Apr 29 2024

LE NAZIONEI DOVE SI  DIVORZIA DI PIU’ 

Category: Società e politica internazionalegiorgio @ 13:33

.


Apr 13 2024

LOTTA DI CLASSE.

.

Adesione allo SME, divorzio Banca d’ltalia/Tesoro, abolizione della scala mobile, abolizione della legge bancaria del ’36 (divisione tra banche d’affari e banche commerciali), privatizzazione e svendita di asset statali strategici, riforme regressive del mercato del lavoro (eliminazione della scala mobile, pacchetto Treu, DL368/2001, legge Biagi, decreto Sacconi, riforma Fornero, Jobs Act, Decreto Poletti, DL Lavoro), libera circolazione di capitali, merci elavoratori, deflazione salariale, taglio della spesa pubblica, tasso di cambio sopravvalutato.

 La maggior parte di queste cose sono avvenute negli anni 90. Quando cioè il PIL italiano comincia a crollare. E, con esso, la produttività. Da quando cioè abbiamo ammazzato la domanda aggregata. 

Da quando è iniziato uno dei più grandi trasferimenti di ricchezza che la storia abbia mai visto. Un trasferimento di ricchezza dal 90% della popolazione al 10% più ricco. E ancora di più all’1%. E molto, molto di più allo 0,1%. SI CHIAMA LOTTA DI CLASSE. 

L’indipendenza della Banca Centrale, I’Unione Europea e I’euro sono alcuni degli strumenti più potenti attraverso i quali i parassiti della società stanno vincendo da una quarantina di anni  LA LOTTA DI CLASSE.

Gilberto Trombetta @Gitro77 


Apr 09 2024

MADELEINE ALBRIGHT.  LA MORTE DI 500.000 BAMBINI? NE VALE LA PENA.

.

Il 12 maggio del 1996 la Albright in un’intervista con Lesley Stahl, alla domanda della giornalista sulla la morte di mezzo milione di bambini iracheni causati dalle “politiche” USA, lei giustificò queste misure in coercitive con una frase celebre: 

ne valeva la pena” pur di rovesciare l’allora Presidente iracheno Saddam Hussein.

 Una volta ogni tanto vale la pena ricordarla questa “persona”, specialmente in periodi in cui si santificano gli americani.

Guardatela come posa fiera davanti al fotografo. Senza vergogna.


Apr 01 2024

GLOBALISMO = COMUNISMO GLOBALE

 Klaus Schwab

.

E per le persone che nutrono ancora dubbi porto ancora una citazione del papa massone dell’alta finanza Otto Kahn che già nel 1919, in una conferenza a Budapest, disse letteralment, (cito): “Voi dite che il marxismo è il più acerrimo nemico del capitalismo, il quale per noi è sacro. Ma sono solo poli opposti che ci permettono di essere l’asse dei poli. Entrambi i poli, tuttavia, hanno lo stesso obiettivo: il rinnovamento del mondo dall’alto attraverso il controllo della ricchezza e dal basso attraverso la rivoluzione”. (fine della citazione) 

Il massone di alto grado e finanziario Blumenthal lo disse in modo ancora più inequivocabile nel 1929 nel giornale svedese “Judisk Tidskrift”, n. 57 (cito): “Ultimamente la nostra razza ha dato al mondo un nuovo profeta. Ma questo ha due facce e porta due nomi: da un lato si chiama Rothschild, dall’altro Karl Marx”. (fine della citazione)


Mar 17 2024

IL COLONIALISMO INFINITO DELLA FRANCIA

.

.

Sapevate che molti paesi africani continuano a pagare una tassa coloniale alla Francia dalla loro indipendenza fino ad oggi?

Quando Sékou Touré della Guinea decise nel 1958 di uscire dall’impero coloniale francese, e optò per l’indipendenza del paese, l’elite coloniale francese a Parigi andò su tutte le furie e, con uno storico gesto, l’amministrazione francese della Guinea distrusse qualsiasi cosa che nel paese rappresentasse quelli che definivano i vantaggi della colonizzazione francese.

