete del Pilastro Grigio che porta a Punta Giordani a 4.046 metri, nel massiccio del Monte Rosa.

 

Autori dell’impresa sono stati il valsesiano Christian Gobbi e Paolo Dalla Valentina, che è veronese ed è stato grande amico di Filippini.  Sono entrambi guide alpine e finanzieri del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Riva Valdobbia, ai piedi del Monte Rosa.

 

«Sapevamo che anni fa c’era stato un altro tentativo da parte degli alpinisti del posto, ma che avevano dovuto rinunciare per le cattive condizioni meteo, una volta arrivati alla base del pilastro», racconta Dalla Valentina, la cui famiglia è originaria di Velo ed ha ancora la mamma, fratelli e sorelle che vivono a San Martino Buon Albergo, da dove è partito 25 anni per entrare nella Guardia di Finanza, dedicandosi in particolare al soccorso alpino.

«Questo pilastro non era mai stato affrontato in precedenza anche perché non è facile da raggiungere e comporta già un certo sforzo alpinistico per arrivarci: noi siamo saliti lungo la “Cresta del soldato” della Punta Giordani, abbiamo anche avuto fortuna di intuire che poteva essere la strada buona una cengia lungo la parete Est, che in effetti ci ha portati all’attacco del pilastro della cresta Nord-Est», riferisce Dalla Valentina.

La linea di salita è avvenuta lungo un diedro strapiombante, cioè sullo spigolo dove si incrociano due piani di roccia orientati diversamente, scelto anche per la buona qualità della roccia, caratteristica che non sempre possibile trovare sul massiccio del Rosa, soggetto a frane e sfasciumi. I due finanzieri hanno superato la parete impegnando due lunghezze di corda per un totale di 60 metri, piantando due chiodi fissi con il metodo classico del martello e lasciando all’inizio della parete un friend, attrezzo meccanico a camme mobili, impiegato come punto di ancoraggio, che non è stato più possibile staccare dalla fessura di roccia in cui si era incastrato. La parete, che è di un centinaio di metri lineari, è stata superata in tre ore, arrivando sulla sommità quand’era già mezzogiorno, passando tra difficoltà valutabili di grado 6b e 5c, mentre è di terzo grado il tratto conclusivo che dalla cima del pilastro porta alla vetta, che è a 4.046 metri, da affrontare con attrezzatura adatta al tratto misto di ghiaccio e roccia.

 

«Abbiamo studiato un modo di salita che possa essere ripetibile da altri, anche se la nuova via si può considerare una variante difficile alla Cresta Nord-Est o come la prima salita di una parete che può offrire altre possibilità di scalate difficili su una parete molto compatta, verticale e impegnativa da raggiungere», aggiunge Dalla Valentina, che in accordo con Gobbi ha voluto chiamare Via Tegolina il nuovo percorso di arrampicata.

 

«Con Claudio, che è stato alpinista di valore, ho avuto diverse occasioni di salire in montagna e lo ricordo come persona buona e sensibile», conclude il finanziere veronese.

 

Gobbi è invece in partenza in questi giorni per il Nepal nella spedizione organizzata da Silvio Mondinelli, che cercherà di raggiungere il Manaslu, nelle catena montuosa dell’Himalaya, che con i suoi 8.163 metri è l’ottava vetta più alta del mondo.  

Gnaro Mondinelli, anche lui finanziere e nel soccorso alpino di Alagna, arrivò sul Manaslu già nel 1993, suo primo ottomila, saliti in seguito tutti e 14 senza mai far uso di ossigeno supplementare, in puro stile alpino.  

 

Vittorio Zambaldo

 

Fonte: srs di Vittorio Zambaldo, da l’Arena di Verona, del 2 settembre 2012

Link: http://www.larena.it/home/tegolina-dal-cai-di-verona-fino-alla-vetta-del-monte-rosa-1.2914558

 


Mag 17 2017

MAMMA … PER TUTTA LA VITA … E PER SEMPRE!

Category: Pensieri e parole,Veja migiorgio @ 20:22

 

 

...Sai mamma cosa accade un giorno?

