Nov 24 2022

RICETTA FAVE DEI MORTI VENEZIA DOLCI TIPICI VENETO

Category: Alimentazione e gastronomia,Veneto e dintornigiorgio @ 22:54

.

Le Fave dei Morti sono un dolce tipico veneziano che affonda le proprie origini in un’antica tradizione: ha sostituito le fave arrostite che si mangiavano in passato in occasione della ricorrenza dei morti. Le autentiche fave dovevano essere confezionate con i soli pinoli perché le mandorle le rendevano più pesanti. Oggi, dato il costo dei pinoli, si preparano quasi esclusivamente con le mandorle.

Le Fave dei Morti veneziane si caratterizzano per essere di tre colori (marrone, pesca e panna). Ma perché questo dolce deve essere simile alle fave? Le fave erano considerate da Plinio un “incantesimo protettore”, il simbolo dei morti e della loro prosperità.

La tradizione di mangiare questo legume durante la “Festa dei morti” pare abbia origini molto antiche e, alcune fonti, le fanno risalire ad un’usanza da cui deriverebbe anche il nome “Calle della fava” a Venezia. Già nel VII – VI sec. a.C. nell’area del Mediterraneo le fave erano legate al mondo dei morti in quanto il fiore di questo legume è bianco ma macchiato al centro di nero (simbolo di morte). Inoltre, se le fave secche vengono lasciate nell’acqua, esse la tingono di colore rosso e ricordano quindi il sangue.

Anche con l’avvento del Cristianesimo, il legame tra le fave e i morti non venne scordato tanto che, fino ai tempi più recenti, era usanza mettere sul davanzale e sugli angoli delle strade ciotole colme di fave. Oggi la fava naturale è stata sostituita con le deliziose Fave dei Morti!

Qui proponiamo la ricetta considerata l’originale.

INGREDIENTI


• 400 g di pinoli
• 400 g di zucchero
• 6 albumi d’uovo
• vaniglia
• 2 bicchierini di liquore (rosolio bianco e alchermes)
• cioccolato grattugiato.

PREPARAZIONE


Tritare i pinoli e impastarli con lo zucchero, la vaniglia e gli albumi d’uovo sbattuti a neve soda. Dividere l’impasto in tre parti, per preparare le fave di tre colori: bianche con l’aggiunta del rosolio, rosa con l’alchermes, marrone mescolando il cioccolato grattugiato. Formare delle palline della grossezza di una noce, e disporle su carta oleata in una teglia. Farle cuocere nel forno tiepido per il tempo necessario.

Fonte: internet  varie


Nov 20 2022

IN BOCCA AL LUPO! … MA I LUPI NON C’ENTRANO PER NULLA. LE NAVI DI VENEZIA, SÌ…

Bocca di lupo

.

Quando un amico affronta un esame, una prova difficile, una partita decisiva, l’augurio più frequente è “In bocca al lupo“. Al quale una volta si rispondeva “Crepi” mentre adesso l’ignobile dittatura del politicamente ed ecologicamente corretto impone di rispondere “Viva il lupo”.

Bocca di lupo

Pochi sanno, però, che nell’augurio “in bocca al lupo“, i lupi non c’entrano per nulla, neppure di striscio. C’entrano invece, Venezia, la Serenissima, e le sue navi.

“In bocca al lupo”: augurio, non avvertimento

Dall’Accademia della Crusca alla Treccani, molti dizionari e molti repertori di “modi dire” si sono interessati all’augurio “in bocca al lupo“. E tutti riportano a profusione detti, in uso in mezzo mondo, che citano il lupo e l’ancestrale paura del predatore. Ma sono tutti modi dire in negativo: “andare in bocca al lupo”, “cascare in bocca al lupo”, “guarda che finisci in bocca al lupo” sono avvertimenti, non auguri. Invitano a fuggire un pericolo, non certo ad andarci incontro.

