Feb 18 2017

LA DIETA PER VIVERE A LUNGO E IN SALUTE

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 12:49

Dal menù dei centenari la nuova dieta di Valter Longo, il ‘guru della longevità’

 

 

 

Ecco la Dieta della longevità in 15 punti:

 

  • 1) Adottare una dieta vegana aggiungendo il pesce, limitandolo a 2-3 pasti a settimana e facendo attenzione a quello con altro contenuto di mercurio;
  • 2) Ridurre al minimo i grassi saturi animali e gli zuccheri ;
  • 3) Consumare fagioli, ceci, piselli e altri legumi come principale fonte di proteine;
  • 4) Fino a 65-70 anni mantenere basso il consumo di proteine (0,7-0,8 grammi per chilo di peso corporeo), mentre dopo aumentarlo leggermente per non perdere massa muscolare;
  • 5) Consumare grandi quantità di carboidrati complessi (pomodori, broccoli, carote, legumi);
  • 6) Consumare quantità relativamente alte di olio di oliva (50-100 millilitri al giorno) e un pugno di noci o mandorle o nocciole;
  • 7) Mangiare almeno 2 volte a settimana pesce, crostacei e molluschi con alto contenuto di omega-3/6 e/o vitamina B12 (salmone, acciughe, sardine, merluzzo, orate, trota, vongole, gamberi);
  • 8) Seguire una dieta ricca di vitamine e minerali, ma integrarla 2-3 volte a settimana con un multi-vitaminico/minerale di alta qualità;
  • 9) Mangiare nell’arco di 12 ore al giorno (per esempio iniziare dopo le 8 e finire prima delle 20);
  • 10) Non mangiare per almeno 3-4 ore prima di andare a letto;
  • 11) Intraprendere periodicamente cicli di 5 giorni di Dieta mima-digiuno ogni 1-6 mesi, in base al bisogno e al consiglio del medico o nutrizionista. Alla Dmd sono dedicati diversi capitoli del libro;
  • 12) Per persone sovrappeso o che tendono a prendere peso è consigliabile fare 2 pasti al giorno: colazione e pranzo oppure cena, più 2 spuntini da 100 calorie con basso contenuto di zuccheri (meno di 3-5 grammi), uno dei quali sostituisce un pasto. Consultare un nutrizionista per prevenire la malnutrizione;
  • 13) A chi ha un peso normale e/o tende a dimagrire è consigliabile fare i 3 pasti normali, oltre a uno spuntino da 100 calorie con pochi zuccheri;
  • 14) Tenere sotto controllo peso e girovita per decidere il numero di pasti al giorno, se 2 o 3;
  • 15) Mangiare selezionando i giusti ingredienti tra quelli che assumevano i propri antenati. Perché il cibo è anche storia e cultura. E noi “siamo ciò che mangiamo”.

 

Fonte: da http://www.lafucina.it

 


Feb 16 2017

TEMPERATURA IDEALE DA TENERE IN CASA PER IL BENESSERE DEL CORPO

Category: Salute e benesseregiorgio @ 13:35

 

 

Consigli e benefici di un corretto riscaldamento domestico

 

Affrontare bene l’inverno non significa solo saper gestire la temperatura esterna, ma anche e soprattutto regolare quella all’interno delle pareti domestiche. Il tepore casalingo di ritorno dal lavoro è senza dubbio una sensazione piacevole, ma dobbiamo stare attenti a non esagerare. Il rischio infatti non si annida solo nella bolletta del gas. Microclimi sub-tropicali in salotto hanno pesanti ripercussioni economiche, ambientali e di salute. Ecco allora alcune considerazioni sulla temperatura ideale da tenere in casa durante l’inverno.

Continua a leggere”TEMPERATURA IDEALE DA TENERE IN CASA PER IL BENESSERE DEL CORPO”


Gen 06 2017

UN MEDICO È UN UOMO CHE VIENE PAGATO PER…

Category: Monade satira e rattatuje,Salute e benesseregiorgio @ 00:03

un-medico-e-un-uomo-che-viene-pagato

 

 

Un medico è un uomo che viene pagato

per raccontare delle fandonie nella camera del malato

sino a quando la natura non l’abbia guarito

o i suoi rimedi non l’abbiano ucciso

 

Antoine Furetière (1619- 1688)

 

 


Nov 29 2016

IL VILLAGGIO SANATORIALE EUGENIO MORELLI. IL PIU’ GRANDE SANATORIO D’EUROPA

sondalo-sanatorio-eugenio-morelli

Sondalo. L’imponente  Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli

 

 

Il Villaggio Sanatoriale Eugenio Morelli è stato il più grande sanatorio d’Europa costruito dal governo fascista, fu realizzato a Sondalo, per volere dei Eugenio Morelli.