Ci crescono le ali e diventiamo farfalle,

voliamo nell’aria e poi ancora piu’ in alto, verso il cielo.
Ci trasformiamo in gabbiani,

attraversiamo l’arcobaleno di tanti colori

e andiamo a mangiare lo zucchero filato delle nuvole.  
Sara’ bellissimo!
Poi torniamo “come di prima”,

ridiventiamo io Lorenzo e tu mamma Chiara;

corriamo veloci e andiamo a giocare coi bambini felici

su un prato grandissimo, dove crescono i fiori colorati

che piacciono tanto alla Sofia.
Li non esistono piu ‘ bambini tristi e arrabbiati,

sono tutti quanti allegri e sorridenti. 
Ti ricordi cosa ti ho detto l’altra volta?
Sul mio cuore c’è ‘ scritto mamma 
e be’…in verita’…ci sono scritti tutti i nomi delle persone a cui voglio bene, 

PERO’… MAMMA… e ‘ scritto proprio tanto grande e non si cancella mai! 

Invece sul tuo cuore c’e ‘ scritto il mio nome: 
L O R E N Z O!!!
Lo sai che vuol dire questo? 
Vuol dire che… 
staremo sempre insieme!!!
Questa volta, la prossima… 
sempre, sempre insieme. 

Per tutta la vita e per sempre!

 

Dolce notte mammina. Ti amo…

 

Ti amo anch’io Lori.

 

 


Apr 24 2017

BACIO. OSCULUM. ΦΙΛΊ. BASO. KISS. KUSS. BAISER. BESO. BEIJO. ПОЦЕЛУЙ. 吻. قبلة

Category: Cultura e dintorni,Veja migiorgio @ 00:25

Il Bacio tra Caterina e Nicola 

 

 

Quando ci si avvicina a qualcuno per baciarlo, si tende a girare il capo verso destra.

 

Lo ha scoperto uno studio scientifico di un’università tedesca, pubblicato dalla rivista britannica Nature, effettuato su coppie di diversa nazionalità.

Nell’80% delle coppie, il bacio avviene ruotando la testa proprio verso destra. 

 

Un gruppo di ricercatori dell’università tedesca di Bochum-Ruhr è arrivato a questo dato dopo aver studiato il comportamento di 124 coppie, di età tra i 13 e i 70 anni, in stazioni, aeroporti e spiagge della Turchia, degli Stati Uniti d’America e della Germania.

Questo riflesso presente in 8 casi su 10 avrebbe origine addirittura nella vita fetale.

 

 

Kiss

puthje

قبلة

համբուրել

öpmək

kiss

пацалунак

целувка

petó

polibek

키스

bo

poljubac

kys

נשיקה

suudlus

halik

suudella

baiser

bico

cusanu

კოცნა

キス

φιλί

चुंबन

ciuman

kiss

póg

koss

il bacio

osculum

skūpsts

bučinys

бакнеж

ciuman

KISS

Kyss

Kus

بوسه

pocałunek

beijo

sărut

поцелуй

пољубац

bozk

poljub

beso

kyss

kiss

จุบ

Kuss

Öpücük

Поцілунок

Csók

بوسہ

hôn

קוש

baso

 


Mar 18 2017

SRS = STUDI RICERCHE SCRITTI

Category: Veja migiorgio @ 00:06

 

 

SRS  è l’acronimo “STUDI  RICERCHE  SCRITTI

Un abbreviativo per ricordarmi che quello scritto è un elaborato  di quella persona

 

 


Dic 27 2016

LA DONNA E’ LA MADRE DEL FUTURO

Category: Veja migiorgio @ 00:27

tuareg-family-madre-del-futuro

 

 


Dic 25 2016

TUTTI NOI VORREMMO UN MONDO DIVERSO

Category: Veja migiorgio @ 01:31

 

fratelli_diversi

 

 

Tutti noi vorremmo un mondo diverso per i nostri figli e per tutti gli uomini che verranno dopo di noi.

 

Sono convinto che se, tutti assieme, pensassimo in questa maniera, il mondo cambierebbe in bene, cambierebbe!

 


Dic 04 2016

VOTA NO ALLA COSTITUZIONE OSCURANTISTA!

Category: Veja migiorgio @ 13:51

per-me-e-no

 

 

GIU’ LE MANI DALLA COSTITUZIONE ITALIANA !