Perché “in bocca al lupo” è indubitabilmente un augurio. E non è, ovviamente, l’augurio di venir mangiato dai lupi. E’ un augurio marinaresco: non c’entra con i lupi, non c’entra con la montagna e le foreste, ma con il mare. Con un mare, in particolare: e cioè l’Adriatico. E con lo Stato che per secoli e secoli ha dominato questo mare, imponendo ai traffici commerciali norme, burocrazie e regole ferree. E questo stato fu la Serenissima.

Le norme della Serenissima

Venezia, lo sappiamo, ha dominato l’Adriatico. E ha legittimato questo potere affermando che, essendo Venezia nata sul mare, il mare era il suo territorio. Il mare, tutto: da Venezia in giù, su entrambe le sponde, fino alle bocche di Otranto. L’Adriatico tutto si chiamava allora Golfo di Venezia, e con questo nome è riportato nelle carte. E tutti i traffici che vi si svolgevano dovevano rispettare le norme imposte dalla Serenissima.

.

Vincenzo Maria Coronelli, Golfo di Venezia olim Adriaticum mare (Golfo di Venezia, una volta detto Mare Adriatico)

.

Dagli Asburgo ai Re d’Ungheria, dal Papa al Regno di Napoli, ci hanno provato in molti, per secoli,  a contestare il diritto che Venezia si arrogava, di dettar legge sull’intero Adriatico. Il Papa minacciò perfino scomuniche e interdetti, ai quali il grandissimo Paolo Sarpi s’incaricò di rispondere, affermando le ragioni di Venezia.

Le norme fiscali: la tassa a Venezia

In ogni caso, finché la Serenissima fu la Serenissima e c’erano in giro le flotte militari di Venezia, ci fu ben poco da discutere: le leggi veneziane si applicavano e basta.

Tra queste norme, quelle che venivano fatte rispettare con maggior severità erano quelle fiscali. Eccettuati i piccoli cabotaggi locali, le merci trasportate via nave in Adriatico pagavano una tassa a Venezia, che in cambio garantiva la sicurezza dei traffici conducendo operazioni che oggi si chiamerebbero “di polizia internazionale” contro i pirati.

La dichiarazione nella bocca di lupo

Il primo dovere del capitano di una nave, non appena arrivato in porto, era di consegnare un rapporto fiscale, nel quale dichiarava il carico trasportato, affinché si potesse stabilire il dazio da pagare. In ogni porto, vi era un ufficio al quale il capitano doveva consegnare queste carte. Un ufficio aperto sempre, giorno e notte: vi era infatti, sulla facciata, un apposito foro, nel quale il capitano doveva infilare la dichiarazione sul carico, prima di sbarcarne anche solo una piccola parte.

Questi fori sulle facciate sono detti “bocche di lupo“. E “bocca di lupo” si chiamano infatti, ancor oggi, i pertugi ricavati nelle facciate, le prese d’aria dei seminterrati, i fori d’aerazione ricavati a beneficio di cantine o magazzini al piano terra.

Ecco spiegato l’augurio

Ed ecco spiegato l’augurio: quando una nave salpava, l’augurio “in bocca al lupo” era quindi l’augurio di arrivare regolarmente nel porto di destinazione con tutto il carico da dichiarare, avendo quindi evitato naufragi, tempeste e pirati e ogni altra insidia del mare.  “Che Dio te scolti” rispondeva il capitano.

L’IPOTESI GRECA

Per dovere d’ufficio, riportiamo anche un’altra possibile etimologia, e anche questa non c’entra con i lupi, ma c’entra con i rapporti solidissimi che Venezia aveva con la Grecia. Perché in Grecia, quando ci si incammina, ci si sente augurare “Enbàine ten àlupon odon“, che letteralmente significa: imbocca vie non pericolose (a-lupon). Chissà quante volte, in Grecia e a Venezia, mercanti veneziani si sono sentiti rivolgere questo augurio da colleghi greci.

E come spesso capita, la parola greca viene storpiata. E’ stato così con il nome di un’isola greca, Skarpanto, da cui deriva il cognome Scarpa. E’ stato così con l’isola greca di Monemvasìa, che significa: un solo porto. E Monemvasìa, che appartenne alla Serenissima, a Venezia era detta Malvasia. E il nome del vino che ancor oggi chiamiamo Malvasia viene da quell’isola e da quella popolare “traduzione” veneziana. E così, forse, avvenne per l’augurio “Enbàine ten àlupon” che poté venir popolarescamente maltradotto con “in bocca al lupo”.

