Apr 09 2024

MADELEINE ALBRIGHT.  LA MORTE DI 500.000 BAMBINI? NE VALE LA PENA.

.

Il 12 maggio del 1996 la Albright in un’intervista con Lesley Stahl, alla domanda della giornalista sulla la morte di mezzo milione di bambini iracheni causati dalle “politiche” USA, lei giustificò queste misure in coercitive con una frase celebre: 

ne valeva la pena” pur di rovesciare l’allora Presidente iracheno Saddam Hussein.

 Una volta ogni tanto vale la pena ricordarla questa “persona”, specialmente in periodi in cui si santificano gli americani.

Guardatela come posa fiera davanti al fotografo. Senza vergogna.


Apr 04 2024

ISCISCRIZIONE DI SERSE I

.

Iscrizione di Serse I (486–465 aC), a Van; Anatolia – Asia Minore (Turchia) 

.

Serse nacque nel 519 a.C. circa ed era figlio di un altro grande re persiano: Dario I. Entrambi facevano parte della dinastia degli Achemenidi.

Serse governò il popolo dei persiani a partire dal 485 a.C., quando venne a mancare il padre, e iniziò ad assumere la figura del despota brutale che mirava alla conquista della Grecia. 

Nel 481 a.C. il nuovo re persiano iniziò a preparare un nuovo attacco in grande stile contro gli avversari greci: con un enorme esercito (forse di centomila uomini) avrebbe dovuto attraversare l’Ellesponto su un colossale ponte di barche, raggiungere la Macedonia e da qui attraversare la Tessaglia per puntare direttamente su Atene. Una flotta di oltre mille navi avrebbe accompagnato l’avanzata militare muovendosi lungo la costa. 

Continua a leggere”ISCISCRIZIONE DI SERSE I”


Mar 22 2024

EX VOTO PER IL RAPIMENTO E LA LIBERAZIONE DI ANGIOLINA

Chiesa della Madonna  dell’Altarol – Poiano – Quadro Ex Voto 

.

Uno degli ex voto conservato nella chiesa fu dedicato dalla famiglia Leonardi, a ricordo del rapimento della figlia Angiolina.

II rapimento avvenuto il 23 luglio 1675 della bella Angiolina, figlia unica del ricco mercante Giangiacomo Leonardi ad opera  dei conti Provolo e Zenovello Giusti di Stelle, è entrato nella memoria storica della gente della Valpantena  grazie anche al romanzo storico del 1886 ad opera dell’abate di Poiano,  Pietro Caliari che dimorava nel Palazzetto Rimini.

La leggenda narra che il conte Provolo di Santa Maria in Stelle, con l’aiuto del brigante Falasco, volle organizzare il rapimento di Angiolina di Poiano, figlia di messer Lonardi, ragazza di cui si era invaghito senza essere corrisposto. Un bel giorno, quindi, il conte Provolo, entrato con i briganti in casa di messer Lonardi, rapì la figlia Angiolina fuggendo poi verso Ferrara, lontano dalla Serenissima.

L’intento del conte era di sposare la ragazza di nascosto e forzatamente. Si narra che Angiolina fosse già segretamente fidanzata con il marchese Sagramoso, il quale, venuto a conoscenza dell’accaduto, cominciò ad indagare seguendo le tracce lasciate dalla banda. Con l’aiuto del Cardinal Legato (che governava la città di Ferrara) scoprì dove si trovava Angiolina e la ragazza fu liberata. Il conte Provolo fu arrestato. La banda dei briganti fuggì, ma Falasco venne fermato ed impiccato sotto le mura di Verona mentre cercava di rientrare in città per compiere un’altra sua bravata.

Una recente riedizione a cura della Comunità Parrocchiale di Stelle ha recuperato per noi il ricordo della vicenda. Tanti ebbero modo di ascoltare la storia del rapimento dalla voce degli anziani, che se ne tramandavano il ricordo.


Mar 08 2024

SONO FEMMINILE NON FEMMINISTA

.

Marina Miotto

.

Mi ricordo anni ’90: la risposta di una giovane imprenditrice vicentina…che apostrofai come “femminista” per la sua capacità e determinazione nel gestire il personale in azienda: “Non mi offendere..io non sono una “femminista”…non sono una fallita…sono solo.. “femminile”… mi aggiunse poco dopo …”le femministe sono solo delle brutte copie dei difetti degli uomini.”


Feb 15 2024

LO STORICO E SCRITTORE  INGLESE DAVID IRVING  

.

DAVID IRVING  

.