Eugenio Morelli, pneumologo di Teglio, nel 1928 fece eseguire un’analisi sulle condizioni metereologiche dell’area sondalina, grazie alle quali convinse che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un sanatorio, il più grande d’Europa. In 8 anni furono costruiti 9 padiglioni in grado di ospitare sino a 300 malati ciascuno.

Si dice che per realizzare il quarto padiglione gli architetti si fossero addirittura ispirati alle corazzate di Benito Mussolini. D’altra parte era un’autentica guerra quella che si doveva fare contro il “mal sottile”..

Il progetto dell’ imponente sanatorio sulle pendici del Monte Sortenna fu portato avanti da abili tecnici guidati dallo stesso professor Eugenio Morelli, il geniale pneumologo di Teglio. Morelli, primo in Italia ad organizzare una seria lotta contro la tubercolosi, dal 1928 impegnato a Roma come alto consulente per l’organizzazione antitubercolare dell’INFPS, l’Istituto Nazionale Fascista di Previdenza Sociale, nel 1929 convinto della sue analisi sulle condizioni meteorologiche della zona persuase tutti che Sondalo era il luogo ideale per realizzare un grande sanatorio da affiancare al più modesto Pineta di Sortenna che, fondato dal dottor Ausonio Zubiani, funzionava già dal 1901.

La costruzione dei nove padiglioni, ciascuno in grado di ospitare sino a 300 malati, richiese otto anni: dal 1932 al 1940.

Le strutture del Villaggio furono costruite tra il 1932 e il 1938, ma i lavori furono ultimati soltanto alla fine della Seconda Guerra Mondiale; gli arredi e le attrezzature furono completati dopo la guerra, quando il complesso entrò in funzione. Si trattò per quei tempi di un cantiere straordinario per dimensione, mezzi, collocazione, per la meticolosa gestione tecnica e la raffinata progettazione; è considerato un capolavoro dell’urbanistica “razionalista”,

Durante il conflitto mondiale, nel sesto e nel settimo padiglione, furono ricoverati in gran segreto alcuni insoliti e prestigiosi pazienti: si trattava di opere d’arte importantissime provenienti da musei e collezioni private tra cui alcune tele di Rubens, Tintoretto e Segantini…

 

 


Nov 19 2016

EL ME DOTOR… (IL MIO DOTTORE)

Category: Monade satira e rattatuje,Salute e benesseregiorgio @ 06:04

paziente

 

 

Al dotor,

se sa,

a qualunque ora se pol telefonar!

 

Parchè, el dotor:

nol magna

nol dorme

nol va a far la  spesa

no el se lava

nol neta

nol fa l’amor e gnanca a va a pissar!

 

El dotor  el gha  da aspettar  ci gha da telefonar!

El dotor  nol pol averghe orari,

e si mi sto  mal?

Come pol-lo lu  averghe altro da far?

 

Insoma

a’sti dotori

quei che sa tuto lori

a tute le ore se por romperghe… i maromi!!!

 

(el me dotor)   Laura Avesani 

 


Set 30 2016

IL DIGIUNO È LA PIÙ POTENTE TECNICA DI GUARIGIONE

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 06:36

digiuno-effetto

 

 

La pratica del digiuno era conosciuta sin dai popoli primitivi, che la attuavano sia in senso fisiologico, per guarire dalle malattie, sia in senso religioso, per purificarsi ed entrare in contatto con il divino.

Si può ragionevolmente affermare che il corpo umano sia progettato apposta per far fronte a periodi anche notevolmente lunghi di astensione dal cibo: non si potrebbe, infatti, spiegare la sopravvivenza dell’uomo primitivo in un contesto ambientale in cui la disponibilità del cibo era assolutamente casuale e saltuaria.