In ogni caso, i lupi non c’entrano. C’entrano Venezia, la Serenissima, le navi, i commerci adriatici. 

La nostra grande e bellissima storia. In bocca al lupo!

.

Fonte:  srs di Alvise Fontanella, da Serenissima News del  11 Novembre 2022

Link: https://www.serenissima.news/in-bocca-al-lupo-ma-i-lupi-non-centrano-per-nulla-le-navi-di-venezia-si/?fbclid=IwAR1i10EDUndeQV-Gn0IxLtCgGI3J47rtE1i9kS5TpHbYtl3eQiNbhL3nlVs


Nov 08 2022

LA CINA COMUNISTA FALLÌ ANCHE NEL SEMPLICE COMPITO DI PRODURRE ACCIAIO. 

.

.

Quelle che vedete in foto sono “fornaci da cortile”. Si trattava di piccoli altiforni fatti costruire dal Partito in tutti i villaggi cinesi a partire dal 1958. 

Il Grande Balzo in Avanti prevedeva che ogni villaggio producesse una certa quantità di acciaio. Obiettivo: superare la produzione inglese di acciaio.

Cosa andò storto?

Continua a leggere”LA CINA COMUNISTA FALLÌ ANCHE NEL SEMPLICE COMPITO DI PRODURRE ACCIAIO. 


Ott 24 2022

IL GRANDE GIOCO IN UCRAINA STA ANDANDO FUORI CONTROLLO

Jeffrey Sach

.

Urge tornare sul progetto di accordo di pace tra Russia e Ucraina di fine marzo, basato sul non allargamento della Nato.

.

Di Jonas E. Alexis, redattore capo – 5 ottobre 2022

.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Zbigniew Brzezinski  ha notoriamente descritto  l’Ucraina come un “perno geopolitico” dell’Eurasia, centrale sia per il potere degli Stati Uniti che per quello russo. Poiché la Russia ritiene che i suoi interessi vitali di sicurezza siano in gioco nell’attuale conflitto, la guerra in Ucraina sta rapidamente degenerando in una resa dei conti nucleare. È urgente sia per gli Stati Uniti che per la Russia esercitare moderazione prima che il disastro colpisca.

Dalla metà del 19° secolo, l’Occidente ha gareggiato con la Russia sulla Crimea e, più specificamente, sulla potenza navale nel Mar Nero. Nella  guerra di Crimea  (1853-1856), Gran Bretagna e Francia conquistarono Sebastopoli e bandirono temporaneamente la marina russa dal Mar Nero. L’attuale conflitto è, in sostanza, la seconda guerra di Crimea. Questa volta, un’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti cerca di espandere la NATO in Ucraina e Georgia, in modo che cinque membri della NATO cerchino il Mar Nero.

Continua a leggere”IL GRANDE GIOCO IN UCRAINA STA ANDANDO FUORI CONTROLLO”


Ott 17 2022

STEVE JOBS PROIBIVA L’USO DI SMARTPHONE E TABLET AI FIGLI: ECCO PERCHÉ LO FACEVA, E PERCHÉ DOVRESTI FARLO ANCHE TU

.

Ogni giorno vediamo sempre più genitori che affidano tablet, cellulari ed altri tipi di dispositivi elettronici ai figli. Spesso lo fanno anche per sostituire baby sitter, badanti, nonne e addirittura il loro affetto e la loro attenzione con questi dispositivi.

E’ molto semplice dare a un bambino un dispositivo che brilla, emana luci, suoni e ha giochi, e lasciarlo da solo a giocare anche per ore. Ciò che non si sa è che, per quanto questi dispositivi possano divertire il bambino sul momento, si sta minando la loro capacità di essere felici.

