Mag 06 2024

LE COPERTE INFETTATE DI VAIOLO DATE AGLI INDIANI

.

Spesso quando si discute la teoria dei germi con qualcuno salta fuori la solita storia delle coperte infettate con il vaiolo date dai coloni agli indiani.

Mi è sempre sembrata una logica difficile: come potevano fare ad infettare le coperte con il vaiolo? Da malati che guarda caso erano a disposizione lì vicino? In un biolaboratorio classe 4 con tute antivirus e respiratori? 

Non sarebbe stato più facile sparargli, a quegli indiani?

Il tutto risale ad un singolo libro scritto da Ward L. Churchill, della University of Colorado.

Peccato che il professore sia stato accusato di frode accademica, e di aver distorto gli eventi dell’outbreak di vaiolo che si verificò fra gli indiani del Nord Dakota.

Il libro si intitla “A Little Matter of Genocide” ed è l’unico documento che parla di questo fantomatico contagio la cui storia è diventata poi una leggenda metropolitana dura a morire.

La realtà fu molto più semplice. A monte di dove viveva la tribù venivano trattate pellicce con l’arsenico, ed i residui venivano trasportati dal fiume con l’acqua bevuta poi dagli indiani.

I sintomi dall’intossicazione di arsenico sono quasi gli stessi del vaiolo, con dolori muscolari, vomito, diarrea e lesioni cutanee.

L’arsenico è stato poi utilizzato ampiamente anche in Europa e nel resto degli USA, dove si sono sviluppati focolai di “vaiolo”.


Apr 27 2024

ECCO  DOVE E COME NASCE LA LEGGENDA DI BATMAN! 

.

Nel 1800, in una Sardegna dominata dalle lotte tra fazioni locali e le forze coloniali, sorse un leggendario vigilante noto come “Il Cavaliere di Baradili“. 

Si narra che fosse un nobile decaduto, che perse la famiglia a causa dell’ingiustizia e della corruzione dei villici dell’epoca. 

Costui, avendo giurato vendetta, adottò un’identità segreta e si impegnò a combattere per la giustizia, ispirandosi a un pipistrello che trovò nelle grotte della Sardegna. 

Indossava un mantello nero e una maschera che evocava le leggende locali, e si serviva di abili strategie per sgominare gli sgherri e difendere i più deboli. 

La sua leggenda si diffuse tra la gente comune, che lo considerava un eroe misterioso e incorruttibile, sempre pronto a difendere i deboli e a sfidare i potenti. 

Si dice che lui fosse il vero batman noto anche zurrundeddu all’epoca. 

Perché ci nascondono la vera storia?


Apr 22 2024

LA LEZIONE SEMPRE PIÙ ATTUALE DI GIANFRANCO MIGLIO

.

Il professore comasco, autore di originali riflessioni e di studi pioneristici,

che fu anche senatore della Repubblica italiana nella XI, XII e XIII legislatura

È trascorso più di un ventennio da quando Gianfranco Migliopolitical scientist, storico e costituzionalista di incomparabile lucidità, ha concluso la sua vicenda terrena. Tante volte aveva parlato, con ironia, della sua morte. Negli ultimi anni era felice di aver avuto in sorte la possibilità di raggiungere il nuovo millennio, dopo aver assistito, nel 1989-91, ai cambiamenti della storia mondiale, che aveva in gran parte previsto. Già prima della sua scomparsa, le case editrici avevano cancellato dai cataloghi i libri dei suoi ultimi dieci anni di lavoro, rendendoli introvabili, chiudendo anche le collane che dirigeva. Nelle università aveva subito da un pezzo i colpi di un sistematico ostracismo. I colleghi (in particolare coloro che – comodamente assisi in Parlamento – sono stati per lungo tempo complici oggettivi di un sistema politico corrotto e inefficiente e che oggi per onestà intellettuale dovrebbero finalmente riconoscere l’esattezza delle sue previsioni) lo percepivano come un “appestato”, per le sue aperte denunce e per le scomode prese di posizione in favore di una radicale riforma costituzionale in senso federale: l’unico fine che si era prefissato e che dimostrava essere indispensabile per trasformare uno Stato territoriale – nato nell’Ottocento per pigra imitazione di modelli inadatti e forieri di problemi sempre più gravi – in un sistema talmente moderno che (come riconosciuto da studiosi svizzeri) potesse essere utile perfino per migliorare l’assetto della Confederazione elvetica.

