Mag 30 2017

IL COMANDAMENTO DELL’ IMPRESARIO EDILE. PRIMO ED UNICO COMANDAMENTO

Category: Architettura e urbanistica,Monolandiagiorgio @ 00:24

 

 

Non c’è niente da capire, niente da pensare: solo da costruire.

 

In questo deve consistere la tua  gestione del territorio…

Costruire finché il territorio non finisce…

Finché non c’è più spazio…

E poi morire…

 


Apr 17 2017

LA CUPOLA DI SAN PIETRO NASCONDE UN GRANDIOSO FALSO STORICO

Category: Architettura e urbanisticagiorgio @ 10:46

Città del Vaticano:  La  silhouette  del cupolone di San Pietro

 

 

Ci sono falsi storici talmente radicati nella mentalità collettiva che è pressoché impossibile sradicarli.

 

Uno di questi, tra i più clamorosi, è certamente quello che attribuisce a Michelangelo la costruzione della cupola di S. Pietro.

Il “cupolone” che noi oggi ammiriamo, in realtà è stato ridisegnato, ristudiato e costruito dall’architetto Giacomo Della Porta di Porlezza (Como), figlio di Bartolomeo scultore, fratello di Tomaso il Vecchio (Porlezza 1532 ca.   Roma 3 settembre 1602). 

 

Il disegno di Michelangelo, infatti, che era una perfetta semisfera, secondo i calcoli statici effettuati da Giacomo Della Porta, era irrealizzabile, perché il peso della struttura avrebbe gravato troppo sul timpano basale e lo avrebbe letteralmente “aperto” come gli spicchi di un’arancia. Alla morte di Michelangelo si trovava costruito solo il timpano e non la cupola. Il Della Porta, ventun anni dopo la morte del Buonarroti, rifece il disegno della cupola e la edificò. Essa risultò alla fine più slanciata di 17 metri e assai più bella dell’impossibile disegno michelangiolesco.

 

Riassumo molto brevemente, citando le più importanti tappe della vita di questo architetto rinascimentale, il figlio più illustre della famiglia porlezzina dei Della Porta, che enumera una lunga serie di artisti: Antonio detto il Tamagnino, Giovanni Battista, Giovanni Giacomo, Guglielmo, Tommaso il Giovane eccÂ… Giacomo Della Porta fu attivo soprattutto a Roma, dove svolse un’attività veramente prodigiosa. I dati che seguono si possono consultare in “Dizionario biografico degli Italiani” alla voce “Della Porta” (Treccani).

 

Continua a leggere”LA CUPOLA DI SAN PIETRO NASCONDE UN GRANDIOSO FALSO STORICO”


Nov 29 2016

IL VILLAGGIO SANATORIALE EUGENIO MORELLI. IL PIU’ GRANDE SANATORIO D’EUROPA

sondalo-sanatorio-eugenio-morelli

Sondalo. L’imponente  Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli

 

 

Il Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli è stato il più grande sanatorio d’Europa costruito dal governo fascista, fu realizzato a Sondalo, per volere dei Eugenio Morelli.

Eugenio Morelli, pneumologo di Teglio, nel 1928 fece eseguire un’analisi sulle condizioni metereologiche dell’area sondalina, grazie alle quali convinse che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un sanatorio, il più grande d’Europa. In 8 anni furono costruiti 9 padiglioni in grado di ospitare sino a 300 malati ciascuno.

Si dice che per realizzare il quarto padiglione gli architetti si fossero addirittura ispirati alle corazzate di Benito Mussolini. D’altra parte era un’autentica guerra quella che si doveva fare contro il “mal sottile”..