La tecnologia può cambiare la nostra vita in positivo. Per viaggiare, informarsi e risolvere problemi semplici ormai ci rivolgiamo quasi esclusivamente alla tecnologia. Bisogna approfittare della tecnologia e coglierne tutti i lati positivi. Ma bisogna saper individuare i limiti: un bambino non può giocare per ore con un dispositivo elettronico, e solo pochi minuti con altri bambini o con i genitori.

A tal proposito, pubblichiamo la famosa risposta di Steve Jobs alla domanda sul perché lui stesso teneva i figli alla lontana da tali dispositivi elettronici:

 “I miei figli mi accusano di essere un po’ fascista a casa riguardo l’uso dei tablet, ed è perché mi comporto da dittatore impedendogli di usare questo tipo di tecnologia. Mi dicono che i genitori degli amici non impongono tali limiti, e mi chiedono perché loro non possono usare tablet e cellulari per tutto il tempo che vogliono. Ma la mia posizione, e quella di mia moglie, è molto semplice: abbiamo visto cosa può comportare l’eccesso di uso della tecnologia fra gli adulti, quindi immagina fra i bambini. Non voglio assolutamente che ciò accada ai miei piccoli “ 

Un bambino che passa molto tempo su tablet e cellulari può soffrire di tantissimi problemi, a cominciare dalla dipendenza da tali tipi di tecnologie, iperattività ed esclusione sociale. Lasciare usare tablet e cellulari senza limiti ai nostri figli vuol dire condannarli ad un futuro infelice, nel quale corrono il rischio di dipendere da farmaci o da dispositivi elettronici.

.

Fonte: www.rimedio-naturale.it


Ott 08 2022

VERONA. TRASFORMAZIONE DEGLI EX MAGAZZINI GENERALI

.

ALCUNE NOTE INVIATE DA FAUSTO CALIARI PER RICORDARE IL PERCORSO CHE HA PORTATO L’INTERA AREA DEGLI EX MAGAZZINI GENERALI A TRASFORMARSI DA ZONA PRODUTTIVA, A CULTURALE E INFINE TERZIARIO-DIREZIONALE. 

RISULTA CHIARO IL RUOLO AVUTO DALLA FONDAZIONE CARIVERONA IN QUESTA OPERAZIONE CHE HA PRIVATO VERONA E I VERONESI DI UN’OTTIMA OPPORTUNITA’ DI RIQUALIFICAZIONE .

.

LA PROFEZIA DELLA LOCOMOTIVA COSMICA SI È TRISTEMENTE AVVERATA. 

.

Dopo la ristrutturazione la magnifica Stazione Frigorifera n°10 appare come un effimero guscio vuoto, violentemente scarnificato, addomesticata e imbellettata per asservire al meglio le nuove

funzioni commerciali, spogliata dei preziosi elementi caratterizzanti che la elevavano potentemente a luogo immaginifico dell’anima, e che proprio per questo ne giustificavano il vincolo integrale originale, perché con il tempo era divenuta opera d’arte; vincolo ribadito con ben due sentenze del consiglio di Stato purtroppo rimaste lettera morta. Ora si può davvero dire che sia spenta e abbandonata in un deserto di idee, lontanissima dalla sua energia primordiale. 

Continua a leggere”VERONA. TRASFORMAZIONE DEGLI EX MAGAZZINI GENERALI”


Ott 05 2022

CONTRATTO IN NOME DELL’UMANITÀ

.

Nella notte tra il 20 e 21 aprile 1945 si svolge in gran segreto, a pochi chilometri da Berlino, il più stupefacente incontro della Seconda guerra mondiale.

Heinrich Himmler, il “burocrate dello sterminio”, l’onnipotente Capo delle SS e della Gestapo, ha di fronte a sé il rappresentante del Congresso ebraico mondiale, Norbert Masur. Assiste alla riunione, da lui patrocinata e organizzata, Felix Kersten, medico fisioterapista di Himmler, cittadino finlandese di origine estone, in quella notte riuscirà ad arrivare al famoso “Contratto in nome dell’Umanità”, in quella notte, circa 80.000 persone, di cui 63.000 ebrei, saranno così salvate!


Set 30 2022

COME DIVENIMMO “POLENTONI”

.

