Mar 28 2017

VENEZIA CACCIA I GESUITI, PER CONSIGLIO DI FRA’ PAOLO SARPI

 

Paolo Sarpi 

 

 

Di Simonetta Dondi dall’Orologio

 

Venezia fin dalla sua fondazione aveva sempre difeso la sua indipendenza non solo politica ma anche religiosa; in particolare rifiutando la giurisdizione di Roma e del Papato.

 

Difatti i rapporti tra la Repubblica di Venezia e la Chiesa di Roma furono spesso travagliati.

 

Continua a leggere”VENEZIA CACCIA I GESUITI, PER CONSIGLIO DI FRA’ PAOLO SARPI”


Mar 25 2017

UNA SERATA A CORSICO FRA GENTE DI BASSO LIVELLO.

Category: Chiesa Cattolica,Società e politicagiorgio @ 00:22

Corsico il Naviglio

 

 

Maurizio Blondet 24 marzo 2017

 

Chiara  ha 11 anni.  Prima, accompagnava la (ancor giovane) nonna alla Messa, la domenica. Adesso, da qualche settimana, si rifiuta: “Non credo più. Dio non esiste”.  Come mai, si allarma la nonna. Alla fine Chiara le racconta: “Ho pregato che facesse tornare insieme mamma e papà. Solo questo gli ho chiesto, solo questo. Per tutti questi anni. E invece mamma è andata a fare i figli con quell’altro”.   

 

Ha il dolore negli occhi.  Chiara vive con la nonna e il suo papà, l’abbandonato, uno che si spacca di lavoro tutto il giorno   sull’orlo della rovina – ha una “impresa  di pulizie” ormai ridotta a un solo elemento, lui stesso (è la crisi) e divorata dalle tasse e “adempimenti”, e il mutuo da pagare sull’appartamento di quando era sposato  – e il mattino, aiuta Chiara a fare la cartella, sta attento che porti i libri e i quaderni giusti. Chiara a scuola va benissimo.  Ma in questi giorni è intrattabile, a tavola provoca gli schiaffi a papà…Si  vede che è arrabbiata e infelice, per questo è cattiva, dice la nonna. Il fatto è che la mamma sta tornando dalla clinica, dove ha partorito il terzo figlio con “l’altro” (è una fattrice la mamma, capisco: due  figli col marito, tre con l’altro, che è disoccupato)  e sa che la mamma la trascurerà ancora di più.  Deve chiamare “fratelli” gli altri tre, e “zio” l’altro: non vuole andare in quella casa. Sta sempre con la nonna che, ancor giovane, non ha pensione. Anche nonna, del resto, ha avuto un marito e poi un “compagno”: entrambi non versano un euro, hanno altre “compagne”; non si sentono obbligati né responsabili – e poi, anche loro fanno lavoretti precari. Nonna  fa la baby sitter a un bambino di tre anni, per 3 euro l’ora. Si rifiuti, le dico. Lei:   a me dieci euro al giorno servono;   se rifiutassi, c’è una vicina che prenderebbe il mio posto, s’è già fatta avanti. E poi, anche la famiglia del bambino è povera – lavorano in   due, pagano il mutuo…

Ha l’osteoporosi, la nonna; ha la borsetta piena di  ricette che le fa la dottoressa amica, che è dello stesso gruppo di preghiera.

 

Continua a leggere”UNA SERATA A CORSICO FRA GENTE DI BASSO LIVELLO.”


Mar 16 2017

IMMAGINI DEL DIVENIRE CRISTIANO NEI SERMONI DI SAN ZENO

Category: Chiesa Cattolica,Chiesa veronesegiorgio @ 00:16

Verona Basilica zenoniana: Statua di San Zeno 

 

 

Dopo Costantino, nel giro di pochi decenni, la Chiesa acquisisce una posizione non solo di legalità, ma pure di privilegio. Anche per questo il numero dei convertiti al cristianesimo aumenta notevolmente.

 

Il secolo quarto è chiamato l’«età d’oro» della catechesi patristica: l’attenzione della Chiesa si concentra sulla Quaresima, tempo privilegiato della preparazione al Battesimo, essendo ormai in decadenza il catecumenato come struttura pastorale di maturazione alla fede(1).