 

Il digiuno è una pausa, un riposo, dall’attività nutritiva, ed è forse la più importante tecnica di guarigione che l’essere umano è progettato per usare. I principali effetti del digiuno sono:

 

  • riposo dell’intero tubo digerente
  • aumento di almeno il 200% dell’energia del sistema immunitario per ripulire il corpo dalle cellule malate, dai virus ed infezioni presenti
  • eliminazione dei residui metabolici e tossine accumulate
  • purificazione dell’intero essere

 

Persa nel tempo la valenza fisiologica e spirituale del digiuno, la società contemporanea ha instillato in noi l’idea che digiunare sia qualcosa di terribile, di punitivo, di improponibile e ogni giorno ci bombarda con messaggi che hanno fatto diventare quell’atto semplice e spontaneo della nostra esistenza, l’alimentarsi, un qualcosa di artificioso, complicato e spesso dannoso. Eppure sono numerose le testimonianze di persone che hanno digiunato anche per 40 giorni per guarire da malattie o per motivi spirituali.

 

Continua a leggere”IL DIGIUNO È LA PIÙ POTENTE TECNICA DI GUARIGIONE”


Set 12 2016

LA DIETA NELLA TIROIDITE DI HASHIMOTO E MALATTIE AUTOIMMUNI

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 07:12

malattie_autoimmuni_intestino

 

 

Le malattie autoimmuni interessano il 5-7% della popolazione umana. Sono dovute ad una risposta “abnorme” del sistema immunitario, il quale dirige le proprie potenzialità offensive contro tessuti propri dell’organismo anziché contro gli agenti infettivi esterni (virus, batteri, miceti, protozoi etc…). Ne derivano gravi danni tessutali con conseguente sviluppo di malattie diverse a seconda dell’organo e tessuto colpito: la Tiroidite Autoimmune di Hashimoto, il Morbo di Basedow, l’Artrite Reumatoide, il Diabete Mellito Insulino-dipendente, la Celiachia, la Rettocolite Ulcerosa, il Morbo di Chron, la Vitiligine, la Psoriasi etc.

 

Nella maggior parte dei casi le terapie a disposizione riescono solo a rallentare l’evoluzione della malattia senza riuscire ad ottenere una guarigione.

La somministrazione cronica dei farmaci immunosoppressori comporta inoltre spesso gravi effetti collaterali che contribuiscono a deteriorare la qualità di vita del malato. Nella tiroidite di Hashimoto, che porta all’ipotiroidismo, o nel caso di interessamento pancreatico, che provoca il diabete, la terapia è sostitutiva e consiste nel somministrare gli ormoni naturali mancanti: tiroxina e insulina.

Attraverso un’alimentazione corretta è possibile modificare il decorso della malattia, ridurre l’intensità ed il numero dei disturbi fisici ad essa correlati, allungare i periodi di benessere, diminuire le fasi di riacutizzazione e migliorare la prognosi.

 

Continua a leggere”LA DIETA NELLA TIROIDITE DI HASHIMOTO E MALATTIE AUTOIMMUNI”


Lug 27 2016

IN COMA A CAUSA DEL CANCRO: “SONO STATA IN UN’ALTRA DIMENSIONE E ORA SONO GUARITA”

 Anita-Moorjani-image-small

Anita Moorjani 

 

In coma per il cancro, vive un’esperienza  di premorte, attraverso la quale comprende  il perché della sua malattia.  Uscita dal coma, Anita Moorjani guarisce.

 

I dottori le avevano dato ad 2 ore di vita, quando era arrivata all’ospedale in coma. Incapace di muoversi, per un cancro che ha devastato il suo corpo per circa 4 anni, Anita è entrata in un’altra dimensione dove ha sperimentato una grande chiarezza, la comprensione della sua vita e lo scopo qui sulla terra.

 

Le è stata data la possibilità di scegliere, se tornare in vita oppure no e decidere di ritornare in vita quando avesse realizzato che il paradiso è uno “stato” e non un “luogo”.

 

Questo ha successivamente portato ad un completo recupero della sua salute.

 

Continua a leggere”IN COMA A CAUSA DEL CANCRO: “SONO STATA IN UN’ALTRA DIMENSIONE E ORA SONO GUARITA””


Giu 18 2016

LA DIETA MILLENARIA DEI MONACI TIBETANI PER UN ALTO LIVELLO DI COSCIENZA E VITALITÀ

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 00:03

monaci tibetani pranzo

 

 

I monaci tibetani sono conosciuti per vivere incredibilmente a lungo e questo non ci sorprende più di tanto se consideriamo lo stato di pace in cui vivono e il paradiso incontaminato in cui vivono. E’ importante quindi anche analizzare qual è la loro dieta per comprendere come un corpo così in pace si nutra per avere alti livelli di coscienza ed energia per svolgere le attività quotidiane anche in avanzatissima età.