Fu certamente anche grazie all’OFFICIO delle BIAVE, una Magistratura veneta, che nel XVI secolo, come misura per prevenire carestie dovute a cattivi raccolti, incoraggiò la coltivazione del granturco, in alternativa al grano, abbinandolo anche al riso. Il granturco, introdotto nel 1550, forniva un raccolto più abbondante di quello che era stato possibile ottenere prima e si diffuse in tutto il Veneto nel giro di tre generazioni per diventare infine il prodotto principale. 

Continua a leggere”COME DIVENIMMO “POLENTONI””


Set 25 2022

ORWELL PENSAVA CHE SAREMMO DIVENTATI SCHIAVI. HUXLEY, INVECE, CI HA SPIEGATO COME

Category: Dominio Potere e Violenzagiorgio @ 22:07

.

di NICOLA MORRA

Per Aldous Huxley in Brave New World non sarà il Grande Fratello orwelliano a toglierci l’autonomia, la cultura e la storia, a svuotarci di identità e dignità. La gente, cioè la massa, sarà felice di essere oppressa, sarà felicemente oppressa, sarà  gioiosamente privata della libertà, e adorerà la tecnologia che libera dalla fatica di pensare e, pertanto, di porsi dubbi, domande, di effettuare scelte.

Huxley nel suo capolavoro presagiva, temendolo, non che i libri fossero vietati, ma che non ci fosse più nessuno desideroso di leggerli, perché il divieto esplicito produce desiderio di trasgressione, e dunque fa cercare ciò che è proibito.

Continua a leggere”ORWELL PENSAVA CHE SAREMMO DIVENTATI SCHIAVI. HUXLEY, INVECE, CI HA SPIEGATO COME”


Set 19 2022

LA PITIMA

.

Venezia

Temutissima presenza storica con un rigoroso ruolo nella Serenissima: non era un esattore diretto dei debiti ma uno che ne sollecitava il pagamento in modo pubblico. Coloro che avevano un credito e non riuscivano a riscuotere, si rivolgevano ai servigi della Pitima: questa allora seguiva in continuazione il debitore vestita di rosso (un colore facilmente riconoscibile affinché tutti sapessero che il perseguitato era debitore moroso) gridando a gran voce e additando l’insolvente così da gettarlo nell’imbarazzo e farlo cedere per sfinimento fino a saldare le proprie pendenze.

Era una figura istituzionale commissionata dello Stato, reclutata tra le persone povere ed emarginate le quali godevano di assistenza pubblica in mense e ostelli a loro riservati in cambio della disponibilità su richiesta delle istituzioni. Nonostante la comprensibile insofferenza, il perseguitato non poteva in alcun modo nuocere alla Pitima pena pesante condanna.

Per la Serenissima, la cui prosperità era basata sul commercio, la credibilità dei mercanti e armatori, gli impegni tra privati compresi i debiti di gioco, il rispetto delle regole e gli impegni assunti, venivano considerati obblighi primari facenti parte della struttura stessa dello Stato. 

Pur essendo una democrazia avanzata aperta a tutti e a tutte le idee, vigeva un rigore ferreo delle regole sulle quali non si transigeva.

Dagli antichi fasti di Venezia a tutt’oggi, è un termine ancora usato per indicare una persona insistente e molesta: “ti xe na pitima”


Ago 31 2022

L’INTUIZIONE E’ QUALCOSA CHE PRECEDE LA CONOSCENZA ACCURATA

NIKOLA TESLA


Ago 18 2022

MATTEO BASSETTI …VIVA L’ASPIRINA

Category: Monolandia,Salute e benesseregiorgio @ 10:54


Ago 10 2022

CURIOSITA’ DAL “MONDO PARALLELO”

Category: Conoscenza variegiorgio @ 23:19

.

In foto: la lettera con la quale Edwin “Buzz” Aldrin scrive al Supremo Consiglio del Rito Scozzese Antico e Accettato, di cui era membro iniziatico, ringraziando per essere stato invitato al Tempio di Washington dove avrebbe fatto mostra della bandiera massonica del RSAA da lui portata sull’Apollo 11, nel viaggio sulla Luna.