 

C’è infatti una tendenza a prolungare il catecumenato in una specie di «status», più o meno definito, che non consente una programmata azione pastorale. La preparazione quaresimale e la celebrazione della Pasqua è accompagnata da una intensa attività di predicazione da parte dei Pastori, predicazione che ha come oggetto i testi biblici letti e le celebrazioni dei Sacramenti e del mistero di Cristo(2).

 

A Verona S. Zeno assiste, nel tempo del suo episcopato(3), ad una fioritura di conversioni.

 

La diffusione del cristianesimo nel Nord Italia ha conosciuto una certa lentezza iniziale, rispetto ad altre regioni, ma ormai si ha un deciso affermarsi della Chiesa(4).

 

I Sermoni di San Zeno risuonano di questo fervore di  conversioni e dell’impegno pastorale per far capire i divini misteri, per trasformare la mentalità da pagana in cristiana(5).

 

Continua a leggere”IMMAGINI DEL DIVENIRE CRISTIANO NEI SERMONI DI SAN ZENO”


Gen 23 2017

PIO XII, LE STORICHE SCUSE DELLA BBC: «ABBIAMO DETTO IL FALSO, AIUTÒ GLI EBREI»

bbc-pio-xii

 

 

di Federico Cenci

 

da Zenit, 21/12/16

 

Un nuovo piccolo ma significativo passo verso la verità storica della seconda guerra mondiale è stato compiuto in Gran Bretagna, ad opera della prestigiosa Bbc. Con un gesto di onestà intellettuale, l’emittente inglese ha ammesso che un suo servizio televisivo che accusava la Chiesa cattolica di essere rimasta inerte dinanzi alle persecuzioni degli ebrei da parte dei nazisti, era basato su false notizie.

 

Il servizio in questione è andato in onda lo scorso 29 luglio, nel tg serale, durante la visita di Papa Francesco ad Auschwitz in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù. Il giornalista che stava seguendo l’evento per conto della Bbc ha così commentato: “Il silenzio fu la risposta della Chiesa cattolica quando la Germania nazista demonizzò la popolazione ebraica e poi tentò di sradicare gli ebrei dall’Europa”.

 

Continua a leggere”PIO XII, LE STORICHE SCUSE DELLA BBC: «ABBIAMO DETTO IL FALSO, AIUTÒ GLI EBREI»”


Ago 17 2016

QUEGLI ISLAMICI SENZA RISPETTO

Category: Chiesa Cattolica,Islamgiorgio @ 03:50

Chiesa-San-Zulian-Chiesa-di-San-Giuliano

Venezia. Chiesa di San Zulian

 

Era prevedibile, e bisognava impedirlo. Perché è assolutamente intollerabile. A Venezia c’è una bella chiesa, tra Rialto e San Marco, la chiesa di San Zulian, davanti alla quale passa una fiumana di gente, turisti italiani, europei, immigrati islamici. Molti entrano a visitarla. Gli islamici sono curiosi, ma di una curiosità irriguardosa. Perché ridacchiano, sghignazzano, si indicano uno con l’altro il crocifisso che sta proprio di fronte all’entrata, gli fanno le corna, gli si piazzano davanti per farsi fotografie. Per riderne anche dopo, a casa loro, o nel loro gruppo, vien da pensare.

 

Il parroco non sa come liberarsene. Vorrebbe non accoglierli, ma c’è una raccomandazione del Papa ad accogliere tutti coloro che vogliono entrare. La raccomandazione aggiunge esplicitamente: «Anche i musulmani».

Continua a leggere”QUEGLI ISLAMICI SENZA RISPETTO”


Ago 15 2016

L’ASSUNZIONE, L’ISLAM E LE CONTRADDIZIONI DELLA CIVILTÀ OCCIDENTALE

Category: Chiesa Cattolicagiorgio @ 01:02

madonna-assunta-tiziano-duomo-verona-

Assunzione della Vergine, dipinto a olio su tela (394×222 cm) di Tiziano, databile al 1535, conservato nel duomo di Verona a Verona.

