Apr 14 2017

MINIERA DI SAN JOSÈ: ROXANA GOMEZ, FIGLIA DEL MINATORE MARIO GOMEZ

Category: Cronaca e notiziegiorgio @ 07:19

Girava l’anno 2010

 

Roxana Gomez

 

 

Miniera di San Josè: Roxana Gomez, figlia del minatore Mario Gomez di  anni 63, piange mentre vede su uno schermo TV  l’operazione di salvataggio del padre.  

Mario Gomez è stato il nono di 33 minatori salvati dalla miniera di San Jose, dopo essere stati intrappolati da più di due mesi nel sottosuolo.

 

 (AP Photo / Natacha Pisarenko)   Mercoledì 13 ottobre 2010

Fonte: clickblog.it/

Link: http://www.clickblog.it/

Link: http://www.boston.com/bigpicture/2010/10/rescued_from_a_chilean_mine.html

 

 

MINIERA DI SAN JOSÈ – SE FOSSE SUCCESSO IN UNA MINIERA ITALIANA, LE COSE SAREBBERO ANDATE COSÌ

 

Il minatore Mario Gomez di anni 63,   il più vecchio dei 33 minatori intrappolati.

 

 

giorno: tutti uniti per… salvare i minatori, diretta tv 24h: Bertolaso sul posto, Berlusconi a puttane.

 

giorno: da Bruno Vespa plastico della miniera, con ospiti i massimi esperti del settore minerario: Crepet, Barbara Palombelli, Belen e Lele Mora.

 

giorno: prime difficoltà, inizia la ricerca dei colpevoli e delle responsabilità. 

BERLUSCONI, a reti unificate: “è colpa dei comunisti!”; 

DI PIETRO: “Berlusconi è uno stupratore di minatori. La colpa è del conflitto d’interessi, i suoi!”; 

BERSANI: “Faremo una grande manifestazione a favore delle talpe”. 

BOSSI: “Sono tutti terroni, chissenefrega, lasciateli la’”; 

CAPEZZONE: “non è una tragedia, è una grande opportunità, ed è merito di questo governo e di questo premier. Questa Sinistra amica di Bin Laden sa solo criticare”; 

FINI: “mio cognato non c’entra”.

 

giorno: TOTTI: “Dedicherò un gol a tutti i minatori (che però sono tutti laziali)”.

 

giorno IL PAPA: “Faciamo prekiera a i minatori ke in qvesti ciorni zono così vicini al tiavolo!!”

 

giorno: speciale ‘Studio Aperto’ sulla sessualità repressa dei minatori con intervista allusiva a Bocchino. Il Giornale e Libero titolano a tutta pagina: “La miniera è di Fini!”.

 

giorno: cala l’audience, Barbara D’urso intervista i figli dei minatori: “dimmi, ti manca papà?”

 

dall’ all 30esimo giorno falliscono tutti i tentativi di Bertolaso, che così viene nominato capo mondiale della protezione civile. Dopo un mese, i minatori escono per i fatti loro dalla miniera, scavando con le mani. 

Emilio Fede rende omaggio al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per l’aiuto fornito durante gli scavi. 

 

Un anno dopo, i 33 minatori, già licenziati, vengono incriminati per danneggiamento del sito minerario.

 

Ma è successo in Cile…. ci siamo salvati!!!

 

Fonte: da Dagospia del 19 settembre 2010

Link: http://www.dagospia.com/

 

 


Mar 27 2017

L’AFFONDAMENTO DEL TITANIC: NIPOTE UFFICIALE RIVELA, FU COLPA TIMONIERE

Category: Cronaca e notizie,Storia moderna e revisionismogiorgio @ 09:46

 

 

“Non andava troppo veloce e non vide l’iceberg, fu un errore di manovra”

 

LONDRA – Il Titanic si scontrò con l’iceberg che lo affondò non perché l’enorme massa di ghiaccio fu avvistata troppo tardi, ma perché il timoniere aveva frainteso l’ordine che gli era stato dato ed aveva fatto girare la nave dalla parte sbagliata.