  

CHI VUOLE DISTRUGGERE LA COSTITUZIONE VUOLE DISTRUGGERE LA TUTELA DEL POPOLO ITALIANO CHE VI E’ SANCITA  E LO FA PERCHE’ I CAPITALISTI PIU’ RICCHI DEL MONDO ABBIANO GIOCO FACILE NELLO SFRUTTAMENTO DA GARA AL RIBASSO SOTTO IL COSTO REALE SENZA NESSUNA RESPONSABILITA‘ NEI CONFRONTI DEI LAVORATORI, NE’ DELL’ AMBIENTE DOVE VIVIAMO.

 

DISTRUGGENDO LA COSTITUZIONE SI TORNA A GARANTIRE LA  LEGGE  DELLA  JUNGLA, IL  GROSSO CHE MANGIA IL PICCOLO, SI TORNA A GARANTIRE L’ ACCUMULO  CAPITALISTA  DOVE I RICCHI SONO SEMPRE PIU’ RICCHI E I POVERI SEMPRE PIU’ POVERI.

 

DISTRUGGERE LA COSTITUZIONE SPIANA LA STRADA AGLI “ACCORDI ECONOMICI” A SCATOLA CHIUSA CHE GLI USA, CANADA & C. VOGLIONO IMPORCI SENZA LA POSSIBILITA’ DI LEGGERE COSA LORO VI HANNO SCRITTO: SOLO DEI PAZZI O DEI COMPLICI POSSONO ACCETTARE.

 

CON QUESTA NUOVA ONDATA DI  TRUFFE CRIMINALI CHE CHIAMANO GLI “ACCORDI ECONOMICI” SI PRETENDE  CHE NEL CASO DI PROCESSO L’ ARBITRO-GIUDICE VENGA  SCELTO DALL’ AZIENDA USA, CANADA & C.

 

SIAMO COSTRETTI A FORZA A SUBIRE TUTTE LE LORO MENZOGNE SUI TUTTI I MEDIA, CHE PAGHIAMO NOI, E NON POSSIAMO LEGGERE LE REGOLE CON LE QUALI  VOGLIONO MINARE ULTERIORMENTE  LA NOSTRA STESSA SOPRAVVIVENZA ?

 

E’ UN COLPO DI STATO ?  SI !

 

I CAPITALISTI PIU’ RICCHI DEL MONDO LO SONO PERCHE’ SONO I PIU’ IMBROGLIONI E CRIMINALI PER ESSERE I PIU’ LADRI .

DIRE CHE QUESTO E’ POPULISMO SIGNIFICA SPUTARE SUL SANGUE DEI  MORTI CHE FANNO TUTTI I GIORNI IN GUERRA COME IN ECONOMIA.

 

 


Nov 29 2016

IL VILLAGGIO SANATORIALE EUGENIO MORELLI. IL PIU’ GRANDE SANATORIO D’EUROPA

sondalo-sanatorio-eugenio-morelli

Sondalo. L’imponente  Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli

 

 

Il Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli è stato il più grande sanatorio d’Europa costruito dal governo fascista, fu realizzato a Sondalo, per volere dei Eugenio Morelli.

Eugenio Morelli, pneumologo di Teglio, nel 1928 fece eseguire un’analisi sulle condizioni metereologiche dell’area sondalina, grazie alle quali convinse che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un sanatorio, il più grande d’Europa. In 8 anni furono costruiti 9 padiglioni in grado di ospitare sino a 300 malati ciascuno.

Si dice che per realizzare il quarto padiglione gli architetti si fossero addirittura ispirati alle corazzate di Benito Mussolini. D’altra parte era un’autentica guerra quella che si doveva fare contro il “mal sottile”..

Il progetto dell’ imponente sanatorio sulle pendici del Monte Sortenna fu portato avanti da abili tecnici guidati dallo stesso professor Eugenio Morelli, il geniale pneumologo di Teglio. Morelli, primo in Italia ad organizzare una seria lotta contro la tubercolosi, dal 1928 impegnato a Roma come alto consulente per l’organizzazione antitubercolare dell’INFPS, l’Istituto Nazionale Fascista di Previdenza Sociale, nel 1929 convinto della sue analisi sulle condizioni meteorologiche della zona persuase tutti che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un grande sanatorio da affiancare al più modesto Pineta di Sortenna che, fondato dal dottor Ausonio Zubiani, funzionava già dal 1901.

La costruzione dei nove padiglioni, ciascuno in grado di ospitare sino a 300 malati, richiese otto anni: dal 1932 al 1940.