Il progetto dell’ imponente sanatorio sulle pendici del Monte Sortenna fu portato avanti da abili tecnici guidati dallo stesso professor Eugenio Morelli, il geniale pneumologo di Teglio. Morelli, primo in Italia ad organizzare una seria lotta contro la tubercolosi, dal 1928 impegnato a Roma come alto consulente per l’organizzazione antitubercolare dell’INFPS, l’Istituto Nazionale Fascista di Previdenza Sociale, nel 1929 convinto della sue analisi sulle condizioni meteorologiche della zona persuase tutti che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un grande sanatorio da affiancare al più modesto Pineta di Sortenna che, fondato dal dottor Ausonio Zubiani, funzionava già dal 1901.

La costruzione dei nove padiglioni, ciascuno in grado di ospitare sino a 300 malati, richiese otto anni: dal 1932 al 1940.

Le strutture del Villaggio furono costruite tra il 1932 e il 1938, ma i lavori furono ultimati soltanto alla fine della Seconda Guerra Mondiale; gli arredi e le attrezzature furono completati dopo la guerra, quando il complesso entrò in funzione. Si trattò per quei tempi di un cantiere straordinario per dimensione, mezzi, collocazione, per la meticolosa gestione tecnica e la raffinata progettazione; è considerato un capolavoro dell’urbanistica “razionalista”,

Durante il conflitto mondiale, nel sesto e nel settimo padiglione, furono ricoverati in gran segreto alcuni insoliti e prestigiosi pazienti: si trattava di opere d’arte importantissime provenienti da musei e collezioni private tra cui alcune tele di Rubens, Tintoretto e Segantini…

 

 


Ott 07 2016

L’ORIENTAMENTO ASTRONOMICO DELLA CITTÀ ROMANA DI VERONA

porta-borsari-al-sostizio-inverno

Al  solstizio d’inverno,  il sole filtra da Portoni Borsari  e illumina in asse tutta la via Postumia fino alla chiesa di Santa Anastasia

 

Lo storico veronese  Alberto Solinas fa notare che i cardi della città di Verona, sono orientati al tramonto del sole, nel solstizio d’inverno. Infatti, utilizzando una tavoletta IGM, si ricava che l’orientamento del cardo massimo è circa 55,89° ovest, partendo dal sud.

Tenuto conto che la latitudine del Foro romano, che corrisponde all’attuale piazza Erbe, è di 45,43°, si trova con il programma di “Ferrari” che l’azimut del tramonto al solstizio invernale è 55,46°, praticamente identico.

 


Gen 25 2015

IL MATTONE PIENO, RAGIONI STORICHE

Category: Architettura e urbanistica,Ricerca e tecnologiagiorgio @ 13:15

 

pompei-casa-mattoni.1200

Uso del mattone piene per le  case della  Pompei romana

 

 

Se la storia del Mattone si perde nella notte dei tempi è solo il mondo Romano che ne sancisce e stabilisce, in maniera definitiva, il suo posto d’onore nel campo delle costruzioni.

Già Marco Vitruvio Pollione infatti, nel suo De Architectura (30 a.C.), tratta in maniera diffusa, attraverso approfondimenti tecnici, l’argomento che verrà poi ripreso da Plinio il Vecchio e da altri autori classici, definendo con il nome di Lydion un mattone di un 1 piede x 1/2 piede (29,6×14,18cm).

 

Il succedersi degli eventi che portarono alla fine dell’Impero Romano, determinarono le ragioni delle differenze dimensionali dei mattoni nelle diverse località. Di fatto già nell’alto medioevo si era consolidata, grazie all’elemento di continuità rappresentato dalla permanenza anche in Italia (dalla Romagna fino al Lazio) dell’Impero Romano d’Oriente, la tradizione che portava definitivamente l’elemento Mattone alla misura standard di 14x28cm con spessori variabili da 3 a 8 cm.

 

Continua a leggere”IL MATTONE PIENO, RAGIONI STORICHE”


Gen 25 2015

LA CARBONATAZIONE DEL CALCESTRUZZO E L’AGW

carnonizzazione-cemento.1200

Carbonatazione del calcestruzzo

 

 

di Lynn Yarris, lcyarris@lbl.gov

 

Qualche giorno fa (qui su CM) è stato pubblicato un post riguardante la carbonatazione del calcestruzzo e l’influenza del Global Warming (GW) sul fenomeno.