Il successo di David Irving come storico britannico della Seconda Guerra Mondiale deriva sia dalle sue conversazioni con i sopravvissuti tedeschi, sia dalla sua capacità di leggere i documenti del tempo di guerra, compresi, e soprattutto, i diari.

.

Il suo successo iniziò con la pubblicazione nel 1963 di “La distruzione di Dresda”, seguito dalla pubblicazione di Hitler’s War nel 1977: nel 1991 e nel 2001 una seconda e una terza edizione di quest’ultimo successo, completata da migliaia di segnali intercettati dai decodificatori britannici dopo la scoperta del “codice enigma”.

.

La sua fama “esplose” quando nel 1983 smascherò la bufala dei “Diari di Hitler”: il settimanale tedesco Stern acquistò i 61 volumi dei presunti “Diari di Hitler” per 9 milioni di DM e ne pubblicò alcuni estratti: nell’ottobre 1982, Irving acquistò, dalla stessa fonte dell’acquisto di Stern, 800 pagine di documenti relativi a Hitler, dimostrando fossero FALSI.

.

Continua a leggere”LO STORICO E SCRITTORE  INGLESE DAVID IRVING  


Gen 19 2024

AVETE APPENA UCCISO LUDWIG VAN BEETHOVEN

Category: Musica e spettacoli,Persone e personaggigiorgio @ 17:58

.

Se conoscete una donna in stato interessante, che ha già otto figli, tre dei quali sono sordi, due ciechi, uno ritardato mentale e lei stessa ha la sifilide, le consigliereste di abortire? 

Se avete risposto … SI……….avete appena ucciso Ludwig van Beethoven

Beethoven aveva 8 fratelli tre dei quali sordi, due ciechi ed uno ritardato. A completare il quadro quando fu concepito la madre aveva la sifilide…chiunque avrebbe consigliato l’aborto ma, lei portò avanti la gravidanza dandoci uno dei più grandi pianisti e compositori di tutti i tempi. 


Dic 31 2023

TOTILA, IL GENERALE OSTROGOTO CHE LASCIO’ ROMA CON 500 ABITANTI

.

.

Nell’anno 546 d.C, la città eterna di Roma giacque in rovina, vittima della furia e dell’ambizione di Totila, fiero capo dei Goti. La storia, tramandataci dalle voci del passato, in particolare quelle di Procopio, storico romano d’Oriente, narra di un’epoca oscura e disperata.

Roma, una volta magnifica e imperiosa, si trovò assediata. Le sue maestose mura, che avevano resistito al tempo e alle guerre, ora piangevano sotto l’assedio degli Ostrogoti. 

Gli abitanti, intrappolati come uccelli in gabbia, soffrivano la fame più nera. Le loro bocche, un tempo saziate da vino e cibi prelibati, ora masticavano in disperazione carne di cavallo, cani, gatti e persino topi. 

Continua a leggere”TOTILA, IL GENERALE OSTROGOTO CHE LASCIO’ ROMA CON 500 ABITANTI”


Dic 26 2023

SEI DI PESCANTINA SE ….

.

Dalle memorie di padre Leone de’ Minori nato a Pescantina prima dell’unità d’Italia:

<<< A proposito poi di una sua permanenza nella città di Bologna, il frate descrive il seguente fatterello: 

” Una volta nel nostro convento di S. Antonio, in via Guido Guinizelli n.3, m’incontrai con l’insigne pittore Giacomo conte Gianni, il quale , come seppe che ero di Pescantina, così scherzando disse, davanti a una corona di frati:

– Oh! il Padre Leone è dunque di Pescantina? Quei de Pescantina, soggiunse, sono tremendi:

Domandano una pipa di tabacco, poi danno un colpo di coltello e mettono le budella nelle mani…. il primo galantuomo di Pescantina ha fatto 25 anni di galera…. e il Padre Leoncino, se non avesse la grazia della vocazione, a quest’ora sarebbe in prigione….-. 

Ma il nobile uomo trovò in me un estremo difensore della sua patria, e gli dimostrai come i Pescantinati non sono un popolo di briganti o di asassini; ma un popolo evoluto, civile e degno dell’altezza dei tempi…. Tutti i presenti risero saporitamente ….. >>>>

.

Fonte: Tratto da ” Pescantina tra ‘800 e ‘900 ” scritto da Giannantonio Conati ………


Nov 02 2023

MENACHEM BEGIN

.

Uomo politico israeliano (Brest-Litovsk 1913 – Tel Aviv 1992).

Dirigente del movimento giovanile sionista in Polonia, deportato in Siberia nel 1940-41, si trasferì in Palestina nel 1942, assumendo il comando dell’organizzazione terroristica Irgùn Zwaì Leumì, autrice di numerosi attentati antiarabi e antiinglesi negli anni immediatamente precedenti alla nascita dello stato di Israele (1948). 