Continua a leggere”LA LEZIONE SEMPRE PIÙ ATTUALE DI GIANFRANCO MIGLIO


Mar 17 2024

IL COLONIALISMO INFINITO DELLA FRANCIA

.

.

Sapevate che molti paesi africani continuano a pagare una tassa coloniale alla Francia dalla loro indipendenza fino ad oggi?

Quando Sékou Touré della Guinea decise nel 1958 di uscire dall’impero coloniale francese, e optò per l’indipendenza del paese, l’elite coloniale francese a Parigi andò su tutte le furie e, con uno storico gesto, l’amministrazione francese della Guinea distrusse qualsiasi cosa che nel paese rappresentasse quelli che definivano i vantaggi della colonizzazione francese.

Tremila francesi lasciarono il paese, prendendo tutte le proprietà e distruggendo qualsiasi cosa che non si muovesse: scuole, ambulatori, immobili dell’amministrazione pubblica furono distrutti; macchine, libri, strumenti degli istituti di ricerca, trattori furono sabotati; i cavalli e le mucche nelle fattorie furono uccisi, e le derrate alimentari nei magazzini furono bruciate o avvelenate.

L’obiettivo di questo gesto indegno era quello di mandare un messaggio chiaro a tutte le altre colonie che il costo di rigettare la Francia sarebbe stato molto alto.

Lentamente la paura serpeggiò tra le elite africane e nessuno dopo gli eventi della Guinea trovò mai il coraggio di seguire l’esempio di Sékou Touré, il cui slogan fu “Preferiamo la libertà in povertà all’opulenza nella schiavitù.”

Continua a leggere”IL COLONIALISMO INFINITO DELLA FRANCIA”


Mar 16 2024

GRANDE ISRAELE: IL PIANO SIONISTA PER IL MEDIO ORIENTE

.

 Maurizio Blondet  18 Agosto 2020 

Il famigerato “Piano Oded Yinon”. Introduzione di Michel Chossudovskys
di Israel Shahak e Prof Michel Chossudovsky

Ripubblichiamo questo articolo alla luce dei recenti sviluppi in Libano segnati dalla tragica esplosione di Beirut del 4 agosto 2020

Il Libano fa parte del progetto “Grande Israele” come delineato in questo importante articolo:
“Il Grande Israele creerebbe una serie di stati proxy. Includerebbe parti del Libano, Giordania, Siria, Sinai, nonché parti dell’Iraq e dell’Arabia Saudita “.

“La Palestina è andata! Andato! راحت فلسطين. La difficile situazione palestinese è selvaggiamente dolorosa e il dolore è aggravato dallo sconcertante licenziamento e cancellazione da parte delle potenze occidentali di quel dolore, Rima Najjar, Global Research, 7 giugno 2020

Introduzione

Il seguente documento relativo alla formazione del “Grande Israele” costituisce la pietra angolare di potenti fazioni sioniste all’interno dell’attuale governo Netanyahu, il partito Likud, nonché all’interno dell’establishment militare e dell’intelligence israeliana.

Continua a leggere”GRANDE ISRAELE: IL PIANO SIONISTA PER IL MEDIO ORIENTE”


Mar 14 2024

COME FURONO INVENTATI I PALESTINESI

.

Nel 1948, il nascente Stato di Israele sconfisse gli eserciti di Egitto, Iraq, Siria, Transgiordania, Libano, Arabia Saudita e Yemen che volevano distruggerlo completamente. Il jihad contro Israele proseguì, ma lo Stato ebraico tenne duro, sconfiggendo ancora Egitto, Iraq, Siria, Giordania e Libano nella guerra dei Sei Giorni nel 1967 e l’Egitto e la Siria ancora una volta nella guerra dello Yom Kippur del 1973. Nell’ottenere queste vittorie contro enormi difficoltà, Israele riscosse l’ammirazione del mondo libero, vittorie che comportarono l’attuazione più audace e su più ampia scala nella storia islamica del detto di Maometto: “La guerra è inganno”.