 

Prima di analizzare il fenomeno è opportuno cercare di capire di cosa si tratta.

 

Il cemento, componente essenziale del calcestruzzo, è il prodotto di un processo produttivo che parte da minerali silico-alluminosi di calcio (calcare, argille e marne) miscelati in opportune proporzioni e finemente macinati e accuratamente miscelati. Dopo deumidificazione ed opportuno trattamento termico all’interno di un forno rotativo alla temperatura di circa 1450 °C, il miscuglio così costituito subisce una parziale fusione dando luogo al cosiddetto clinker. Si tratta di granuli di varie dimensioni costituiti da silicati anidri di calcio, alluminati di calcio e ferriti di calcio che dopo essere stati trasformati in una polvere finissima, sono in grado di reagire chimicamente con l’acqua in modo da generare un comportamento “idraulico” della pasta così formata. Il miscuglio di cemento ed acqua, dopo il fenomeno di presa ed indurimento, genera una roccia artificiale che risulta essere molto simile ad una roccia naturale molto comune nell’area della città di Portland in Gran Bretagna. Da ciò deriva il suo nome: cemento portland.

 

 

Continua a leggere”LA CARBONATAZIONE DEL CALCESTRUZZO E L’AGW”


Lug 21 2014

BRESCIA, IL SINDACO DEL PD FA SPARIRE IL BIGIO, LA STATUA CHE PIACEVA A BENITO MUSSOLINI

Category: Architettura e urbanistica,Arte,Società e politicagiorgio @ 04:45

Bigio_Piazza_Vittoria_Brescia

Il Bigio in Piazza Vittoria a Brescia  

 

Può una statua mettere paura alla Leonessa d’Italia?

 

A raccontare la storia del Bigio, scultura in marmo di Carrara nata dal genio di Arturo Dazzi nel 1932 e posizionata in Piazza della Vittoria a Brescia, si direbbe proprio di sì.

Il colosso, che venne elogiato da Benito Mussolini come raffigurazione dell’Era fascista (nome che divenne poi quello ufficiale dell’opera), riposa in un magazzino comunale, abbandonato dall’amministrazione di centrosinistra insediatasi lo scorso anno. Del resto il Bigio non è nuovo alle contestazioni: nell’immediato dopoguerra fu oggetto di numerosi assalti antifascisti, fino alla deposizione del 1945.

 

Dopo quasi settant’anni di oblio e proposte sul suo recupero, nel 2013 la giunta guidata dall’allora sindaco Pdl, l’onorevole Adriano Paroli, aveva dato il via al restauro del colosso in vista di un ricollocamento collegato all’apertura della fermata “Vittoria” della metropolitana di Brescia. Ma il Bigio non aveva fatto i conti con il Pd e i suoi alleati “partigiani”. Così, subito dopo aver vinto in Comune, Emilio Del Bono (Pd, già ultimo segretario bresciano della storia della Dc) ha bloccato subito il progetto.

 

Continua a leggere”BRESCIA, IL SINDACO DEL PD FA SPARIRE IL BIGIO, LA STATUA CHE PIACEVA A BENITO MUSSOLINI”


Dic 05 2013

BASILICA PALEOCRISTIANA E COMPLESSO TARDO-ANTICO – CONCORDIA SAGITTARIA (VE)

concordia-sagittaria-chiesa-paleocristiana-1024-

 

 

Descrizione: Il sito comprende resti di una trichora martyrum e di una basilica paleocristina a tre navate, pavimentata in mosaico con motivi geometrici, e con bancone presbiteriale rialzato.

Davanti all’edificio si estende un ampio quadriportico con pozzo centrale, al quale si accede da una strada romana ben conservata.