 

E’ questo il ‘segreto’ custodito per quasi cento anni dalla famiglia di uno degli ufficiali a bordo e rivelato oggi dalla nipote, Lady Louise Patten, moglie dell’ex ministro dell’istruzione britannico Lord John Patten, che ha utilizzato la storia come base per un suo romanzo. Il nonno della Patten, il comandante Charles Lightloller, era il secondo ufficiale a bordo del Titanic e aveva una conoscenza dettagliata degli eventi che portarono al tragico naufragio del transatlantico.

 

Continua a leggere”L’AFFONDAMENTO DEL TITANIC: NIPOTE UFFICIALE RIVELA, FU COLPA TIMONIERE”


Feb 09 2017

LA MALEDIZIONE DI TUTANKHAMON

 

 

Da quasi un secolo ormai aleggia un alone sinistro intorno al nome del faraone-bambino Tutankhamon. Da quando infatti Howard Carter ne scoprì la tomba – ufficialmente il 27 novembre 1922 – le persone più informate riguardo ai dettagli del ritrovamento morirono tutte, inspiegabilmente, nell’arco di pochi anni.

 

Circa cinque mesi dopo la scoperta della tomba il finanziatore dell’impresa, Lord Carnarvon, venne punto da una zanzara su una guancia. In seguito a questo banale incidente, le sue condizioni di salute peggiorarono fino a condurlo alla morte per setticemia.

 

Toccò poi al fratellastro di Lord Carnarvon, Aubrey Herbert, che morì inspiegabilmente, nel 1923, a seguito di una semplice estrazione dentale.

 

L’archeologo canadese La Fleur, giunto in Egitto nell’aprile 1923 – in perfetto stato di salute – per aiutare Carter nei suoi lavori, moriva appena qualche settimana dopo per una misteriosa malattia 

 

Continua a leggere”LA MALEDIZIONE DI TUTANKHAMON”


Dic 18 2016

L’ELMO DI SCIPIO? SOTTO IL CEMENTO ARMATO

Liternum, in totale abbandono e minacciato dagli abusi il parco corrispondente alla tomba dell’«Africano»

 

scavi-di-liternum-1

Gli scavi di Liternum (Lago Patria, Napoli). Una parte, corrispondente all’antica dimora di Scipione l’Africano, è finita sotto una costruzione situata a ridosso della zona tutelata dalla Soprintendenza

 

 

NAPOLI – «Ingrata patria non avrai le mie ossa».

La leggenda narra che queste siano le parole scolpite sull’epigrafe voluta da Scipione l’Africano sulla tomba, sepolta nel territorio di Giugliano, in provincia di Napoli. A causa di un diverbio con i tribuni della plebe in seguito al quale fu accusato di «peculato» per aver sottratto alle casse dello Stato ben 500 talenti ricevuti dal re di Siria Antioco III, il generale romano fu costretto a vivere i suoi ultimi giorni nella città di Liternum. Scipione, famoso per la celebre sconfitta inferta ad Annibale nella battaglia di Zama, lega da allora inesorabilmente la sua memoria a questi luoghi.

Ebbene, oggi, quegli stessi luoghi sono stati dimenticati e abbandonati: vi insiste un parco archeologico decisamente poco valorizzato e minacciato di tanto in tanto dagli abusi: la costa del giuglianese e quella di Castel Volturno, nel Casertano, sono tra le più disastrate d’Italia dal punto di vista del cemento selvaggio.

Continua a leggere”L’ELMO DI SCIPIO? SOTTO IL CEMENTO ARMATO”


Ago 26 2016

PREVENZIONE SISMICA: COSA FARE PRIMA DOPO E DURANTE UN TERREMOTO!!!

prevenzionesismica2

 

COSA FARE PRIMA DURANTE E DOPO UN TERREMOTO.