Continua a leggere”COME FURONO INVENTATI I PALESTINESI”


Feb 28 2024

 CHI HA VOLUTO LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE INIZIA A SARAJEVO IL 28 GIUGNO 1914.

 Così raccontano i libri di storiah…

.

La prima guerra mondiale fu il risultato di una cospirazione, ma non da parte di un conclave di nazionalisti serbi, ma, inizialmente, da parte di 3 uomini in buona fede convinti che la loro ricchezza e potere potessero modellare il corso della storia.

.

Era l’inverno del 1891, era un salotto di Londra, lì i 3 cospiratori formeranno un’organizzazione segreta “dedita all’estensione del dominio britannico in tutto il mondo” e “al recupero finale degli Stati Uniti d’America come parte integrante dell’Impero britannico”.

.

Il gruppo dovrà strutturarsi sul modello di una confraternita religiosa, l’ordine dei Gesuiti, ossia divisa in due circoli: un circolo interno, denominato “Società degli Eletti”, che dovrà dirigere l’attività del cerchio più grande, esterno, soprannominato “L’Associazione degli Aiutanti“, che non devono sapere dell’esistenza del cerchio interno.

Continua a leggere” CHI HA VOLUTO LA PRIMA GUERRA MONDIALE”


Feb 17 2024

GLI EBREI CHE VIVONO IN ISRAELE NON HANNO IL DNA EBRAICO ANTICO 

Category: Popoli e nazioni,Storia moderna e revisionismogiorgio @ 11:03

.

.

Secondo la ricerca genetica della Johns Hopkins, il 97,5% degli ebrei che vivono in Israele non hanno il DNA ebraico antico e quindi non sono semiti e non hanno antichi legami di sangue con la terra di Palestina.

Mentre l’80% dei palestinesi porta con sé l’antico DNA ebraico e quindi sono veri semiti. 


Feb 15 2024

LO STORICO E SCRITTORE  INGLESE DAVID IRVING  

.

DAVID IRVING  

.

Il successo di David Irving come storico britannico della Seconda Guerra Mondiale deriva sia dalle sue conversazioni con i sopravvissuti tedeschi, sia dalla sua capacità di leggere i documenti del tempo di guerra, compresi, e soprattutto, i diari.

.

Il suo successo iniziò con la pubblicazione nel 1963 di “La distruzione di Dresda”, seguito dalla pubblicazione di Hitler’s War nel 1977: nel 1991 e nel 2001 una seconda e una terza edizione di quest’ultimo successo, completata da migliaia di segnali intercettati dai decodificatori britannici dopo la scoperta del “codice enigma”.

.

La sua fama “esplose” quando nel 1983 smascherò la bufala dei “Diari di Hitler”: il settimanale tedesco Stern acquistò i 61 volumi dei presunti “Diari di Hitler” per 9 milioni di DM e ne pubblicò alcuni estratti: nell’ottobre 1982, Irving acquistò, dalla stessa fonte dell’acquisto di Stern, 800 pagine di documenti relativi a Hitler, dimostrando fossero FALSI.

.

Continua a leggere”LO STORICO E SCRITTORE  INGLESE DAVID IRVING  


Gen 06 2024

LA LETTERA DI ALBERT EINSTEIN E HANNAH ARENDT SULLA DERIVA FASCISTA DI ISRAELE

Giulio Chinappi 02/04/2020

.

Il 2 dicembre 1948, ventotto intellettuali ebrei, tra i quali Albert Einstein ed Hannah Arendt, inviarono una lettera alla redazione del New York Times per denunciare la deriva fascista imposta dal futuro primo ministro Menachem Begin alla natura dello Stato israeliano, fondato nel maggio dello stesso anno.