Rimangono anche i resti dell’episcopio.

A fianco della trichora si sviluppa un’area sepolcrale con sarcofagi.

 

Costo del biglietto: gratuito

Giorni e orario d’apertura: 9.00 – 19.00

Proprietà: Statale 
Città: Concordia Sagittaria

Indirizzo: Piazza della Cattedrale 
CAP: 30023

Provincia: Venezia

Regione: Veneto

Telefono: 0421/275677

 


Dic 16 2012

RIFORMA DEI CONDOMINI: ECCO COME SONO CAMBIATE LE REGOLE

Category: Architettura e urbanistica,Società e politicagiorgio @ 00:23

condomini.650

Verona – Grattacielo di Piazza Simoni

 

Amministratore “trasparente”, nuovi quorum delle assemblee, via libera agli animali e ai condomini che vogliono staccarsi dal riscaldamento centralizzato

 

Una riforma dopo 70 anni. Sta per essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la legge(scarica il testo in pdf) che modifica la disciplina “del condominio negli edifici“, una ventina di articoli del Codice civile rimasti pressoché invariati dal 1942, mentre la convivenza e le esigenze di uno stabile si sono completamente trasformate. Un mondo dove la casistica delle situazioni, spesso ad alta conflittualità, è pressoché infinita. La nuova legge, che entrerà in vigore dopo 6 mesi dalla pubblicazione (quindi presumibilmente verso la metà del 2013),  andrà a incidere sulla vita quotidiana di 30 milioni di italiani che vivono in edifici condominiali.

 

Le novità riguardano moltissimi aspetti delle vita condominiale: dal ruolo dell’amministratore, ai quorum delle assemblee, al sito web per le comunicazioni alla tutela degli animali, la possibilità di staccarsi dal riscaldamento centralizzato e leparabole tv. Vediamole più in dettaglio.

Continua a leggere”RIFORMA DEI CONDOMINI: ECCO COME SONO CAMBIATE LE REGOLE”


Lug 13 2012

L’ITALIA CHE SCOMPARE: È IL CONSUMO DI SUOLO IL NEMICO NUMERO 1 DELL’AMBIENTE

Category: Architettura e urbanistica,Geografia e ambientegiorgio @ 15:44

Cementificazione di Milano 

Inquinamento, caccia e incendi dolosi sono mali minori. Senza interventi nei prossimi vent’anni si perderanno 75 ettari al giorno

L’ITALIA CHE SCOMPARE – A lanciare l’allarme su questo fenomeno sono i risultati del dossier Terra rubata–Viaggio nell’Italia che scompare: un progetto di ricerca svolto dall’Università degli studi dell’Aquila e promosso dal Fondo ambiente italiano (Fai) e dal Wwf e presentato martedì mattina, a Milano. «Il territorio è sottoposto a una minaccia spaventosa di cui pochi si rendono conto», ha detto il presidente onorario del Wwf Fulco Pratesi, mentre Giulia Maria Mozzoni Crespi, presidente onorario del Fai, ha sottolineato la necessità di «affrontare il domani e non solo l’emergenza, perché poi si paga se nell’emergenza si è agito nella maniera sbagliata. Mi auguro che il governo Monti, che pure ha dovuto affrontare emergenze che risalgono all’epoca dei nostri padri fondatori, consideri anche il domani che seguirà alle sue scelte».

Continua a leggere”L’ITALIA CHE SCOMPARE: È IL CONSUMO DI SUOLO IL NEMICO NUMERO 1 DELL’AMBIENTE”


Mag 30 2012

IN EMILIA SONO CROLLATI I CAPANNONI INDUSTRIALI. MA È NORMALE CHE SIANO CROLLATI? CERTO!