Deputato alla knesset dal 1948, ministro senza portafoglio dal 1967 al 1970, nel 1973 assunse la leadership di una coalizione di partiti di destra (Likud) – tra i quali l’Herut, da lui fondato nel 1948 – che vinse le elezioni del 1977. 

Divenuto primo ministro, avviò trattative con il presidente egiziano Sādāt (con il quale condivise nel 1978 il premio Nobel per la pace), che portarono alla pace separata con l’Egitto del marzo 1979, accentuando contemporaneamente la lotta contro la resistenza palestinese e l’intransigenza nei confronti degli altri stati arabi vicini (ripetuti interventi in Libano fino all’invasione del 1982, annessione del Golan nel 1981, ecc.). 

Riconfermato primo ministro dopo le elezioni del 1981, si dimise nel 1983 per motivi di salute.

Fonte: Treccani

Link: https://www.treccani.it/enciclopedia/menahem-begin/

.

FRASI DI  MENACHEM BEGIN

Frasi di Menachem Begin Data di nascita: 16.  Agosto 1913 Data di morte: 9. Marzo 1992 Menachem Wolfovitch Begin e stato un politico israeliano, Primo ministro di Israele dal 1977 al 1983 

“La nostra razza e la Razza dei maestri. Siamo dei divini su questo pianeta. Noi siamo tanto diversi dagli esseri umani inferiori che restano degli insetti. Infatti, rispetto alla nostra razza, le altre razze sono bestie, animali, bovini al massimo. Le altre razze sono escrementi umani. Il nostro destino e quello di governare queste razze inferiori. Il nostro regno terreno sarà  governato dal nostro leader con una verga di ferro. Le masse leccheranno i nostri piedi e ci serviranno come schiavi.” (Menachem Begin, Premio Nobel per la Pace 1978)

Fonte: Paolo D’Arpini

.

Questa è la mentalità che governa “l’unica democrazia del Medio Oriente”. 

Hanno cercato di dire che questa citazione non è autentica ma fu Amnon Kapeliouk, un giornalista franco-israeliano a riportarla su The New Statesman il 25 giugno del 1982. 

Queste parole furono pronunciate da Begin davanti alla Knesset, il Parlamento israeliano.

Questa è la vera natura dello stato ebraico.


Set 11 2023

LA CORRUZIONE DEI GIUDICI È VECCHIA COME IL MONDO

.

Un dipinto del pittore fiammingo Gerard David (1460 circa-1523), mostra lo scuoiamento da vivo del  giudice corrotto Sisamnes nell’anno 500 a.C.   La storia della fine del magistrato infedele ci giunge dallo storico greco Erodoto.

Sisamnes fu un giudice reale corrotto al tempo  di Cambise II in Persia. 

Si scoprì che prese una tangente in tribunale ed emesse una sentenza ingiusta. Di conseguenza, il re ordinò che fosse arrestato per la sua corruzione, e ordinò che fosse scuoiato vivo. 

Prima di emettere giudizio, il re chiese a Sisamnes chi volesse nominare suo successore; Sisamnes nella sua avidità, scelse suo figlio Otanes, il re acconsentì e nominò Otanes per sostituire suo padre. Successivamente emesse la sentenza, ordinando che a Sisamnes gli fosse rimossa la pelle per rivestire il sedile su cui il nuovo giudice si sarebbe seduto in tribunale, per ricordargli le potenziali conseguenze della corruzione. 

Otanes, nelle sue deliberazioni, fu costretto a ricordare sempre che era seduto sulla pelle del padre giustiziato, Ciò contribuì a garantire l’equità in tutte le sue udienze, deliberazioni e sentenze.

Un buon monito per i giorni nostri.


Apr 26 2023

JESSE OWENS  CURIOSITÀ STORICHE  

.

Tutti sanno come Hitler abbia ignorato Jesse Owens durante le Olimpiadi di Berlino perché era negro.

Bella favoletta, peccato che non sia vera e sia sempre stata smentita anche dallo stesso Owens, che racconta di aver scambiato un cortese saluto con Hitler dopo aver vinto il suo primo oro.

Fu invece il presidente USA ad ignorarlo completamente, ed anzi invitando alla Casa Bianca solo atleti bianchi.

Hitler non mi snobbò, fu Roosevelt a snobbarmi. Il Presidente non mi mandò nemmeno un telegramma” furono le parole di Owens.

Ma se ripeti una bugia un numero sufficiente di volte, (quasi) tutti ci crederanno.