Agli editori del New York Times

Fra i fenomeni più preoccupanti dei nostri tempi emerge quello relativo alla fondazione, nel nuovo stato di Israele, del Partito della Libertà (Tnuat Haherut), un partito politico che nell’organizzazione, nei metodi, nella filosofia politica e nell’azione sociale appare strettamente affine ai partiti Nazista e Fascista. È stato fondato fuori dall’assemblea e come evoluzione del precedente Irgun Zvai Leumi, una organizzazione terroristica, sciovinista, di destra della Palestina.

Continua a leggere”LA LETTERA DI ALBERT EINSTEIN E HANNAH ARENDT SULLA DERIVA FASCISTA DI ISRAELE


Ago 15 2023

GELINDO BONIN, NOME DI BATTAGLIA TIGRE. L’ INFOIBATORE VICENTINO

GELINDO BONIN, NOME DI BATTAGLIA TIGRE.

.

Oggi è un anno che mi precipitai a Gallarate a fotografare la tomba di un infoibatore nostrano. 

Mi avevano finalmente informato in quale cimitero fosse sepolto, mi avevano informato il pomeriggio di un caldissimo giorno di agosto e la mattina dopo ero già in autostrada. Era un mercoledì, giorno di chiusura del cimitero, lo leggevo, stordito, in un cartello sulla grande cancellata d’ingresso.

Avevo fatto quattrocento chilometri per nulla? Me ne aspettavano altrettanti. E ottocento erano troppi! Ho forzato il cancellone tanto quanto mi fosse sufficiente passare, ovviamente in tralice. Mi avrebbero visto? Mi avrebbero portato a rispondere in un ufficio di polizia? Avevo con me la tessera di giornalista e in automobile qualche copia dei miei libri. Non sarebbe stato facile per l’ottuso carabiniere o vigile urbano, che fossero, sospettarmi d’intrusione e confondermi con un profugo in attività.

Continua a leggere


Giu 28 2023

IL BOMBARDAMENTO DI LONDRA

Category: Storia moderna e revisionismogiorgio @ 13:52

.

Estratto da un articolo del giornalista e prominente figura ebraica, Ron Unz

.

Il resoconto standard della Seconda Guerra Mondiale è in gran parte il contrario della verità. 

All’epoca, il bombardamento aereo di centri urbani lontani dalle linee militari era illegale e considerato un crimine di guerra, e Hitler non aveva assolutamente intenzione di attaccare le città britanniche in quel modo.

In effetti, il leader tedesco aveva sempre avuto opinioni favorevoli nei confronti della Gran Bretagna e riteneva che la conservazione dell’Impero britannico fosse nell’interesse strategico della Germania, poiché il suo crollo avrebbe creato un vuoto geopolitico che avrebbe potuto essere colmato da una potenza rivale.

Dopo che la Germania attaccò la Polonia, Gran Bretagna e Francia dichiararono guerra. L’esercito polacco fu sconfitto in poche settimane e Hitler si offrì di ritirare le sue forze dai territori polacchi occupati e di fare la pace, ma le due potenze occidentali giurarono di continuare la guerra finché la Germania non fosse stata schiacciata. Si combatte poco fino alla primavera del 1940, quando i tedeschi attaccano e sconfiggono l’enorme esercito francese, conquistando Parigi e mettendo la Francia fuori dalla guerra.

Le forze britanniche vennero evacuate a Dunkirk e ci sono molte prove che Hitler abbia deliberatamente permesso loro di fuggire come gesto per salvare la faccia piuttosto che ordinarne la cattura. Dopo la vittoria in Francia, Hitler offrì condizioni estremamente generose al governo britannico, non avanzando alcuna richiesta nei loro confronti e proponendo invece un’alleanza tedesca, compreso il sostegno militare per proteggere la sicurezza del loro impero mondiale. Hitler naturalmente credeva che gli inglesi avrebbero accettato un’offerta così allettante e avrebbero posto fine alla guerra, che egli riteneva essenzialmente finita.