 

di Don Massimo Lapponi

 

Uno dei pregiudizi più radicati, e più esiziali, della moderna mentalità occidentale è che la sfera dell’amore tra i sessi sia un ambito di natura strettamente privata, che non ha rilevanza per gli interessi comuni e in cui perciò la pubblica autorità, non solo statale ma anche religiosa, non ha né motivo né diritto di intromettersi. Non si è ripetuto ad usura in questi ultimo tempi: “Ora uno non può neanche amare come gli pare e piace?”

 

Che questo sia un pregiudizio infondato lo dimostra la più elementare riflessione: forse che non dipende dall’amore tra i sessi e dal mistero della generazione umana tutta la vita del mondo e tutto il suo avvenire? Si può dunque lasciare all’arbitrio individuale la stessa fonte della vita dei popoli?

 

Continua a leggere”L’ASSUNZIONE, L’ISLAM E LE CONTRADDIZIONI DELLA CIVILTÀ OCCIDENTALE”


Lug 31 2016

LA PREGHIERA ALLA VERGINE

Category: Chiesa Cattolica,Pensieri e parolegiorgio @ 00:07

madonna-chiesa-santa-anastasia-verona.1200

Madonna con Bambino. Verona, Chiesa di Santa Anastasia

 

 

Di San Bernardo ( Dante Alighieri –Paradiso, XXXIII, 1-39)

 

“Vergine madre, figlia del tuo Figlio,

Umile ed alta più che creatura,

Termine fisso d’eterno consiglio.

 

Tu se’ colei che l’umana natura

Nobilitasti sì, che il suo Fattore

Non disdegnò di farsi sua fattura.

 

Nel ventre tuo si raccese l’amore

Per lo cui caldo nell’eterna pace

Così è germinato questo fiore.

 

Continua a leggere”LA PREGHIERA ALLA VERGINE”


Lug 29 2016

1962 – DIRETTIVE DEL GRAN MAESTRO AI VESCOVI CATTOLICI MASSONI

Category: Chiesa Cattolica,Dominio Potere e Violenzagiorgio @ 00:21

vaticano-massoneria

 

DIRETTIVE DEL GRAN MAESTRO DELLA MASSONERIA AI VESCOVI CATTOLICI MASSONI, PER DISTRUGGERE LA CHIESA CATTOLICA E RENDERE IL SUO CULTO SIMILE A QUELLO PROTESTANTE

 

 

Una delle tre lettere dei primi anni sessanta, scritte a mano e inviate da un ‘confratello massone’, nome in codice Frama, (porporato di alto rango) al Maestro venerabile del Grande Oriente di Palazzo Giustiniani. Lettere in cui si fa cenno ad altri affiliati alla loggia, porporati di altissimo rango. La lettera è stata resa pubblica da un prete francese che ha abiurato la sua appartenenza alla Massoneria, un piano massonico che egli seguiva quando faceva parte della setta.

 

Controllare le date! Il Concilio ecumenico Vaticano II si svolse in quattro sessioni, dal 1962 al 1965.   Data della lettera: 1962

 

 

1962 – DIRETTIVE DEL GRAN MAESTRO AI VESCOVI CATTOLICI MASSONI

 

 

Tutti i confratelli massoni dovranno riferire sui progressi di queste decisive disposizioni”. Tutti i massoni occupati nella Chiesa debbono accoglierle e realizzarle.

(Rielaborate nell’ottobre 1993 come piano progressivo per lo stadio finale)

 

 

1 Rimuovete una volta per tutte San Michele, protettore della Chiesa Cattolica da tutte le preghiere all’interno e all’esterno della Santa Messa. Rimuovete le sue statue, affermando che esse distolgono dall’ Adorazione di Cristo.

 

Continua a leggere”1962 – DIRETTIVE DEL GRAN MAESTRO AI VESCOVI CATTOLICI MASSONI”


Lug 28 2016

IN RICORDO DI DON LUIGI VILLA

Category: Chiesa Cattolica,Persone e personaggigiorgio @ 00:04

Don_luigi_Villa_550

Rev. Don Luigi Villa

 

 

19 novembre 2012

 

Il Signore ha chiamato a Sé l’anima del Rev. Don Luigi Villa

Requiem aeternam dona ei Domine et lux perpetua luceat ei, requiescat in pace.