Feb 09 2023

RICCARDO BERTANI PARLA 112 LINGUE, HA SOLO LA LICENZA ELEMENTARE

Category: Cultura e dintorni,Persone e personaggigiorgio @ 01:22

RICCARDO BERTANI PARLA 112 LINGUE, HA SOLO LA LICENZA ELEMENTARE, 93 ANNI E VIVE IN PROVINCIA DI REGGIO EMILIA, COLTIVANDO LA TERRA ED ALLEVANDO ANIMALI.

.

Riccardo Bertani, dopo le elementari ha studiato da autodidatta idiomi dimenticati: dal mongolo alle lingue siberiane, pubblicando oltre 1000 volumi. La sua casa è diventata un Fondo e lui invita gli appassionati di lingue scomparse ad andarlo a trovare.

Ribelle fino in fondo, il contadino poliglotta si prepara col sorriso ad andare “verso l’infinito”. 

A Caprara, piccola frazione di Reggio Emilia fra campi brinati e torpido silenzio, la porta della prima casa di via della Rimondella è sempre aperta. Fuori c’è un cartello: “Fondo librario documentario Riccardo Bertani”. Porta il nome di chi in quella cascina ha sempre vissuto, chiuso in una stanza piena di libri e agende delle banche. Lì, Bertani, in 70 anni di studi e traduzioni ha scritto e realizzato più di 1000 volumi, arrivando a conoscere da autodidatta oltre 100 lingue.

Continua a leggere”RICCARDO BERTANI PARLA 112 LINGUE, HA SOLO LA LICENZA ELEMENTARE”


Ago 31 2022

L’INTUIZIONE E’ QUALCOSA CHE PRECEDE LA CONOSCENZA ACCURATA

NIKOLA TESLA


Mag 28 2022

SI TRATTERÀ DI TROVARE UN MODO PER RIDURRE LA POPOLAZIONE.

Jacques Attali

.

«In futuro si tratterà di trovare un modo per ridurre la popolazione. Inizieremo dal vecchio, perché non appena supera i 60-65 anni, l’uomo vive più a lungo di quanto produce e costa caro alla società. 

Poi i deboli e poi gli inutili che non portano nulla alla società perché ce ne   di più, e soprattutto finalmente gli stupidi. 

Ce ne sbarazzeremo facendo credere loro che sia per il loro bene. 

Non saremo in grado di fare i test di intelligenza su milioni e milioni di persone, puoi immaginare!

Troveremo qualcosa o lo causeremo, una pandemia che colpisce certe persone, una vera crisi economica o meno, un virus che colpirà il vecchio o l’adulto, non importa, i deboli soccomberanno, i timorosi e gli stupidi ci crederanno e chiederanno di essere curati.

Avremo avuto cura di pianificare il trattamento, un trattamento che sarà la soluzione. 

La selezione degli idioti sarà cosi fatta da sola: andranno al macello da soli».

[Jacques Attali, Il futuro della vita, 1981]

.

DA ALTRE FONTI…

.

La bufala sulla profezia di Jacques Attali in “Il futuro della vita” del 1981

La conferma ci arriva anche da Bufale.net. Quella associata a Jacques Attali in “Il futuro della vita” del 1981 è una serie di concetti buttati lì così, senza un senso logico. E, soprattutto, senza che l’autore li abbia mai citati. Si tratta del post virale che riporta più o meno quanto segue:

“In futuro si tratterà di trovare un modo per ridurre la popolazione. Partiremo dagli anziani, perché non appena supererà i 60-65 anni l’uomo vive più a lungo di quanto produce e costa caro all’azienda”. Inizia così una lunga citazione, che questo post di Facebook , condiviso quasi 400 volte dall’8 aprile 2021, attribuisce a Jacques Attali, ex consigliere del presidente François Mitterrand. Questa pubblicazione menziona anche “i più deboli” e “i più stupidi”, di cui bisogna “sbarazzarsi”, “facendo credere loro che è per il loro bene”.

Al di là di quanto riportato da altre fonti, come accennato prima, anche noi abbiamo fatto ricerche, senza trovare nulla. Non c’è traccia di questa citazione nelle pagine consultate. Il libro non è più disponibile presso l’editore, ma Jacques Attali ha inviato una copia delle pagine che trattano di eutanasia. Ciò corrisponde alle pagine caricate dagli utenti di Internet, e anche alla ricerca dei nostri colleghi di Checknews che avevano già esaminato i commenti allora decontestualizzati sull’allungamento della vita e sull’eutanasia nel 2018.