Tremila francesi lasciarono il paese, prendendo tutte le proprietà e distruggendo qualsiasi cosa che non si muovesse: scuole, ambulatori, immobili dell’amministrazione pubblica furono distrutti; macchine, libri, strumenti degli istituti di ricerca, trattori furono sabotati; i cavalli e le mucche nelle fattorie furono uccisi, e le derrate alimentari nei magazzini furono bruciate o avvelenate.

L’obiettivo di questo gesto indegno era quello di mandare un messaggio chiaro a tutte le altre colonie che il costo di rigettare la Francia sarebbe stato molto alto.

Lentamente la paura serpeggiò tra le elite africane e nessuno dopo gli eventi della Guinea trovò mai il coraggio di seguire l’esempio di Sékou Touré, il cui slogan fu “Preferiamo la libertà in povertà all’opulenza nella schiavitù.”

Continua a leggere”IL COLONIALISMO INFINITO DELLA FRANCIA”


Mar 16 2024

GRANDE ISRAELE: IL PIANO SIONISTA PER IL MEDIO ORIENTE

.

 Maurizio Blondet  18 Agosto 2020 

Il famigerato “Piano Oded Yinon”. Introduzione di Michel Chossudovskys
di Israel Shahak e Prof Michel Chossudovsky

Ripubblichiamo questo articolo alla luce dei recenti sviluppi in Libano segnati dalla tragica esplosione di Beirut del 4 agosto 2020

Il Libano fa parte del progetto “Grande Israele” come delineato in questo importante articolo:
“Il Grande Israele creerebbe una serie di stati proxy. Includerebbe parti del Libano, Giordania, Siria, Sinai, nonché parti dell’Iraq e dell’Arabia Saudita “.

“La Palestina è andata! Andato! راحت فلسطين. La difficile situazione palestinese è selvaggiamente dolorosa e il dolore è aggravato dallo sconcertante licenziamento e cancellazione da parte delle potenze occidentali di quel dolore, Rima Najjar, Global Research, 7 giugno 2020

Introduzione

Il seguente documento relativo alla formazione del “Grande Israele” costituisce la pietra angolare di potenti fazioni sioniste all’interno dell’attuale governo Netanyahu, il partito Likud, nonché all’interno dell’establishment militare e dell’intelligence israeliana.

Continua a leggere”GRANDE ISRAELE: IL PIANO SIONISTA PER IL MEDIO ORIENTE”


Mar 14 2024

COME FURONO INVENTATI I PALESTINESI

.

Nel 1948, il nascente Stato di Israele sconfisse gli eserciti di Egitto, Iraq, Siria, Transgiordania, Libano, Arabia Saudita e Yemen che volevano distruggerlo completamente. Il jihad contro Israele proseguì, ma lo Stato ebraico tenne duro, sconfiggendo ancora Egitto, Iraq, Siria, Giordania e Libano nella guerra dei Sei Giorni nel 1967 e l’Egitto e la Siria ancora una volta nella guerra dello Yom Kippur del 1973. Nell’ottenere queste vittorie contro enormi difficoltà, Israele riscosse l’ammirazione del mondo libero, vittorie che comportarono l’attuazione più audace e su più ampia scala nella storia islamica del detto di Maometto: “La guerra è inganno”.

Continua a leggere”COME FURONO INVENTATI I PALESTINESI”


Gen 06 2024

LA LETTERA DI ALBERT EINSTEIN E HANNAH ARENDT SULLA DERIVA FASCISTA DI ISRAELE

Giulio Chinappi 02/04/2020

.

Il 2 dicembre 1948, ventotto intellettuali ebrei, tra i quali Albert Einstein ed Hannah Arendt, inviarono una lettera alla redazione del New York Times per denunciare la deriva fascista imposta dal futuro primo ministro Menachem Begin alla natura dello Stato israeliano, fondato nel maggio dello stesso anno.

Agli editori del New York Times

Fra i fenomeni più preoccupanti dei nostri tempi emerge quello relativo alla fondazione, nel nuovo stato di Israele, del Partito della Libertà (Tnuat Haherut), un partito politico che nell’organizzazione, nei metodi, nella filosofia politica e nell’azione sociale appare strettamente affine ai partiti Nazista e Fascista. È stato fondato fuori dall’assemblea e come evoluzione del precedente Irgun Zvai Leumi, una organizzazione terroristica, sciovinista, di destra della Palestina.