Le strutture del Villaggio furono costruite tra il 1932 e il 1938, ma i lavori furono ultimati soltanto alla fine della Seconda Guerra Mondiale; gli arredi e le attrezzature furono completati dopo la guerra, quando il complesso entrò in funzione. Si trattò per quei tempi di un cantiere straordinario per dimensione, mezzi, collocazione, per la meticolosa gestione tecnica e la raffinata progettazione; è considerato un capolavoro dell’urbanistica “razionalista”,

Durante il conflitto mondiale, nel sesto e nel settimo padiglione, furono ricoverati in gran segreto alcuni insoliti e prestigiosi pazienti: si trattava di opere d’arte importantissime provenienti da musei e collezioni private tra cui alcune tele di Rubens, Tintoretto e Segantini…

 

 


Nov 20 2016

L’ULTRALEGGERO…

Category: Veja migiorgio @ 17:04

 

ultraleggero-giorgio-maurizio-750

 

Valeggio sul Mincio…girava l’anno 2010 nel dì 2 giugno

L’aereo….un ultraleggero un po’ piccolo

La potenza  del motore…. un po’ bassa

la pista…. un po’  corta

Il peso… un sovraccarico  garantito!

Il decollo … un lungo e interminabile sospiro….

 

maurizio-pilota-750

 

Bravo Maurizio Perissinotto

 


Set 19 2016

I NONNI LASCIANO LE LORO TRACCE NELL’ANIMA DEI NIPOTI

Category: Persone e personaggi,Veja migiorgio @ 08:52

 

lorenzo-e-nonno-giorgio-10-marzo-2013-1000

 

 

Ci sono persone che sono punti cardinali, I nonni appartengono a questa categoria, ecco perchè..

  

I nonni simbolizzano un’unione generazionale, MA PERCHE’? ECCO ALCUNI MOTIVI..

 

RAPPRESENTANO I RICORDI

 

Sono i nostri ricordi pieni di compiacenza, di divertimento e di tenerezza. Storie piene di risvolti inattesi, di capelli bianchi che ondeggiano al vento ed occhi che brillano al sole durante una passeggiata in cui si sente il calore di mani che donano amore e comprensione.

Il loro regalo migliore e più grande: le radici che segnano nel cuore dei nipoti un’impronta emotiva.

 

SONO EDUCATORI

 

Lo stile educativo dei nonni ha importanti benefici per un bambino. Perché? Perché i nonni e si prendono cura dei nipoti e trasmettono loro numerosi insegnamenti come:

 

Interessi (giardinaggio, cucinare, andare a fare passeggiate, etc).

Tradizioni e storie familiari: i bambini sono affascinati dai racconti sui loro genitori da piccoli.

Esperienza accumulata: permette d’insegnare uno stile di crescita tremendamente positivo, del quale i bambini vengono impregnati.

 

SONO POSITIVI.

 

I nonni sono molto meno critici e si concentrano più sulle cose che vanno bene che su quelle che vanno male, sottolineando così le forze del bambino più che le sue debolezze.

Un’altra bella caratteristica dello stile educativo dei nonni è che aiutano i nipoti ad essere indipendenti dai genitori, così come a socializzare con persone di diverse età.

 

lorenzo-nonna-marina-26-giugno-2014-1000

 

SONO AMORE.

 

È davvero sorprendente l’amore che assorbono i bambini tramite le caramelle donate, le paghette date di nascosto, le migliori sorprese, le cene speciali, i 4 pasti diversi per 4 nipoti diversi, il regalino improvviso e gli occhiolini di complicità.

 

Con queste parole si può pensare che i bambini vogliano bene ai propri nonni per quello che ricevono e non per quello che sono, ma in realtà i nipoti adorano i pomeriggi in compagnia dei nonni per quello che significano.

 

L’amore dei nonni verso i nipoti è così immenso che non possono evitare di dimostrarlo in tutti i modi possibili:  con la cucina, i regali, i dolci, la presenza, i baci, le tasche piene per non privarli di nulla, con l’attenzione e la cura emanate per tutta la casa.

 

Nessuno può guardare i nipoti con tanta dolcezza come i nonni che se ne prendono cura; nessuno riuscirà a meravigliarsi tanto del passare degli anni, così come dell’impronta che prende forma.