 

Bisogna subito dire che esistono tante diverse scuole di buddismo e quindi dire che i buddisti sono vegetariani o vegani non è esatto. Nella scuola Theravada infatti si afferma che il Buddha permetteva ai suoi discepoli di mangiare pollo, pesce, uova evitando però il bovino che era ritenuto sacro in India.

 

Continua a leggere”LA DIETA MILLENARIA DEI MONACI TIBETANI PER UN ALTO LIVELLO DI COSCIENZA E VITALITÀ”


Giu 17 2016

DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO SECONDO IL DOTT. MOZZI

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 01:05

mozzi-mercatino-appiano.1200

Piero Mozzi al mercatino prodotti biologici  di Appiano

 

DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO ZERO SECONDO IL DOTT. MOZZI

 

La dieta del gruppo sanguigno 0, secondo il Dott. Mozzi, prevede la distinzione tra alimenti considerati benefici, che possono essere consumati senza problemi, alimenti neutri, che sono meno validi rispetto ai primi, ma ammessi nell’alimentazione, e alimenti nocivi, che risulterebbero dannosi per l’organismo e che, quindi, dovrebbero essere evitati. Le persone con gruppo sanguigno 0 dovrebbero evitare gli alimenti che contengono glutine, perché le lectine di questa proteina interferiscono con l’attività dell’insulina e di conseguenza rallentano il metabolismo. Tutto questo può causare, nel corso del tempo, un aumento del peso corporeo e l’insorgenza di alcune patologie, come il diabete.

 

Continua a leggere”DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO SECONDO IL DOTT. MOZZI”


Mag 28 2016

LA STENIA PUÒ FAR MALE…

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 00:52

stevia_rebaudiana_extract_no_aftertaste

La Stevia Rebaudiana Bertonii dolcifica trecento volte più dello zucchero

 

Zeneize

 

Ho passato ore leggendo i messaggi inviati da 3 anni a parte che riguardano la Stevia. Innanzi tutto devo dire che è commovente l’interesse dei partecipanti al forum per questa preziosa pianta e spero che questo sia come un lievito che lo faccia espandere a la grande massa dei consumatori affinchè prendano coscienza che non si può anteporre gli interessi delle grandi multinazionali e della industria chimica, alla nostra salute. Però ho notato che i partecipanti, in verità sanno poco o niente sulla Stevia.

 

Innanzi tutto la Stevia è originaria del Paraguay. È una pianta silvestre che cresce sulle colline dell’ Amambai. Gli indios Guaranì la chiamano Ka’a He’e (Ka’a = erba He’e = dolce)

Continua a leggere”LA STENIA PUÒ FAR MALE…”


Mag 27 2016

STEVIA: UNA PICCOLA PIANTA CONTRO L’INDUSTRIA SACCARIERA

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 00:06

 

Stevia_rebaudiana_p3

 

Di Corinne Smith* – tratto da “L’Ecologist italiano” nr. 4

 

Originaria del Paraguay, Gli indios Guaranì la chiamano Ka’a He’e (Ka’a = erba He’e = dolce), la Stevia rebaudiana Bertoni presenta delle foglie che hanno un potere dolcificante quaranta volte superiore a quello dello zucchero. La Stevioside estratta dalla pianta è, a sua volta, trecento volte più dolcificante! La Stevia è attualmente utilizzata come edulcorante in Giappone, in America latina, in Cina, e come complemento alimentare negli Stati Uniti ma è… proibita in Europa.

 

Continua a leggere”STEVIA: UNA PICCOLA PIANTA CONTRO L’INDUSTRIA SACCARIERA”


Mag 26 2016

STEVIA, ASPARTAME E LA POLITICA DELLE MULTINAZIONALI

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 00:11

fotostevia3

 

Stevia – vittima di un equivoco?

 

Una delle grandi controversie che ha caratterizzato questo decennio appena passato è quella sullo zucchero e le altre fonti dolcificanti nei nostri alimenti. Parliamo dell’aspartame, dolcificante industriale di largo consumo e dubbia sicurezza e della stevia, una pianta delle foreste amazzoniche conosciuta per la dolcezza delle sue foglie, l’estratto delle quali è un dolcificante che, purtroppo ancora oggi, è proibito in Europa.

 

Lo zucchero fa male

 

Tutti sappiamo che lo zucchero, consumato in dismisura, fa male alla salute. Alcuni lo definiscono un vero e proprio veleno, e non hanno tutti i torti. Non esiste nemico peggiore per i nostri denti che lo zucchero bianco. La sua azione è duplice ed è molto efficace nel distruggere lo smalto dei denti.