Continua a leggere”LA LETTERA DI ALBERT EINSTEIN E HANNAH ARENDT SULLA DERIVA FASCISTA DI ISRAELE


Nov 02 2023

MENACHEM BEGIN

.

Uomo politico israeliano (Brest-Litovsk 1913 – Tel Aviv 1992).

Dirigente del movimento giovanile sionista in Polonia, deportato in Siberia nel 1940-41, si trasferì in Palestina nel 1942, assumendo il comando dell’organizzazione terroristica Irgùn Zwaì Leumì, autrice di numerosi attentati antiarabi e antiinglesi negli anni immediatamente precedenti alla nascita dello stato di Israele (1948). 

Deputato alla knesset dal 1948, ministro senza portafoglio dal 1967 al 1970, nel 1973 assunse la leadership di una coalizione di partiti di destra (Likud) – tra i quali l’Herut, da lui fondato nel 1948 – che vinse le elezioni del 1977. 

Divenuto primo ministro, avviò trattative con il presidente egiziano Sādāt (con il quale condivise nel 1978 il premio Nobel per la pace), che portarono alla pace separata con l’Egitto del marzo 1979, accentuando contemporaneamente la lotta contro la resistenza palestinese e l’intransigenza nei confronti degli altri stati arabi vicini (ripetuti interventi in Libano fino all’invasione del 1982, annessione del Golan nel 1981, ecc.). 

Riconfermato primo ministro dopo le elezioni del 1981, si dimise nel 1983 per motivi di salute.

Fonte: Treccani

Link: https://www.treccani.it/enciclopedia/menahem-begin/

.

FRASI DI  MENACHEM BEGIN

Frasi di Menachem Begin Data di nascita: 16.  Agosto 1913 Data di morte: 9. Marzo 1992 Menachem Wolfovitch Begin e stato un politico israeliano, Primo ministro di Israele dal 1977 al 1983 

“La nostra razza e la Razza dei maestri. Siamo dei divini su questo pianeta. Noi siamo tanto diversi dagli esseri umani inferiori che restano degli insetti. Infatti, rispetto alla nostra razza, le altre razze sono bestie, animali, bovini al massimo. Le altre razze sono escrementi umani. Il nostro destino e quello di governare queste razze inferiori. Il nostro regno terreno sarà  governato dal nostro leader con una verga di ferro. Le masse leccheranno i nostri piedi e ci serviranno come schiavi.” (Menachem Begin, Premio Nobel per la Pace 1978)

Fonte: Paolo D’Arpini

.

Questa è la mentalità che governa “l’unica democrazia del Medio Oriente”. 

Hanno cercato di dire che questa citazione non è autentica ma fu Amnon Kapeliouk, un giornalista franco-israeliano a riportarla su The New Statesman il 25 giugno del 1982. 

Queste parole furono pronunciate da Begin davanti alla Knesset, il Parlamento israeliano.

Questa è la vera natura dello stato ebraico.


Mag 13 2023

TERZA GUERRA MONDIALE 

.

Jackson Hinkle HB@jacksonhinklle: La Russia sta combattendo da sola la Terza Guerra Mondiale e sta vincendo.


Nov 08 2022

LA CINA COMUNISTA FALLÌ ANCHE NEL SEMPLICE COMPITO DI PRODURRE ACCIAIO. 

.

.

Quelle che vedete in foto sono “fornaci da cortile”. Si trattava di piccoli altiforni fatti costruire dal Partito in tutti i villaggi cinesi a partire dal 1958. 

Il Grande Balzo in Avanti prevedeva che ogni villaggio producesse una certa quantità di acciaio. Obiettivo: superare la produzione inglese di acciaio.

Cosa andò storto?

Continua a leggere”LA CINA COMUNISTA FALLÌ ANCHE NEL SEMPLICE COMPITO DI PRODURRE ACCIAIO. 