 

Per questo motivo, le cure dei nonni riflettono un amore puro pieno di allegria ed obiettivi.

Un affetto che forma i bambini, che li protegge in modo unico, non sempre comprensibile ed indescrivibile.

 

Questo è il motivo per cui i nonni che si prendono cura dei bambini lasciano un segno incancellabile nella loro anima, un’unione emotiva.

 

Fonte: da NOTIZIE UTILI.IT

Link: http://notiziautile.altervista.org

 


Set 04 2016

SONO NATA PER AMORE, SONO VISSUTA PER AMARE E MORIRÒ PER AMORE

Category: Pensieri e parole,Veja migiorgio @ 06:32

rosabianca-800

 

 

Ho capito che è l’amore quella forza superiore che alcuni chiamano dio…

Io sono nata per amore, sono vissuta per amare e morirò per amore,

solo che non avrei voluto morire così giovane, ma forse è meglio così…

 

Dicono che il tempo cancella ogni ricordo,

ma niente cancellerà il tuo volto dal mio cuore,

le tue labbra che non sono mai riuscito a sfiorare,

perchè non ho mai avuto il coraggio di farlo…

 

Voglio che gli ultimi pensieri siano per quella  persona che ho amato,

e che amerò per sempre…

sarò tua per sempre, quando riderai e quando piangerai,

e vorrò stringerti al petto in un dolcissimo abbraccio,

ma non potrò farlo…

addio per sempre…

 

Rosabianca   1980

 

 


Set 01 2016

ERO COMUNISTA….

Category: Società e politica,Veja migiorgio @ 05:07

ero comunista mi sono lavato e sono guarito

 

 

ERO COMUNISTA…

MI SONO LAVATO…

E SONO GUARITO!

 

 


Giu 29 2016

STORIA DI UNA GIACCA ROSSA E BLU

Category: Veja migiorgio @ 00:11

 

giorgio-monte-carega.1200

 

Erano i primi anni settanta e a Natale ero riuscito finalmente a regalarmi la mia prima giacca a vento imbottita: il primo fine settimana libero, su in cima al monte Carega, bisognava assolutamente collaudarla! Non era importante se eravamo in pieno inverno.

 

giorgio-carega-vaio-colori.1200

 

Tanto, era sì o no una giacca a vento imbottita? Ci si metteva sotto una canottiere di lana, una camicia di lana, due maglioni, mi sentivo di poter andare al Polo Nord!

 

marina-bardolino-inverno-1984

 

Dieci anni dopo finiva nel corredo di mia moglie, diventando anche più elegante.

 

barbarano-6-aprile-2010.1200

 

Venticinque anni ancora e passava a mia nipote Caterina.

 

giorgio-paola-novembre-2014

 

Dopo quarant’ anni eccola indossata da mia cognata Paola al mercatino di Santa Croce. Lei ha ancora il fisico per quella giacca, io l’ho perso da parecchi anni.

 

Ma la giacca a vento? Tutto lavoro italiano, e si vede!

 


Mag 15 2016

BUON COMPLEANNO LYDIA ZAMPOGNA

Category: Persone e personaggi,Veja migiorgio @ 15:38

lydia-15-maggio-2011.1000

Lydia Zampogna.  Milano, ippodromo San Siro, 15 maggio 2011 

 

 

LYDIA, SONO SOLO 93!

 

 


Ott 30 2015

UN GIORNO CI RINCONTREREMO

Category: Mondo animale,Veja migiorgio @ 20:28

un giorno ci rincontreremo

“Un giorno rivedremo i nostri animali nell’eternità di Cristo”. (Papa Francesco)

 

PERCHÉ IO AMO GLI ANIMALI?

 

Madre Teresa di Calcutta, spiegava semplicemente:

Perché ti danno tutto, senza chiedere niente.

Perché contro il potere dell’uomo con le armi, sono indifesi.

Perché sono eterni bambini.

Perché non sanno cosa è l’odio nè la guerra.

Perché non conoscono il denaro e si consolano solamente con un posto dove rifugiarsi dal freddo.

Perché si fanno capire senza proferire parola.

Perché il loro sguardo è puro come la loro anima.

Perché non conoscono l’invidia né il rancore,

Perché il perdono è ancora naturale in loro.

Perché sanno amare con lealtà e fedeltà.

Perché vivono senza avere una lussuosa dimora.

 


Pagina successiva »