 

In caso di terremoto, il rispetto di alcune semplici norme rappresenta un fattore determinante per la diminuzione dei danni alle persone

 

PRIMA

 

Prima che arrivi un terremoto è importante:

– sapere se si è in zona a rischio

– sapere quali sono i punti più sicuri della propria abitazione ( dove sono i muri portanti, le travi di cemento armato) e del luogo di lavoro.

– sapere dove sono gli interruttori generali della luce, del gas e dell’acqua

– sapere se vi sono uscite di emergenza

– sapere dove sono gli spazi aperti sicuri vicino alla propria casa e del luogo di lavoro

– assicurarsi che tutte le persone che vivono con noi sappiano cosa fare

 

Continua a leggere”PREVENZIONE SISMICA: COSA FARE PRIMA DOPO E DURANTE UN TERREMOTO!!!”


Mag 18 2016

MARCO PANTANI… LA MIA VERITÀ DI RENATO VALANZASCA. A MADONNA DI CAMPIGLIO IL 5 GIUGNO 1999 VI FU UN COMPLOTTO.

pantani_m4

 

 

Scusandomi per il “famigliare Tu” che vuole solo esprimere tutto l’Affetto e il Rispetto che porto a Te e a tutta la Tua Famiglia, immediatamente dopo aver ricevuto il massaggio inviato al sito, mi precipito a rispondere a Te e a Tuo nipote Thomas.

 

Lascio poi a Te la decisione se dare il via libera ad Antonella se mettere o meno in rete questa mia… Perché se da un lato, per la mia immagine, la cosa potrebbe tornare più che utile… dall’altro, capisco perfettamente che si tratta di un Dolore Talmente Grande e Personale che potresti desiderare di voler tenere tutto per Te!… Decidi Tu!!!…

 

Nel caso che Tu decidessi di non mandarla blog, come mi dovrei regolare con le domande che mi sono giunte (da Marco, la freccia, Gabriele Guerini, Bruno e…) sempre riguardo alla Tragica vicenda del Tuo Compianto Marco, che mi ha coinvolto a causa del passaggio ne Il fiore del male?… Ignorarle non mi pare corretto… ma altrettanto sarebbe se dicessi loro le stesse cose!… Fammi sapere… Grazie!

 

Continua a leggere”MARCO PANTANI… LA MIA VERITÀ DI RENATO VALANZASCA. A MADONNA DI CAMPIGLIO IL 5 GIUGNO 1999 VI FU UN COMPLOTTO.”


Mar 07 2016

UNABOMBER: LA SCANDALOSA VICENDA DI ELVO ZORNITTA – TRASFORMATO IN MOSTRO DAI GIUDICI CHE AIUTAVO

Category: Cronaca e notizie,Giustizia Legula e Leguleigiorgio @ 02:31

elvo-zornitta.651

Elvo Zornitta

 

di Stefano Lorenzetto

 

INTERVISTA A ZORNITTA

 

Elvo Zornitta racconta cinque anni di calvario: “Davo suggerimenti su dove cercare la nitroglicerina. Sono diventati prove contro di me”

 

Per il suo primo Natale da Elvo Zornitta, dopo cinque interminabili anni in cui agli occhi del mondo intero è stato Unabomber, non potrà dormire nella mansarda della sua città natale, Belluno, sopra la casa degli anziani genitori, dov’era solito portare la famiglia per le feste. «L’ho dovuta vendere». Non è bastato, non basterà. Il padre e la madre, ottantatreenni, sono stati costretti a cedere anche la loro casa di vacanza al mare, a Bibione, per aiutarlo a pagare le spese affrontate nell’estenuante battaglia giudiziaria. Non è bastato, non basterà.