Ott 24 2022

IL GRANDE GIOCO IN UCRAINA STA ANDANDO FUORI CONTROLLO

Jeffrey Sach

.

Urge tornare sul progetto di accordo di pace tra Russia e Ucraina di fine marzo, basato sul non allargamento della Nato.

.

Di Jonas E. Alexis, redattore capo – 5 ottobre 2022

.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Zbigniew Brzezinski  ha notoriamente descritto  l’Ucraina come un “perno geopolitico” dell’Eurasia, centrale sia per il potere degli Stati Uniti che per quello russo. Poiché la Russia ritiene che i suoi interessi vitali di sicurezza siano in gioco nell’attuale conflitto, la guerra in Ucraina sta rapidamente degenerando in una resa dei conti nucleare. È urgente sia per gli Stati Uniti che per la Russia esercitare moderazione prima che il disastro colpisca.

Dalla metà del 19° secolo, l’Occidente ha gareggiato con la Russia sulla Crimea e, più specificamente, sulla potenza navale nel Mar Nero. Nella  guerra di Crimea  (1853-1856), Gran Bretagna e Francia conquistarono Sebastopoli e bandirono temporaneamente la marina russa dal Mar Nero. L’attuale conflitto è, in sostanza, la seconda guerra di Crimea. Questa volta, un’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti cerca di espandere la NATO in Ucraina e Georgia, in modo che cinque membri della NATO cerchino il Mar Nero.

Continua a leggere”IL GRANDE GIOCO IN UCRAINA STA ANDANDO FUORI CONTROLLO”


Ago 08 2022

L’UCRAINA È L’ULTIMO DISASTRO NEOCON

.

LA GUERRA IN UCRAINA È IL CULMINE DI UN PROGETTO TRENTENNALE DEL MOVIMENTO NEOCONSERVATORE AMERICANO.

.

Di Jeffrey D. Sachs

La guerra in Ucraina è il culmine di un progetto trentennale del movimento neoconservatore americano. L’amministrazione Biden è gremita degli stessi neocon che hanno sostenuto le guerre d’elezione degli Stati Uniti in Serbia (1999), Afghanistan (2001), Iraq (2003), Siria (2011), Libia (2011) e che hanno fatto così tanto per provocare la Russia invasione dell’Ucraina.

Il track record dei neocon è uno di disastri assoluti, eppure Biden ha dotato la sua squadra di neocon. Di conseguenza, Biden sta guidando Ucraina, Stati Uniti e Unione Europea verso l’ennesima debacle geopolitica. Se l’Europa ha qualche intuizione, si separerà da queste debacle della politica estera degli Stati Uniti.

Il movimento neocon è emerso negli anni ’70 attorno a un gruppo di intellettuali pubblici, molti dei quali sono stati influenzati dal politologo dell’Università di Chicago Leo Strauss e dal classicista dell’Università di Yale Donald Kagan. I leader neocon includevano Norman Podhoretz, Irving Kristol, Paul Wolfowitz, Robert Kagan (figlio di Donald), Frederick Kagan (figlio di Donald), Victoria Nuland (moglie di Robert), Elliott Cohen, Elliott Abrams e Kimberley Allen Kagan (moglie di Frederick ).

Il messaggio principale dei neocon è che gli Stati Uniti devono predominare nella potenza militare in ogni regione del mondo e devono confrontarsi con le crescenti potenze regionali che un giorno potrebbero sfidare il dominio globale o regionale degli Stati Uniti, le più importanti Russia e Cina. A tal fine, le forze militari statunitensi dovrebbero essere preposizionate in centinaia di basi militari in tutto il mondo e gli Stati Uniti dovrebbero essere preparati a condurre guerre di scelta, se necessario. Le Nazioni Unite devono essere utilizzate dagli Stati Uniti solo se utili per gli scopi statunitensi.

Questo approccio è stato esplicitato per la prima volta da Paul Wolfowitz nella sua bozza di Defence Policy Guidance (DPG) scritta per il Dipartimento della Difesa nel 2002. La bozza prevedeva l’estensione della rete di sicurezza guidata dagli Stati Uniti all’Europa centrale e orientale nonostante l’esplicita promessa della Germania Il ministro degli Esteri Hans-Dietrich Genscher nel 1990 che l’unificazione tedesca non sarebbe stata seguita dall’allargamento verso est della NATO.