Amen

(I funerali si terranno domani 20 novembre 2012, ore 15:30, presso Chiesa Crocifissa di Rosa, Via Crocifissa di Rosa, Brescia)

 

 

IN RICORDO DI DON LUIGI VILLA, PUBBLICHIAMO UNA SUA BREVE BIOGRAFIA SCRITTA DALL’ING. FRANCO ADESSA, SUO COLLABORATORE DA TANTI ANNI, E PUBBLICATA SUL SITO PONTIFEX   

di Franco Adessa

 

Su richiesta di molte persone dall’Italia e dall’estero, e dopo più di vent’anni di collaborazione con questo coraggioso Sacerdote, ho deciso di scrivere questa breve biografia di don Luigi Villa, perché ritengo non sia più possibile tacere sulla indescrivibile e interminabile persecuzione subìta da questo anziano, fedele e incorruttibile Ministro di Dio!

 

Nato a Lecco, il 3 febbraio 1918, Luigi Villa, dopo aver compiuto i suoi studi ginnasiali, liceali e teologici, fu ordinato Sacerdote, il 28 giugno 1942. Celebrò la sua prima Messa nella cattedrale di Lecco, suo paese d’origine ed esercitò il suo ministero sacerdotale nell’Istituto Comboniano, per circa una decina d’anni.

Don Villa era un vero cacciatore di vocazioni ed uno stimato predicatore e conferenziere ed i suoi interventi erano apprezzati e richiesti in molte città e luoghi d’Italia. Inoltre, egli si dedicava in modo particolare alla formazione dei giovani.

 

Fu proprio questo suo legame con i giovani e la sua influenza che egli esercitava su di essi che gli procurò una condanna a morte. Infatti, il Gerarca fascista Ministro della Giustizia, Roberto Farinacci, emise una condanna a morte nei suoi confronti. La motivazione era la seguente: «Padre Luigi Villa non si sa chi sia; pare mandato in giro a sobillare i giovani contro la Repubblica». L’esecuzione della fucilazione non ebbe luogo grazie ad una “soffiata” fatta da un ufficiale del Ministero di Giustizia che, segretamente e tempestivamente, preavvisò un confratello di don Villa, Padre Ceccarini – che viveva presso l’Istituto Comboniano di Crema con don Luigi – perché fuggisse.

Così, don Villa scavalcò una finestra e fuggì, proprio mentre stava arrivando una jeep con sei soldati armati del plotone di esecuzione.

 

Continua a leggere”IN RICORDO DI DON LUIGI VILLA”


Lug 12 2016

PERSECUZIONE DEI CRISTIANI: RICORDIAMONE PER ESEMPIO A CASO ALCUNE DEL 2010

Category: Chiesa Cattolica,Dominio Potere e Violenzagiorgio @ 00:13

ARRESTATO PADRE GIOVANNI BATTISTA LUO SACERDOTE DEL FUJIAN: AVEVA ORGANIZZATO UN CAMPO CON 300 UNIVERSITARI

P_ Luo

Padre Giovanni Battista Luo

 

Padre Giovanni Battista Luo è in arresto dal 3 marzo scorso. Altri tre sacerdoti hanno ricevuto un mandato di arresto, non ancora eseguito. Altri tre devono pagare una multa. P. Luo aveva detto ad AsiaNews: “Sono pronto ad andare in prigione. Sarei felice di servire come testimone di Cristo e seguire l’esempio di tanti santi martiri”…

 

Un sacerdote sotterraneo della diocesi di Mindong (Fujian) è stato arrestato per aver organizzato un campo con 300 studenti universitari. Altri tre sacerdoti suoi collaboratori hanno ricevuto un mandato di arresto, non ancora eseguito; ad altri tre sono state comminate multe fino a 500 yuan (circa 50 euro). Settimane prima del suo arresto, il sacerdote aveva dichiarato: “Sarei felice di servire come testimone di Cristo e seguire l’esempio di tanti santi martiri”.