 

Continua a leggere”STEVIA, ASPARTAME E LA POLITICA DELLE MULTINAZIONALI”


Mag 25 2016

ASPARTAME E GLUTAMMATO:
 INTERVISTA AL DOTTOR RUSSEL BLAYLOCK

Category: Alimentazione e gastronomia,Salute e benesseregiorgio @ 00:18

russell_blaylock.256 

Dottor Russel Blaylock

 

Mike Adams del sito Newstarget.com intervista il Dott. Russel Blaylock su Aspartame e Glutamato

Intervista al Dottor Russel Blaylock su aspartame e glutammato


A cura di www.identiavvelenati.com – 22 giugno 2007

 

 

M: Mi trovo con il dottor Russell Blaylock, e vorrei esplorare alcuni aspetti delle cose sulle quali lei sta lavorando. Credo che i lettori conoscano le basi sia del glutammato che dell’aspartame, ma potrebbe riassumerci quanto è stato scritto sulle eccitotossine? 


 

B: Ho qui tre libri. Il primo è il libro sulle eccitotossine: Excitotoxins: the taste that kills (Eccitotossine: il gusto che uccide) e l’ultimo è una pubblicazione aggiornata di Health and Nutrition Secrets that Can Save your Life (I segreti della salute e della nutrizione che possono salvarti la vita).

Il terzo libro è Natural Strategies for Cancer Patients (Strategie naturali per i malati di cancro) che è legato direttamente alla terapia nutrizionale anti-cancro.

Contiene alcune notizie su aspartame e glutammato.

E’ stato scoperto che le eccitotossine aumentano notevolmente lo sviluppo del cancro e delle metastasi.

Un ricercatore infatti ha rilevato che, quando le cellule cancerogene vengono esposte al glutammato, diventano più mobili, e si ottiene lo stesso effetto col glutammato monosodico. Anch’esso rende le cellule cancerogene più mobili, e facilita le metastasi. Le cellule cancerogene esposte al glutammato monosodico sviluppano delle estensioni dette “pseudopodia” o “falsi piedi”, e cominciano a spostarsi per i tessuti, che è una delle prime manifestazioni cancerogene.

Aumentando la dose di glutammato, il cancro si estende come un incendio, ma quando lo si blocca, anche la crescita del cancro rallenta. I ricercatori hanno fatto degli esperimenti nei quali hanno osservato che bloccare l’uso del glutammato, in contemporanea a farmaci convenzionali quali la chemioterapia, ha funzionato molto bene, ha aumentato gli effetti dei farmaci anti-cancro.

 

Continua a leggere”ASPARTAME E GLUTAMMATO:
 INTERVISTA AL DOTTOR RUSSEL BLAYLOCK”


Mag 24 2016

ASPARTAME… LA SCOMODA VERITÀ!

Aspartame-artista brasiliana Sylvia Valin

Aspartame, disegno della pittrice brasiliana Sylvia Valin.

 

L’ aspartame non è stato approvato per l’utilizzo negli alimenti fino al 1981. Per oltre otto anni la FDA (Food and Drug Administration – Amministrazione degli Alimenti e dei Medicinali) ha rifiutato di approvare l’uso dell’aspartame a causa delle convulsioni e dei tumori al cervello che

questa sostanza ha provocato negli animali da laboratorio. L’FDA ha continuato a rifiutare di approvarlo fino a che il presidente Reagan non prendesse la carica (era molto amico della G. D. Searle – adesso Monsanto) e licenziasse il commissario della FDA che aveva negato l’approvazione dell’aspartame. Successivamente, il Dott. Arthur Hull Hayes fu nominato commissario. Ma la forte opposizione per l’approvazione di questa sostanza continuava a tal punto che venne nominata una Commissione Investigativa. Il responso della Commissione recitava così: “non approvare l’ aspartame”.

Tuttavia il Dott. Hayes passò sopra la decisione della commissione e approvò ugualmente l’aspartame.

Poco tempo dopo aver approvato l’utilizzo dell’aspartame anche nelle bevande gassate, il commissario Arthur Hull Hayes, firmò un contratto di collaborazione con l’agenzia delle pubbliche relazioni della G.D. Searle.

 

Continua a leggere”ASPARTAME… LA SCOMODA VERITÀ!”


Pagina successiva »