Molti dei principali leader britannici sembravano desiderosi di fare la pace alle generose condizioni di Hitler e, secondo le prove trovate dal famoso storico britannico David Irving, lo stesso Primo Ministro Winston Churchill sembrava disposto a farlo prima di cambiare idea e tirarsi indietro. Churchill aveva passato decenni a cercare di diventare Primo Ministro e Irving sostiene plausibilmente che si rese conto che perdere una guerra disastrosa a poche settimane dal raggiungimento di quella posizione lo avrebbe reso lo zimbello dei libri di storia.

Ma data la sconfitta militare della Gran Bretagna sul continente e le condizioni molto generose offerte da Hitler, Churchill si trovò di fronte a un enorme problema nel convincere il suo Paese a continuare una guerra che era ampiamente considerata persa. Pertanto, iniziò a ordinare una serie di bombardamenti contro la capitale tedesca, un crimine di guerra illegale, sperando di provocare una risposta tedesca. Questo portò Hitler ad avvertire ripetutamente che se avessero continuato a bombardare le sue città, sarebbe stato costretto a rispondere con una rappresaglia, e alla fine lo fece. Poiché l’opinione pubblica britannica non era a conoscenza del fatto che il proprio governo aveva avviato la campagna di bombardamenti urbani, considerò gli attacchi aerei tedeschi di rappresaglia come mostruosi e immotivati crimini di guerra e, proprio come Churchill aveva sperato, si impegnò a fondo per continuare la guerra contro la Germania.


Mag 21 2023

IL  PRIMO CASO DI SPAGNOLA

.

Il primo caso di Spagnola” venne registrato nell’ autunno del 1918 a Fort Riley (Kansas), 345 ovvero proprio dove la Rockefeller Foundation aveva somministrato il vaccino contro la meningite promosso da Frederick Gates. 

Quest’ultimo scrisse una relazione in cui documentò la vaccinazione di 3700 volontari di Fort Riley tra il gennaio e il giugno del 1918 (poco prima dell’esplosione della “spagnola”). 

Molti dei soldati a cui era stato inoculato il vaccino sperimentale furono colpiti dallo stesso tipo di infezione batterica ai polmoni che uccise milioni di persone: e che passo erroneamente alla storia con il nome di “influenza spagnola” (non era provocata da un virus e, come gia evidenziato, non proveniva dalla Spagna).


Apr 26 2023

JESSE OWENS  CURIOSITÀ STORICHE  

.

Tutti sanno come Hitler abbia ignorato Jesse Owens durante le Olimpiadi di Berlino perché era negro.

Bella favoletta, peccato che non sia vera e sia sempre stata smentita anche dallo stesso Owens, che racconta di aver scambiato un cortese saluto con Hitler dopo aver vinto il suo primo oro.

Fu invece il presidente USA ad ignorarlo completamente, ed anzi invitando alla Casa Bianca solo atleti bianchi.

Hitler non mi snobbò, fu Roosevelt a snobbarmi. Il Presidente non mi mandò nemmeno un telegramma” furono le parole di Owens.

Ma se ripeti una bugia un numero sufficiente di volte, (quasi) tutti ci crederanno.


Apr 13 2023

ACCCENDINO DI UN SOLDATO  USA 

.

50 anni fa, il 29 marzo 1973, le truppe americane, dopo aver subito una sconfitta, evacuarono da Saigon.

La guerra del Vietnam è durata 11 anni e ha causato la morte di circa 2 milioni di civili, più di un milione di militari vietnamiti e circa 60.000 soldati americani.
Sul Vietnam furono sganciate 7 milioni di tonnellate di bombe e furono versati 80 milioni di litri di sostanze velenose.
Ma non volevo scrivere di questo.
Nella foto, un accendino di un soldato americano durante la guerra del Vietnam. 

L’iscrizione recita: “Noi, i riluttanti, guidati dagli incompetenti per uccidere gli sfortunati, moriamo per gli ingrati”.


Queste parole trasmettono bene l’essenza di quella guerra attraverso gli occhi di un soldato. L’essenza di molte guerre.

.

Per ricordare che siamo alleati con i peggiori guerrafondai di tutti i tempi!


Pagina successiva »