 

Continua a leggere”PERSECUZIONE DEI CRISTIANI: RICORDIAMONE PER ESEMPIO A CASO ALCUNE DEL 2010″


Lug 07 2016

“SUORE, MONACHE … DONNE RADICATE E IMPRIGIONATE IN LAGUNA.”

Category: Chiesa Cattolica,Veneto e dintornigiorgio @ 00:32

suore_tramonto_in_laguna

 

 

Un tramonto nella Laguna di Venezia per quanto struggente e magico non vale nulla se non c’è qualcuno in grado di gustarlo e vederlo.

In Laguna ne accadono a milioni … ma non sempre sanno suscitare quell’armonia e quella poesia che sono capaci d’indurre … Possono esserci occhi “spenti” che non li vedono … persone “rivoltate in se stesse” che vivono dentro a uno spesso velo di tristezza e angustia che impedisce loro di gustarsi gli altri e il resto del vivere.

 

Insomma: se un bel tramonto non ha qualcuno che lo guarda, lo gode e apprezza è come se non esistesse.

 

Che sia chiaro fin da subito: io alle Suore devo molto, anzi: moltissimo, perché ho trascorso in maniera assidua gran parte della mia prima infanzia in loro compagnia, e da loro ho imparato tantissimo.

Potrei dire perfino che da loro prima che dalla mia famiglia ho imparato certi valori, e che è meglio essere buoni, pazienti, obbedienti e gentili … oltre che industriosi, anche se per riuscire in questa impresa serve attraversare il famoso mare che c’è di mezzo fra “il dire e il fare”.

 

Continua a leggere”“SUORE, MONACHE … DONNE RADICATE E IMPRIGIONATE IN LAGUNA.””


Giu 20 2016

ROMA. SCOPERTE DALLE CATACOMBE DI SANTA TECLA: TROVATE LE ICONE DEGLI APOSTOLI PIETRO E PAOLO E FORSE GIACOMO E GIOVANNI

Category: Chiesa Cattolica,Storia e artegiorgio @ 00:13

 

ROMA CATACOMBE DI SANTA TECLA - Fotografo: BENVEGNU_-GUAITOLI-LANNUTTI

ROMA CATACOMBE DI SANTA TECLA – Fotografo: BENVEGNU_-GUAITOLI-LANNUTTI

 

Sulla via Ostiense, a poca distanza dalla Basilica di San Paolo fuori le mura

 

Continuano le sorprese sul fronte dell’archeologia sacra. Gli scavi sono eseguiti dalla Pontificia commissione di Archeologia sacra presieduta da Monsignor Gianfranco Ravasi. Le ipotesi e le voci che più si sentono sono quelle che in un cubicolo siano stati scoperti altre due icone di Apostoli, si dice che raffigurino forse Giacomo e Giovanni, e ancora un Daniele tra i leoni e il sacrificio di Isacco. Si sta lavorando con il laser per ripulire la patina calcarea che ricopre la volta dell’ipogeo.

 

Nel giugno scorso, nella ricorrenza dell’anno giubilare di San Paolo, fu scoperta una icona raffigurante l’Apostolo delle genti risalente al IV secolo d.C. Il volto di San Paolo ha la fronte ampia e con rughe, barba lunga a punta, l’Apostolo è raffigurato con i tratti tipici del pensatore.

 

Continua a leggere”ROMA. SCOPERTE DALLE CATACOMBE DI SANTA TECLA: TROVATE LE ICONE DEGLI APOSTOLI PIETRO E PAOLO E FORSE GIACOMO E GIOVANNI”


Giu 15 2016

PRIMA ANCORA CHE IL DIRITTO A EMIGRARE VA RIAFFERMATO IL DIRITTO A NON EMIGRARE

Category: Chiesa Cattolica,Società e politicagiorgio @ 00:12

PRIMA DEL DIRITTO DI EMIGRARE

 

 

Prima ancora

che il diritto a emigrare

va riaffermato

il diritto a non emigrare

cioè a essere in condizione

di rimanere nella propria terra

 

Papa Benedetto XVI

 


Mag 11 2016

MEDITAZIONE: LA PREGHIERA NEL SILENZIO DELLA MENTE, UNA ESPERIENZA CON L’ASSOLUTO.