Questa e altre chicche probabilmente non potrò dirle, per ragioni di tempo e di priorità di altri contenuti, nella conferenza di domenica prossima sulla Massoneria (vedi post precedente), ma gli interessati le troveranno nei “percorsi di approfondimento per soli iscritti” del sito che metterò in rete a partire da Settembre 2022, dove consegnerò ai posteri il lascito delle mie conoscenze nelle materie dei miei studi (Storia, Geopolitica, Diritto, Filosofia, Teologia).

E’ per me giunto il tempo di restituire quanto ricevuto, ora che la strada inizia a volgere al tramonto e prima che sia tardi.

Fonte: David Lovat


Ago 08 2022

L’UCRAINA È L’ULTIMO DISASTRO NEOCON

.

LA GUERRA IN UCRAINA È IL CULMINE DI UN PROGETTO TRENTENNALE DEL MOVIMENTO NEOCONSERVATORE AMERICANO.

.

Di Jeffrey D. Sachs

La guerra in Ucraina è il culmine di un progetto trentennale del movimento neoconservatore americano. L’amministrazione Biden è gremita degli stessi neocon che hanno sostenuto le guerre d’elezione degli Stati Uniti in Serbia (1999), Afghanistan (2001), Iraq (2003), Siria (2011), Libia (2011) e che hanno fatto così tanto per provocare la Russia invasione dell’Ucraina.

Il track record dei neocon è uno di disastri assoluti, eppure Biden ha dotato la sua squadra di neocon. Di conseguenza, Biden sta guidando Ucraina, Stati Uniti e Unione Europea verso l’ennesima debacle geopolitica. Se l’Europa ha qualche intuizione, si separerà da queste debacle della politica estera degli Stati Uniti.

Il movimento neocon è emerso negli anni ’70 attorno a un gruppo di intellettuali pubblici, molti dei quali sono stati influenzati dal politologo dell’Università di Chicago Leo Strauss e dal classicista dell’Università di Yale Donald Kagan. I leader neocon includevano Norman Podhoretz, Irving Kristol, Paul Wolfowitz, Robert Kagan (figlio di Donald), Frederick Kagan (figlio di Donald), Victoria Nuland (moglie di Robert), Elliott Cohen, Elliott Abrams e Kimberley Allen Kagan (moglie di Frederick ).

Il messaggio principale dei neocon è che gli Stati Uniti devono predominare nella potenza militare in ogni regione del mondo e devono confrontarsi con le crescenti potenze regionali che un giorno potrebbero sfidare il dominio globale o regionale degli Stati Uniti, le più importanti Russia e Cina. A tal fine, le forze militari statunitensi dovrebbero essere preposizionate in centinaia di basi militari in tutto il mondo e gli Stati Uniti dovrebbero essere preparati a condurre guerre di scelta, se necessario. Le Nazioni Unite devono essere utilizzate dagli Stati Uniti solo se utili per gli scopi statunitensi.

Questo approccio è stato esplicitato per la prima volta da Paul Wolfowitz nella sua bozza di Defence Policy Guidance (DPG) scritta per il Dipartimento della Difesa nel 2002. La bozza prevedeva l’estensione della rete di sicurezza guidata dagli Stati Uniti all’Europa centrale e orientale nonostante l’esplicita promessa della Germania Il ministro degli Esteri Hans-Dietrich Genscher nel 1990 che l’unificazione tedesca non sarebbe stata seguita dall’allargamento verso est della NATO.

Wolfowitz ha anche sostenuto le guerre d’elezione americane, difendendo il diritto dell’America di agire in modo indipendente, anche da solo, in risposta alle crisi che preoccupano gli Stati Uniti. Secondo il generale Wesley Clark, Wolfowitz aveva già chiarito a Clark nel maggio 1991 che gli Stati Uniti avrebbero guidato le operazioni di cambio di regime in Iraq, Siria e altri ex alleati sovietici.