 

Continua a leggere”UNABOMBER: LA SCANDALOSA VICENDA DI ELVO ZORNITTA – TRASFORMATO IN MOSTRO DAI GIUDICI CHE AIUTAVO”


Feb 01 2016

NAPOLI. LO SFASCIO DELLA BIBLIOTECA DI VICO: L’ANTICA BIBLIOTECA GIROLAMINI

Category: Cronaca e notizie,Cultura e dintornigiorgio @ 00:03

decaro-biblioteca-girolamini

Marino Massimo De Caro all´interno della biblioteca Girolamini di Napoli (FOTO PINDE)

 

I LIBRI SPARITI DELLA BIBLIOTECA DI VICO. IL DOTTORE SENZA LAUREA E I LIBRI SPARITI. NAPOLI, APPELLO DI DUEMILA INTELLETTUALI CONTRO IL DIRETTORE MARINO MASSIMO DE CARO SEDICENTE PRINCIPE E SENZA LAUREA

 

Aprile 2012

 

Affidereste una delle biblioteche più ricche d’ Italia cioè del mondo, piena di tesori inestimabili, a un sedicente principe dottore che non è principe e non è laureato?

 

È successo: il «nobiluomo» “Marino Massimo De Caro” ha in mano, col benestare ministeriale, la biblioteca napoletana dei Girolamini. Quella di Giovan Battista Vico. E il giorno stesso in cui usciva sui giornali l’ allarme di centinaia di studiosi si è precipitato a denunciare il furto di un sacco di libri.

 

Continua a leggere”NAPOLI. LO SFASCIO DELLA BIBLIOTECA DI VICO: L’ANTICA BIBLIOTECA GIROLAMINI”


Gen 12 2015

CEREGNANO (RO): 65ENNE TROVA LADRO IN CASA. FINISCE A BIRRE E BRISCOLA

furti-casa-ladro-appartamento-488x255

 

 

Storia che ha rischiato di avere un finale non troppo divertente, quella capitata ieri nel cuore della Provincia di Rovigo e, più precisamente, a Ceregnano, globalmente riconosciuta come la città della felicità, e forse è proprio per questo che la vicenda che stiamo per raccontarvi ha avuto un lieto fine.

Ecco come sono andati i fatti:

Verso le ore 15.30, T.P. 65 enne residente proprio in piazza a Ceregnano, si trovava nella frazione di Lama Polesine, lungo lo scolo Brugnolo, a tentare di catturare qualche pescegatto per la cena utilizzando come esche le cosiddette corbole.

Sarà stata la temperatura non molto favorevole o l’alta marea, ma di pesci gatti se ne sono visti pochi tant’è che, approfittando di un disturbo intestinale causato dall’umidità circostante, il 65enne ha preso la sua bicicletta ed è tornato a casa.

Ed è qui che avviene il fattaccio. Aprendo il garage, lo sfortunato pescatore si è trovato di fronte ad un uomo alto in passamontagna che stava rovistando tra cassettiere e scaffali, e che alla vista del proprietario di casa ha iniziato a bestemmiare con una riconoscibilissima cadenza veneta.

Continua a leggere”CEREGNANO (RO): 65ENNE TROVA LADRO IN CASA. FINISCE A BIRRE E BRISCOLA”


Gen 10 2015

IO NON SONO CHARLIE. IO SONO AHMED IL POLIZIOTTO MORTO

IO SONO AHMED


Gen 07 2015

JE-SUIS-CHARLIE

JE-SUIS-CHARLIE

 

 

 

je prefere mourir debout


Dic 17 2014

PIAZZA FONTANA, OMERTÀ DESTRA E SINISTRA

IL-SEGRETO-DI-PIAZZA-FONTANA.276

 

 

http://www.pierolaporta.it/piazza-fontana-omerta-destra-e-sinistra/

 

Piazza Fontana, 12 Dicembre 1962, attentato senza colpevoli dopo mezzo secolo. E’ davvero così?