Category: Chiesa Cattolica,Conoscenza variegiorgio @ 01:06

tramonto-sul-mare.1200

 

 

La meditazione è semplicemente stare con se stessi nell’sterno.

Diventare osservatori e sapersi percepire nel corpo, nella mente, nelle emozioni.

Quando sappiamo osservare il nostro pensiero questo cessa e si dissolve, entriamo nel silenzio dove avviene l’incontro tra la creatura e il creatore, tra l’uomo e Dio.

La meditazione deve venire per se stessa, senza sforzo per compierla.

Non bisogna combattere contro il dialogo interiore, ma accettarlo e lasciarlo andare.

La meditazione di una mente che sia totalmente in silenzio è la benedizione che l’uomo sempre cerca.

 

METODO

 

Meditare e stare in una buona postura: siediti come una montagna, immobile, silenzioso, con tutto il peso, senza contrazioni e senza troppo rilassamento. Impara la pazienza

 

Meditare e stare ben orientati: mantenere la colonna vertebrale retta come un stelo di un fiore, senza tensione:

 

Meditare e saper respirare: respirare come le onde dell’oceano, porta attenzione all’inspirazione e all’aspirazione, prendiamo consapevolezza.

Respira senza forzature il respiro diaframmatico.

Fermati o quell’attimo di eternità che puoi percepire alla fine di ogni espirazione e prima che inizi l’ispirazione.

 

Meditare e invocare il Nome: armonizza il respiro von col Nome che invochi che pensi: “inspirando Dio, espirando Dio”

 

Buona Meditazione, buona Preghiera!

 


Mag 09 2016

RATZINGER E L’ASCENSIONE DI CRISTO

Category: Chiesa Cattolicagiorgio @ 00:30

 

resurrezione cristo-s-maria-in-organo-verona

Assunzione di Cristo. Chiesa di Santa Maria in Organo, Verona

 

 

RATZINGER E L’ASCENSIONE DI CRISTO : “IL CIELO NON E’ UNO SPAZIO, MA UNA PERSONA: IL DIO-UOMO. QUINDI L’ASCENSIONE NON SIGNIFICA LA TEMPORANEA ASSENZA DI DIO FRA NOI, MA LA FORMA NUOVA DELLA SUA PRESENZA, DOVUNQUE, PER CIASCUNO”

 

“Che significato ha […] l’ascensione al cielo di Cristo? Significa credere che in Cristo l’uomo […] è entrato, in modo inaudito e nuovo, nell’intimità di Dio. Significa che l’uomo trova per sempre spazio in Dio.

Il cielo non è un luogo sopra le stelle […]: è il trovar posto dell’uomo in Dio e questo ha il suo fondamento nella compenetrazione di umanità e divinità nell’uomo Gesù crocifisso ed elevato. Cristo, l’uomo che è in Dio, è al tempo stesso il perpetuo essere aperto di Dio per l’uomo.

Egli stesso è, quindi, ciò che noi chiamiamo ‘cielo’, poiché il cielo non è uno spazio, ma una persona, la persona di colui nel quale Dio e uomo sono per sempre inseparabilmente uniti.

E noi ci avviciniamo al cielo, anzi, entriamo nel cielo, nella misura in cui ci avviciniamo a Gesù ed entriamo in lui.

Pertanto, l”ascensione al cielo’ può divenire un processo che si verifica nella nostra vita di tutti i giorni.
[…] Per essi [i discepoli], quindi, l’ascensione non possedeva quel significato errato che noi abitualmente le assegnamo: la temporanea assenza di Cristo dal mondo. Significava piuttosto la nuova, definitiva e insopprimibile forma della sua presenza, in virtù della sua partecipazione alla potenza regale di Dio.

In tal senso, la teologia giovannea poté praticamente presentare come tra loro intrecciati la resurrezione ed il ritorno di Cristo […]: nella resurrezione di Gesù, grazie alla quale egli è ora per sempre in mezzo ai suoi, è già iniziato il suo ritorno”.

 

Joseph Ratzinger, 
(in “Dogma e predicazione”).


Pagina successiva »