I neocon hanno sostenuto l’allargamento della NATO all’Ucraina anche prima che diventasse la politica ufficiale degli Stati Uniti sotto George W. Bush Jr. nel 2008. Consideravano l’adesione dell’Ucraina alla NATO come la chiave per il dominio regionale e globale degli Stati Uniti. Robert Kagan ha spiegato il caso neocon per l’allargamento della NATO nell’aprile 2006:

[I] russi e cinesi non vedono nulla di naturale nelle [rivoluzioni colorate” dell’ex Unione Sovietica], solo colpi di stato sostenuti dall’Occidente progettati per far avanzare l’influenza occidentale in parti strategicamente vitali del mondo. Hanno così torto? La liberalizzazione riuscita dell’Ucraina, sollecitata e sostenuta dalle democrazie occidentali, non potrebbe essere solo il preludio all’incorporazione di quella nazione nella NATO e nell’Unione Europea – in breve, l’espansione dell’egemonia liberale occidentale?

Kagan ha riconosciuto le terribili implicazioni dell’allargamento della NATO. Cita un esperto che ha affermato: “il Cremlino si sta preparando per la ‘battaglia per l’Ucraina’ in tutta serietà”. Dopo la caduta dell’Unione Sovietica, sia gli Stati Uniti che la Russia avrebbero dovuto cercare un’Ucraina neutrale, come cuscinetto prudente e valvola di sicurezza.

Invece, i neocon volevano l'”egemonia” statunitense, mentre i russi hanno intrapreso la battaglia in parte in difesa e in parte anche per le loro stesse pretese imperiali. Sfumature della guerra di Crimea (1853-6), quando Gran Bretagna e Francia cercarono di indebolire la Russia nel Mar Nero in seguito alle pressioni russe sull’impero ottomano.

Kagan ha scritto l’articolo come privato cittadino mentre sua moglie Victoria Nuland era l’ambasciatrice degli Stati Uniti presso la NATO sotto George W. Bush, Jr. Nuland è stato l’operatore neocon per eccellenza. Oltre a servire come ambasciatrice di Bush presso la NATO, Nuland è stata vicesegretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici di Barack Obama nel 2013-17, dove ha partecipato al rovesciamento del presidente filo-russo dell’Ucraina Viktor Yanukovich, e ora serve come sottosegretario di Biden Stato che guida la politica statunitense di fronte alla guerra in Ucraina.

La prospettiva neocon si basa su una premessa falsa prevalente: che la superiorità militare, finanziaria, tecnologica ed economica degli Stati Uniti gli consente di dettare i termini in tutte le regioni del mondo. È una posizione di notevole arroganza e di notevole disprezzo dell’evidenza. Dagli anni ’50, gli Stati Uniti sono stati ostacolati o sconfitti in quasi tutti i conflitti regionali a cui hanno partecipato.

Eppure nella “battaglia per l’Ucraina”, i neocon erano pronti a provocare uno scontro militare con la Russia espandendo la NATO nonostante le veementi obiezioni della Russia perché credono fermamente che la Russia sarà sconfitta dalle sanzioni finanziarie statunitensi e dagli armamenti della NATO.

L’Institute for the Study of War (ISW), un think tank neocon guidato da Kimberley Allen Kagan (e sostenuto da un gruppo di appaltatori della difesa come General Dynamics e Raytheon), continua a promettere una vittoria ucraina. Per quanto riguarda i progressi della Russia, l’ISW ha offerto un tipico commento: “[R]indipendentemente da quale parte detiene la città [di Sievierodonetsk], l’offensiva russa a livello operativo e strategico sarà probabilmente culminata, dando all’Ucraina la possibilità di riavviare la sua controffensiva di livello per respingere le forze russe”.

I fatti sul campo, tuttavia, suggeriscono il contrario. Le sanzioni economiche dell’Occidente hanno avuto scarso impatto negativo sulla Russia, mentre il loro effetto “boomerang” sul resto del mondo è stato ampio. Inoltre, la capacità degli Stati Uniti di rifornire l’Ucraina di munizioni e armi è seriamente ostacolata dalla limitata capacità di produzione dell’America e dalle catene di approvvigionamento interrotte. La capacità industriale della Russia ovviamente fa impallidire quella dell’Ucraina. Il PIL della Russia era circa 10 volte quello dell’Ucraina prima della guerra e l’Ucraina ha ora perso gran parte della sua capacità industriale durante la guerra.