La citazione è apparsa intorno alla stessa data su diversi forum, prima che lo stesso Jacques Attali si sbilanciasse in prima persona con alcuni media francesi, per alcune frasi a lui attribuite in queste ore in “Il futuro della vita” del 1981:

“Questo testo è totalmente inventato. È ancora più lontano dalla realtà rispetto al precedente testo diffamatorio. Non è affatto vicino al testo iniziale. È come dire che abbia scritto Mein Kampf”.

Testo virale rielaborato, dunque, ed una bufala che in queste ore coinvolge Jacques Attali in “Il futuro della vita” del 1981.

.

ATTALI: PROFETA O COSPIRATORE?

.

Jacques Attali,

.

Quello che viviamo da un anno è un crimine contro l’umanità, nessuno ne dubita. Questa operazione è stata pianificata dalle “élite” per anni. E se, nonostante tutte le prove che noi giornalisti indipendenti e whistleblower portiamo ogni giorno, c’è ancora un dubbio nella mente di certo, voglio fornirvene un altro indiscutibile visto che compare per intero in un libro di Michel Salomon pubblicato su 1981.

Giudica da solo…

.

Jacques Attali, 1981, allora consigliere di François Mitterrand, in un libro di interviste di Michel Salomon, disse:

“In futuro si tratterà di trovare un modo per ridurre la popolazione”. Inizieremo con i vecchi, perché una volta superati i 60-65 anni, le persone vivono più a lungo di quanto producono e costano caro alla società.

Poi i deboli, poi gli inutili che non portano nulla alla società perché ce ne saranno sempre di più, e soprattutto infine i più stupidi. Eutanasia che prende di mira questi gruppi; L’eutanasia dovrà essere uno strumento essenziale delle nostre società future, in ogni caso.

Ovviamente non saremo in grado di giustiziare persone o allestire campi. Ce ne libereremo facendogli pensare che sia per il loro bene.

La popolazione troppo numerosa, e per la maggior parte inutile, è qualcosa che ha scelto di essere economicamente troppo costoso. Dal punto di vista sociale, è anche molto preferibile che la macchina umana si arresti bruscamente piuttosto che deteriorarsi gradualmente.

Né saremo in grado di superare i test di intelligenza a milioni e milioni di persone, puoi immaginare!

Troveremo qualcosa che abbiamo scelto dove lo causeremo, una pandemia che prende di mira determinate persone, una vera crisi economica o meno, un virus che colpirà i vecchi o i grassi, poco importa, i deboli soccomberanno, i paurosi e gli stupidi ci crederanno per essere attratti. Avremo cura di aver programmato il trattamento, un trattamento che sarà la soluzione.

La selezione degli idioti si farà così da soli: andranno al macello di propria iniziativa. »

[ Il futuro della vita – Jacques Attali, 1981 ]

Interviste a Michel Salomon, collezione The Faces of the Future, edizioni Seghers.

NB: Per informazione e in risposta a chi se lo chiede, c’era una seconda edizione del libro di Michel Salomon, epurato degli elementi più inquietanti. Le parole citate in questo post e attribuite al benefattore dell’umanità Attali, non compaiono più nella nuova edizione del libro, divenuta stranamente “irrintracciabile”.

.

Fonte:  Professione GENDARME   del 14  aprile 2022

Link: https://www.profession-gendarme.com/attali-prophete-ou-conspirateur/

Link: https://www-profession–gendarme-com.translate.goog/attali-prophete-ou-conspirateur/?_x_tr_sl=ru&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it&_x_tr_pto=wapp


Mag 27 2022

KLAUS SCHWAB … I MANGIATORI INUTILI

.

Dalla pagina  105 del libro di Klaus Schwab fondatore del World Economic Forum DAVOS,  pubblicato nel 1993 (John Coleman):

«Almeno 4 miliardi di “mangiatori inutili” saranno eliminati entro l’anno 2050 per mezzo di guerre limitate, epidemie organizzate di malattie mortali ad azione rapida e fame.

L’energia, il cibo e l’acqua saranno mantenuti a livelli di sussistenza per la non-élite, iniziando con le popolazioni bianche dell’Europa occidentale e del Nord America e poi diffondendosi ad altre razze.

La popolazione del Canada, dell’Europa occidentale e degli Stati Uniti sarà decimata più rapidamente che negli altri continenti, fino a quando la popolazione mondiale raggiungerà un livello gestibile di 1 miliardo, di cui 500 milioni  saranno costituiti da razze cinesi e giapponesi, selezionate perché sono persone che sono state irreggimentate per secoli e che sono abituate ad obbedire all’autorità senza domande.» (pagina n. 105)


Pagina successiva »