Wolfowitz ha anche sostenuto le guerre d’elezione americane, difendendo il diritto dell’America di agire in modo indipendente, anche da solo, in risposta alle crisi che preoccupano gli Stati Uniti. Secondo il generale Wesley Clark, Wolfowitz aveva già chiarito a Clark nel maggio 1991 che gli Stati Uniti avrebbero guidato le operazioni di cambio di regime in Iraq, Siria e altri ex alleati sovietici.

I neocon hanno sostenuto l’allargamento della NATO all’Ucraina anche prima che diventasse la politica ufficiale degli Stati Uniti sotto George W. Bush Jr. nel 2008. Consideravano l’adesione dell’Ucraina alla NATO come la chiave per il dominio regionale e globale degli Stati Uniti. Robert Kagan ha spiegato il caso neocon per l’allargamento della NATO nell’aprile 2006:

[I] russi e cinesi non vedono nulla di naturale nelle [rivoluzioni colorate” dell’ex Unione Sovietica], solo colpi di stato sostenuti dall’Occidente progettati per far avanzare l’influenza occidentale in parti strategicamente vitali del mondo. Hanno così torto? La liberalizzazione riuscita dell’Ucraina, sollecitata e sostenuta dalle democrazie occidentali, non potrebbe essere solo il preludio all’incorporazione di quella nazione nella NATO e nell’Unione Europea – in breve, l’espansione dell’egemonia liberale occidentale?

Kagan ha riconosciuto le terribili implicazioni dell’allargamento della NATO. Cita un esperto che ha affermato: “il Cremlino si sta preparando per la ‘battaglia per l’Ucraina’ in tutta serietà”. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, sia gli Stati Uniti che la Russia avrebbero dovuto cercare un’Ucraina neutrale, come cuscinetto prudente e valvola di sicurezza.

Invece, i neocon volevano l'”egemonia” statunitense, mentre i russi hanno intrapreso la battaglia in parte in difesa e in parte anche per le loro stesse pretese imperiali. Sfumature della guerra di Crimea (1853-6), quando Gran Bretagna e Francia cercarono di indebolire la Russia nel Mar Nero in seguito alle pressioni russe sull’impero ottomano.

Kagan ha scritto l’articolo come privato cittadino mentre sua moglie Victoria Nuland era l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso la NATO sotto George W. Bush, Jr. Nuland è stato l’operatore neocon per eccellenza. Oltre a servire come ambasciatrice di Bush presso la NATO, Nuland è stata vicesegretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici di Barack Obama nel 2013-17, dove ha partecipato al rovesciamento del presidente filo-russo dell’Ucraina Viktor Yanukovich, e ora serve come sottosegretario di Biden Stato che guida la politica statunitense di fronte alla guerra in Ucraina.

La prospettiva neocon si basa su una premessa falsa prevalente: che la superiorità militare, finanziaria, tecnologica ed economica degli Stati Uniti gli consente di dettare i termini in tutte le regioni del mondo. È una posizione di notevole arroganza e di notevole disprezzo dell’evidenza. Dagli anni ’50, gli Stati Uniti sono stati ostacolati o sconfitti in quasi tutti i conflitti regionali a cui hanno partecipato.

Eppure nella “battaglia per l’Ucraina”, i neocon erano pronti a provocare uno scontro militare con la Russia espandendo la NATO nonostante le veementi obiezioni della Russia perché credono fermamente che la Russia sarà sconfitta dalle sanzioni finanziarie statunitensi e dagli armamenti della NATO.

L’Institute for the Study of War (ISW), un think tank neocon guidato da Kimberley Allen Kagan (e sostenuto da un gruppo di appaltatori della difesa come General Dynamics e Raytheon), continua a promettere una vittoria ucraina. Per quanto riguarda i progressi della Russia, l’ISW ha offerto un tipico commento: “[R]indipendentemente da quale parte detiene la città [di Sievierodonetsk], l’offensiva russa a livello operativo e strategico sarà probabilmente culminata, dando all’Ucraina la possibilità di riavviare la sua controffensiva di livello per respingere le forze russe”.