Category: Architettura e urbanistica,Ricerca e tecnologiagiorgio @ 13:11

Facendo i soliti “conti del marito della serva”,  si trova che   le località interessate dal terremoto erano  classificate fino al 2003/2005 zone NC  NC sta  per zona sismica non classificata,  ovvero: dormite sicuri che non esistono problemi!)

Se si va a vedere i paesi interessati sono tutti:

Finale Emilia NC

Modena NC

Mirandola NC

Bondeno NC

Carpi NC

Correggio NC

San Felice sul Panaro NC

Ecc. ecc. ecc. ecc.

Le Province di Modena e Ferrara NON ERANO CLASSIFICATE SISMICHE, pertanto i capannoni sono crollati, “forse”  perché non c’era l’obbligo, la necessità e i parametri  per progettarli in maniera adeguata a resistere  ad un sisma che non sarebbe “mai” dovuto arrivare,  essendo una zona considerata suppergiù  con la stessa staticità di un tavolo da biliardo.

Di cosa si parla quando ci si chiede con fare persecutorio: “Chi ha costruito quei capannoni?” “È  da suicida costruirli così”.

La domanda semmai dovrebbe essere: “Quando hanno costruito quei capannoni?”.

La naturale iperstaticità di una costruzione in muratura sta consentendo a molte abitazioni civili di aver evitato  il peggio.

Ma con i capannoni non è così!

Progettati per i SOLI CARICHI GRAVITATIVI  (ante 2003/2005), con tegoli semplicemente APPOGGIATI e pilastri con armature chiaramente sottodimensionate  per l’energia che hanno dovuto sopportare in questi giorni, alcuni….NON HANNO NATURALMENTE  RETTO!.

 

 


Dic 30 2009

Lago di Garda Sos: Residence e cementificazioni a valanga

bardolino sermana

Una veduta panoramica del residence «Borghi del Garda resort Village» in località Sermana, a Peschiera

ESPOSTI. Tre quelli fatti alla Procura dal Comune di Torri, che ha posto vincoli nelle delibere. E Brenzone ha approvato una mozione ad hoc. Lotta alle strutture turistiche trasformate in seconde case Passionelli: «E nessuno in Regione interviene»

Una mozione consiliare, alcuni esposti alla Procura della Repubblica e gli strali, ma solo verbali, della Unione gardesana albergatori veronesi.

Continua a leggere”Lago di Garda Sos: Residence e cementificazioni a valanga”


Mar 24 2009

CASTEGGION (CASTEJON) DI COLOGNOLA AI COLLI, DOVE SI NARRA LA MEMORABILE STORIA DI UNA COLLINA…

CASTEJON di  Cologna ai Colli, dove  si narra la memorabile storia di una collina, …con le strabilianti gesta di sindaci, speculatori, archeologi, contadini etc,  etc,…

Ogni riferimento a persone o cose reali è puramente causale

INSERTO REDAZIONALE NORDEST  N° 4 –  aprile  1985

Scarica el-castejon-de-colognola-ai-colli-inserto

Questa “storia” che andiamo a raccontare farà forse sorridere (lo speriamo) o forse arrabbiare (suvvia!! non è il caso), ma il nostro proposito è soprattutto quello di far riflettere un attimo: in tante città, paesi, contrade, la gente, spesso, si racconta “storie” come questa o simili a questa.

Ringraziamo l’anonimo autore che ha voluto raccontare a fumetti uno di queste “storie”

“Nordest” offre questo inserto ai propri lettori, con simpatia.

Pag.2

Pag.3

Pag.4

Pag.5

Pag.6

Pag.7

Pag.8

Pag.9

Pag.10

Pag.11

Pag.12


Mar 17 2009

CONTRO IL PIANO-CASA DI BERLUSCONI ALCUNI DEI PRINCIPALI RESPONSABILI DEGLI ORRORI CHE HANNO SFIGURATO IL BELPAESE: AULENTI, FUKSAS, GREGOTTI

Category: Architettura e urbanisticagiorgio @ 08:08

 

SGARBISSIMO! – “CONTRO IL PIANO-CASA DI BERLUSCONI ALCUNI DEI PRINCIPALI RESPONSABILI DEGLI ORRORI CHE HANNO SFIGURATO IL BELPAESE: AULENTI, FUKSAS, GREGOTTI – NON SOLO PER ABUSIVISMO MA PER QUELLA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DI ARCHITETTI”…

 

VTTORIO SGARBI PER IL GIORNALE

Attila disse «salviamo l’Italia». 