 

A sentire le solite campane, la responsabilità è dei servizi segreti deviati, della massoneria, delle trame internazionali, del Grande Vecchio e chi ne ha più ne metta. Alla fine del giro si conclude “piazza Fontana è un mistero”, come d’altronde il caso Moro, piazza della Loggia, la stazione di Bologna, Ustica, Capaci, via D’Amelio e via seppellendo i morti e la nostra memoria con loro. Eppure basterebbe tirare un filo delle migliaia che s’intravvedono per avvicinarsi alla verità Anzi c’è uno che alla verità s’è avvicinato moltissimo, ma…

 

Nel 2009 e di nuovo nel 2012, Paolo Cucchiarelli pubblicò “Il Segreto di Piazza Fontana”, un libro che dovrebbero imporre fra i testi scolastici. I venerati maestri del giornalismo e della cultura un tanto al chilo finsero di non capire. Taluni fecero peggio, come vedremo. Pochi ricordano che molti di costoro cofirmarono la “lettera aperta”[1] che isolò il commissario Luigi Calabresi e lo additò ai killer di Lotta Continua. Sentiremo, sentimmo, sentiamo questi cofirmatari chiedere scusa? Le parole sono pietre, talvolta pallottole.

 

Continua a leggere”PIAZZA FONTANA, OMERTÀ DESTRA E SINISTRA”


Dic 11 2014

STRAGE USTICA, IL SUPERTESTIMONE NELLA SALA OPERATIVA: “ECCO COSA SUCCESSE CON IL MIG LIBICO, I DUE MIRAGE E IL TOMCAT”

itavia-ustica.1200

 

 

“Fu all’inizio degli anni Ottanta. Una domenica in cui giocava l’Italia. Partii da Roma armato, con una scorta armata, e questo documento classificato segretissimo nella cartella. Una relazione completa sulla strage di Ustica che doveva essere controfirmata dal ministro della Difesa Giovanni Spadolini e trasmessa urgentemente al presidente del Consiglio Bettino Craxi. Arrivai alla stazione di Santa Maria Novella a Firenze, da lì una gazzella dei carabinieri mi portò nella sua residenza a Pian dei Giullari. Spadolini mi ricevette in biblioteca, indossava una vestaglia da camera rossa. Mi conosceva bene, lavoravo già da qualche anno nella sua segretaria particolare, mi chiamava per nome. Gli consegnai il documento. Lui si sedette, cominciò a leggere. Erano sette o otto pagine: il resoconto dettagliato di ciò che era accaduto quella sera, con allegate alcune carte del Sismi, il servizio segreto militare. Si parlava di due Mirage, di un Tomcat, si parlava del Mig. Mi resi subito conto che quello che c’era scritto non gli piaceva, scuoteva la testa. Finché a un certo punto sbattè un pugno sulla scrivania. Era infuriato. Ricordati, Giuseppe – mi disse – non c’è cosa più schifosa di quando i generali si mettono a fare i politici. Ma alla fine, controvoglia, firmò”.

 

Il maresciallo Giuseppe Dioguardi oggi ha 53 anni, ha prestato servizio in Aeronautica fino al 2008. Alla scadenza del suo nullaosta di segretezza, il Cosmic, che è il livello più alto, è stato ascoltato da Maria Monteleone ed Erminio Amelio, i due magistrati della Procura di Roma che indagano sulla strage di Ustica. Parte dell’interrogatorio è ancora secretato, ma il maresciallo ha accettato lo stesso di raccontare quello che sa. E sa molto. Nei 33 anni che ha trascorso nell’arma azzurra e alla Difesa, in posizioni di estrema responsabilità e delicatezza, un filo rosso lo ha tenuto sempre agganciato, spesso da supertestimone, a questa storia. Fin da quella sera del 27 giugno 1980, quando si trovò nella sala operativa della Prima regione aerea a Milano. Esattamente negli istanti in cui il DC9 Itavia veniva abbattuto nel cielo di Ustica.

 

Continua a leggere”STRAGE USTICA, IL SUPERTESTIMONE NELLA SALA OPERATIVA: “ECCO COSA SUCCESSE CON IL MIG LIBICO, I DUE MIRAGE E IL TOMCAT””


Nov 28 2014

ISIS/ MICALESSIN DA ALEPPO: “C’È LA TURCHIA DIETRO IL MASSACRO DEI CRISTIANI”

Quello che rimane della chiesa di Kivork, il simbolo di quello che gli armeni cristiani di Midan considerano il loro nuovo martirio.