I fatti sul campo, tuttavia, suggeriscono il contrario. Le sanzioni economiche dell’Occidente hanno avuto scarso impatto negativo sulla Russia, mentre il loro effetto “boomerang” sul resto del mondo è stato ampio. Inoltre, la capacità degli Stati Uniti di rifornire l’Ucraina di munizioni e armi è seriamente ostacolata dalla limitata capacità di produzione dell’America e dalle catene di approvvigionamento interrotte. La capacità industriale della Russia ovviamente fa impallidire quella dell’Ucraina. Il PIL della Russia era circa 10 volte quello dell’Ucraina prima della guerra e l’Ucraina ha ora perso gran parte della sua capacità industriale durante la guerra.

Il risultato più probabile degli attuali combattimenti è che la Russia conquisterà una vasta fetta dell’Ucraina, forse lasciando l’Ucraina senza sbocco sul mare o quasi. La frustrazione aumenterà in Europa e negli Stati Uniti con le perdite militari e le conseguenze stagflazionarie della guerra e delle sanzioni. Gli effetti a catena potrebbero essere devastanti, se un demagogo di destra negli Stati Uniti salisse al potere (o, nel caso di Trump, tornasse al potere) promettendo di ripristinare la gloria militare sbiadita dell’America attraverso una pericolosa escalation.

Invece di rischiare questo disastro, la vera soluzione è porre fine alle fantasie neocon degli ultimi 30 anni e che Ucraina e Russia tornino al tavolo dei negoziati, con la NATO che si impegna a porre fine al suo impegno per l’allargamento verso est all’Ucraina e alla Georgia in cambio di una pace praticabile che rispetti e protegga la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina.

Jeffrey D. Sachs è un professore di economia; Direttore del Center for Sustainable Development presso l’Earth Institute della Columbia University.

FONTE

ekathimerini.com


Giu 07 2022

QUANTO TEMPO VIVRANNO I VACCINATI

.

HENRY MAKOW ..

  By Steven Fishman

Spesso mi viene posta la domanda:  “Se ho preso il “vaccino”, quanto vivrò?


Ho rinviato questa domanda a un mio amico, il dottor Mylo Canderian, Ph.D.  [nato Milos Iskanderianos, Corfù, Grecia, 1938], che ha sviluppato il brevetto per l’ossido di grafene per l’uso come arma biologica ematologica nel 2015.

In piena trasparenza, il dottor Canderian è quello che definirei un “globalista genocida”, che segue il Precetto Dieci delle Georgia Guidestones, di cui si discute molto raramente, affermando “Non essere un Cancro sulla Terra;  Lascia spazio alla natura”.

Il dottor Canderian è un collaboratore medico dell’Organizzazione mondiale della sanità ed è anche molto favorevole a Klaus Schwab e al “Grande reset”, e all’inaugurazione di una valuta digitale mondiale che è un obiettivo secondario dell’OMS per il 2022.
Il Dr. Canderian è dell’opinione che il 95% della popolazione mondiale siano “Mangiatori Inutili” che necessitano di essere soppressi il più rapidamente possibile.

“Guarda il centro di Chicago, Baltimora o Los Angeles”, ha affermato, “e vedrai chiaramente perché gli Useless Eaters devono essere abbattuti come cani rabbiosi”.

Ha espresso il suo disprezzo per gli “educatori infettivi” che promuovono la teoria della razza critica ed è fiducioso che il “vaccino” metterà fine al “cancro umano sulla Terra”.

Il dottor Canderian è un ardente sostenitore del dovere e dell’obbligo della massoneria di liberare il mondo dalla “piaga dell’umanità”.

Eppure, a livello personale, io e lui condividiamo la passione per lo stesso piatto esotico servito a L’emince de Veau a Ginevra: crema di zuppa di colibrì seguita da lingua di alce.

Entrambi siamo fan dello chef Gaston Sere de Rivieres, che è un genio culinario.