In prima pagina della Repubblica di ieri, 10 aprile, appariva un appello di tre architetti, tra i principali vandali del nostro tempo, che chiedono «un sussulto civile delle coscienze di questo Paese» contro «la proposta di liberalizzazione dell’edilizia, annunciata dal presidente Berlusconi».

 

Firmano l’appello Gae Aulenti, Massimiliano Fuksas, Vittorio Gregotti: 

«Le licenze facili e i permessi edilizia fai da te decretano la fine delle nostre malconce istituzioni. Il territorio, la città e l’architettura non dipendono da un’anarchia progettuale che non rispetta il contesto, al contrario dipendono dalla civiltà e dalle leggi della comunità. La proposta di liberalizzazione dell’edilizia, annunciata dal presidente Berlusconi, rischierebbe di compromettere in maniera definitiva il territorio. Ecco perché c’è bisogno di un sussulto civile delle coscienze di questo Paese».

E il sussulto viene da alcuni dei principali responsabili degli orrori che hanno sfigurato il volto delle nostre città e del paesaggio. Non si vorrebbe credere. Potrebbe sembrare una burla, probabilmente non lo è e certamente otterrà numerose firme di complici e non ingenui cittadini insieme a quelle di molti che amano il loro Paese e avvertono il pericolo reale. Perché, sia ben chiaro, la preoccupazione è lecita, ma ci vogliono veramente le facce toste dei tre architetti citati per mettersi a capo di una rivolta contro quella «anarchia progettuale che non rispetta il contesto» di cui proprio loro sono stati i principali protagonisti.

AULENTI

Se l’Italia è devastata non lo è soltanto per l’abusivismo ma per quella associazione a delinquere di architetti che, spesso in virtù della loro notorietà e delle benemerenze ottenute con la complicità di partiti o di consapevole amministrazione di centrosinistra o di raggirate amministrazioni di centrodestra che li hanno sostenuti, hanno sfigurato i centri storici e il paesaggio, adesso hanno il coraggio di firmare appelli.

Dobbiamo ricordare che Gae Aulenti ha distrutto il disegno di piazza Cadorna a Milano con architetture che hanno sfregiato gli edifici ottocenteschi pre esistenti, deliberatamente; ha devastato il centro storico della bellissima città di Alcamo con pigne e sfere e corpi illuminanti come traversine ferroviarie disseminati nella piazza principale, senza alcun rispetto dell’armonia dei luoghi;

Che Fuksas ha inflitto il Palafuksas a Torino, una grottesca scatola scambiata per chiesa a Foligno, e immaginato un grattacielo come un sigaro nel golfo di Savona, con una allegra spudoratezza;

 che Gregotti ha circondato il Villaggio Pirelli alla Bicocca a Milano con una serie di ripetitive «scatole da scarpe» e ha costruito il quartiere Zen a Palermo dichiarando che mai ci sarebbe andato ad abitare per l’orrore che ne provava.

FUKSAS

E Fuksas ha dimenticato la cementificazione di Paliano sotto il castello Colonna con una serie di alloggi come forni crematori? O una serie di edifici per la cooperativa Ernica inflitti alla bella Anagni? O l’incredibile municipio della città di Cassino con le facciate (deliberatamente) sul punto di crollare, forse per una non scaramantica allusione a Tangentopoli o a un terremoto? E non ha risparmiato neanche Civita Castellana con le cappelle per il nuovo cimitero, giochi insensati per morti reali.