 

Aleppo chiesa kivorkest-1 

 

http://www.ilgiornale.it/video/mondo/aleppo-chiesa-simbolo-nuovo-martirio-1060711.html

“Dentro quello che rimane della chiesa di Kivork, il simbolo di quello che gli armeni cristiani di Midan considerano il loro nuovo martirio – Servizio di Gian Micalessin”: immagini tratte dal video-reportage de ilGiornale.it

 

Dietro lo sterminio dei cristiani e il nuovo genocidio degli armeni in Siria per mano dell’Isis c’è la mente della Turchia che vuole ricostruire l’impero ottomano. Il califfato sevizia, uccide e abbatte chiese millenarie con il supporto logistico del regime di Erdogan, il più potente Stato membro della Nato in Medio oriente. Un progetto cui con grandi dosi di ingenuità hanno contribuito gli stessi Stati Uniti, che si sono fidati ciecamente dell’alleato turco e hanno lavorato per abbattere Assad, l’unico argine all’estremismo in Siria. L’inviato di guerra Gian Micalessin si trova ad Aleppo, città nel Nord della Siria dove si combatte strada per strada, e ci documenta una versione dei fatti profondamente diversa da quella raccontata dai “media ufficiali”.

 

Micalessin-Kivork.1024

 

 

Intervista di Pietro Vernizzi a Gian Micalessin

 

Continua a leggere”ISIS/ MICALESSIN DA ALEPPO: “C’È LA TURCHIA DIETRO IL MASSACRO DEI CRISTIANI””


Nov 19 2014

PAOLO BASAGLIA L’INGEGNERE CHE SMONTA TUTTE LE BUGIE DEI NO TAV

“Molti manifestanti lavorano per la A32, penalizzata dai treni ad alta velocità. Spesa faraonica? Ridicolo”

 

ingegnere-paolo-basaglia

Paolo Basaglia

 

 

Stefano Lorenzetto – Dom, 19/01/2014 – 08:56

 

C’è un solo modo per spiegare l’impresa nella quale Paolo Basaglia s’è lanciato: il cognome. «Mia nonna sosteneva che eravamo parenti alla lontana dello psichiatra passato alla storia per aver fatto chiudere i manicomi». Se gli va bene, ma v’è da dubitarne, lui resterà nella cronaca per essere riuscito a far aprire quello che in gergo tecnico viene chiamato tunnel di base del Moncenisio, primo step dell’opera pubblica più contestata di tutti i tempi: l’Alta velocità Torino-Lione.

 

Impresa indubbiamente da pazzi, la sua, perché significa fronteggiare un’agguerritissima tribù, come non se ne vedevano in azione dai moti di Reggio Calabria del 1970: i No Tav della Val di Susa, le cui proteste contro la nuova linea ferroviaria ad alta velocità di 235 chilometri fra Italia e Francia sono state accompagnate da un crescendo di attentati, intimidazioni, scontri con le forze dell’ordine, aggressioni, blocchi stradali, occupazioni e boicottaggi, bollati come segnali eversivi da Gian Carlo Caselli, fino a tre settimane fa capo della Procura di Torino.

Si chiama – ecco la coraggiosa follia – Comitato Sì Tav. Per ora è soltanto una pagina su Facebook, anche se in breve tempo ha già raccolto oltre 3.300 adesioni. Ad aprirla, insieme con Basaglia, è stato Ivan Possekel, tecnico informatico. Abitano a Torino. Iscritto al Partito democratico il primo, irriducibile di destra il secondo, «credo che simpatizzi per Francesco Storace», informa Basaglia, e anche questa è un’alchimia da matti, perché significa marciare divisi su tutto – «litighiamo in continuazione sul governo, sull’immigrazione, sui diritti civili degli omosessuali» – per colpire uniti sull’unico bersaglio che sta a cuore a entrambi: il treno ad alta velocità.

 

Continua a leggere”PAOLO BASAGLIA L’INGEGNERE CHE SMONTA TUTTE LE BUGIE DEI NO TAV”


Pagina successiva »