Quindi, ho chiesto a Mylo: “Come possono i “vaccinati” sapere con certezza quanto tempo devono vivere una volta che sono stati iniettati?” Mi ha presentato le informazioni, chiamate “Formula di fine ciclo”.

Ha spiegato quanto sia facile calcolare. ”Il potere della semplicità”, ha detto. “C’è un ciclo massimo di dieci anni dall’iniezione alla fine del ciclo”, [o morte], ha elaborato. “Ed è estremamente facile da determinare.” Ha detto che qualsiasi ematologo può vederlo in pochi secondi al microscopio e ancora più facilmente al microscopio elettronico. “La percentuale di sangue colpito [o contaminato] da o con ossido di grafene è la reciprocità del calcolo di fine ciclo”, ha divulgato.
 
In altre parole, un “inoculato” [come chiama chiunque sia stato infilzato con l’arma biologica per iniezione letale di autorizzazione all’uso sperimentale Eugenics Depopulation] con un deterioramento del 20% di ossido di grafene nel sangue, salvo altri criteri di input, vivrà per 8 anni. [10 anni meno 20%]. Qualcuno con il 70% di deterioramento dell’ossido di grafene non vivrà più di 3 anni. [10 anni meno 70%].

Continua a leggere”QUANTO TEMPO VIVRANNO I VACCINATI”


Giu 05 2022

STRAGE PIAZZA LOGGA. VERONA, BRESCIA E IL TERZO LIVELLO

.

di Mario Pari

Dagli atti di chiusura indagine, raccolti in 280 mila pagine e approfonditi da Rep.it, emergono fitti rapporti tra neofascisti lombardoveneti. Il viavai sospetto in un monolocale di via Aleardi. La Procura ipotizza un ruolo del Comando Nato scaligero

.

Piazza Loggia, dopo la strage: quello evidenziato potrebbe essere Toffaloni

.

Sono circa 280 mila pagine e aprono scenari nuovi su quello che sarebbe stato il «terzo livello». Un livello inedito nelle indagini sulla strage di piazza della Loggia, a differenza del secondo, quello di chi apparteneva alle istituzioni italiane. Ma soprattutto ci sono i luoghi, a Verona, in cui «il terzo livello» avrebbe avuto la sua location per le riunioni: Palazzo Carli, sede del Comando Forze Terrestri Alleate per il Sud Europa. Questo, non in una città qualsiasi, nell’ambito del processo per la Strage, ma a Verona dove, tra gli altri, risiedevano anche Marco Toffaloni Roberto Zorzi, nei cui confronti sono state chiuse le indagini e che per la procura dei minori e per la procura di Brescia sarebbero gli esecutori della Strage.

 Proprio le 280 mila pagine rappresentano gli atti alla base delle indagini e sono state sintetizzate ieri su Repubblica.it.  

Dagli atti si coglie però anche quanto sarebbe stato solido il legame tra gli ambienti neofascisti bresciani e quelli veronesi. Tra i testimoni chiave dell’accusa figura Giampaolo Stimamiglio che nel 2009 racconta al colonnello del Ros, Massimo Giraudo, di due confidenze che avrebbe ricevuto dal generale Amos Spiazzi. Una riguarda proprio i rapporti Brescia Verona: da un punto di vista esecutivo ci sarebbe stata una attività congiunta tra bresciani e veronesi nella strage. Poi il riferimento al ruolo atlantico nella regia della bomba. Non ci sono rivelazioni solo sull’esecuzione della strage. Sarebbe stata veronese e mossa da volontà omicida la mano che avrebbe manipolato il tritolo che uccise Silvio Ferrari, a Brescia, nove giorni prima dell’eccidio. Ma nelle indagini il giorno della svolta è quello del 6 aprile 2011 quando Stimamiglio agli inquirenti bresciani riferisce di un incontro con Toffaloni, minorenne all’epoca della strage: un incontro avvenuto in un motel, 20 anni prima.

Continua a leggere”STRAGE PIAZZA LOGGA. VERONA, BRESCIA E IL TERZO LIVELLO”


Pagina successiva »