Provate ad entrare nel nuovo padiglione dell’abbigliamento a Porta Palazzo a Torino per capire fino a che punto può arrivare la perversione dell’architetto indignato. Neppure Gregotti si è risparmiato. Dopo lo Zen si è applicato all’Università delle Calabrie, gigantesca struttura lineare a ponte, tutta di cemento armato, che si sviluppa perpendicolarmente alle creste delle montagne vicino a Cosenza. E non ha mancato neppure di colpire Venezia con il quartiere residenziale a Cannaregio.

L’Italia è disseminata di turpi architetture firmate, l’emblema delle quali è, nel cuore di Roma, la teca dell’Ara Pacis di Richard Meyer. E ora, come tre vispe terese, arrivano Aulenti, Fuksas e Gregotti a protestare contro il cemento selvaggio. Si preoccupano; e magari fossero in malafede. No, sono semplicemente smemorati. Firmano in tre, risponderanno in tremila, cercheranno di garantirsi una immunità per distinguersi dagli speculatori; cercheranno di sollevare una questione morale, troveranno complici.

VITTORIO GREGOTTI

In Italia si arrestano, per associazione a delinquere, le Marchi madre e figlia, ma quelli che hanno distrutto le nostre città sono in prima fila contro Berlusconi per chiamarsi fuori, per scandalizzarsi. L’Associazione pedofili fonda un asilo e sarà bello leggere i nomi dei sottoscrittori. Il rischio del provvedimento del governo non va nascosto, non è da questo pulpito che vogliamo essere messi in allarme. Ma forse scopriremo domani che Repubblica ha inaugurato la rubrica giornalistica di «Scherzi a parte». 

D’altra parte gli architetti italiani hanno spesso determinato equivoci. Qualche tempo fa il grande regista Werner Herzog in visita a Sciacca vide il teatro della città in costruzione da più di trent’anni, e immaginò di tenerlo come scenografia di un’opera wagneriana facendolo saltare con la dinamite. Impresa impossibile per la quantità di cemento armato impiegato per la costruzione del mostruoso edificio che Herzog giudicò evidentemente voluto dalla mafia. Il sindaco convenne sulla visione immaginifica di Herzog ma non mancò di farmi notare che l’opera non era il progetto di un geometra locale ma del grande architetto Giuseppe Samonà professore di Urbanistica all’istituto universitario di architettura di Venezia.

Vedo ora, su Internet, che fra i nuovi firmatari dell’appello del trio c’è anche Pierluigi Cervellati, e questo mi rassicura. Spero ora che egli richiami i limiti della proposta del governo indicando nel trio degli architetti proponenti l’appello i responsabili e non le vittime dello scempio annunciato e da loro già realizzato.

 

 

Fonte: da Dagospia del 11-03-2009


Feb 22 2009

Speculazione e distruzione del territorio; correva l’anno 1954

Category: Architettura e urbanisticagiorgio @ 15:44

Adriano Olivetti, l’utopico e allo stesso tempo concreto programmatore di futuro e di Comunità, sul primo numero della rivista dell’Istituto nazionale di urbanistica, nel 1949, scriveva:

“L’urbanistica reclama la pianificazione; e può darsi una pianificazione democratica, cioè libera? Questo interrogativo dominerà implicitamente o esplicitamente il nostro lavoro. E’ soltanto nella soluzione del rapporto individuo-collettività… che è possibile anticipare la soluzione”.

Sei anni dopo, nel 1954, in una lettera agli urbanisti italiani, commentava amaro la dissennata dissipazione del territorio italiano: 

“La politica italiana non ha voluto accettare il metodo scientifico e con esso moderne tecniche di pianificazione urbana e rurale, non ha voluto né potuto dar luogo ad audaci e preveggenti piani regolatori, onde le nostre città stanno impaludando in un caotico disordine”.