Il risultato più probabile degli attuali combattimenti è che la Russia conquisterà una vasta fetta dell’Ucraina, forse lasciando l’Ucraina senza sbocco sul mare o quasi. La frustrazione aumenterà in Europa e negli Stati Uniti con le perdite militari e le conseguenze stagflazionarie della guerra e delle sanzioni. Gli effetti a catena potrebbero essere devastanti, se un demagogo di destra negli Stati Uniti salisse al potere (o, nel caso di Trump, tornasse al potere) promettendo di ripristinare la gloria militare sbiadita dell’America attraverso una pericolosa escalation.

Invece di rischiare questo disastro, la vera soluzione è porre fine alle fantasie neocon degli ultimi 30 anni e che Ucraina e Russia tornino al tavolo dei negoziati, con la NATO che si impegna a porre fine al suo impegno per l’allargamento verso est all’Ucraina e alla Georgia in cambio di una pace praticabile che rispetti e protegga la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina.

Jeffrey D. Sachs è un professore di economia; Direttore del Center for Sustainable Development presso l’Earth Institute della Columbia University.

FONTE

ekathimerini.com


Giu 30 2022

COVID19. PER NON DIMENTICARE…

.

“CAMPI DI STERMINIO PER CHI NON SI VACCINA” – GIUSEPPE GIGANTINO, CARDIOLOGO

“MI DIVERTIREI A VEDERLI MORIRE COME MOSCHE” – ANDREA SCANZI, GIORNALISTA

“SE FOSSE PER ME COSTRUIREI ANCHE DUE CAMERE A GAS” – MARIANNA RUBINO, MEDICO

“I CANI POSSONO SEMPRE ENTRARE. SOLO VOI, COME È GIUSTO, RESTERETE FUORI” – SEBASTIANO MESSINA, GIORNALISTA

“VAGONI SEPARATI PER NON VACCINATI” – MAURO FELICORI, ASSESSORE

“I NO VAX FUORI DAI LUOGHI PUBBLICI” – EUGENIO GIANI, PRESIDENTE REGIONE TOSCANA

“POTREBBE ESSERE UTILE CHE QUELLI CHE SCELGONO DI NON VACCINARSI ANDASSERO IN GIRO CON UN CARTELLO AL COLLO” – ANGELO GIOVANNINI, SINDACO DI BOMPORTO

“STIAMO ASPETTANDO CHE I NO VAX SI ESTINGUANO DA SOLI” – PAOLO GUZZANTI, GIORNALISTA

“VERRANNO MESSI AGLI ARRESTI DOMICILIARI, CHIUSI IN CASA COME DEI SORCI- ROBERTO BURIONI, VIROLOGO

“NON CHIAMATELI NO VAX, CHIAMATELI COL LORO NOME: DELINQUENTI” – ALESSIA MORANI, DEPUTATO

“VORREI UN VIRUS CHE TI MANGIA GLI ORGANI IN DIECI MINUTI RIDUCENDOTI A UNA POLTIGLIA VERDASTRA CHE STA IN UN BICCHIERE PER VEDERE QUANTI INFLESSIBILI NOVAX RESTANO AL MONDO” – SELVAGGIA LUCARELLI, NULLAFACENTE 

“I RIDER DEVONO SPUTARE NEL LORO CIBO” – DAVID PARENZO, GIORNALISTA

“I LORO INVITI A NON VACCINARSI SONO INVITI A MORIRE” – MARIO DRAGHI, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

“GLI METTERÒ LE SONDE NECESSARIE NEI SOLITI POSTI, LO FARÒ CON UN PIZZICO DI PIACERE IN PIÙ” – CESARE MANZINI, INFERMIERE

“GLI BUCHERÒ UNA DECINA DI VOLTE LA SOLITA VENA FACENDO FINTA DI NON PRENDERLA” – FRANCESCA BERTELLOTTI, INFERMIERA

“PROVO UN PESANTE ODIO VERSO I NOVAX” – J-AX, CANTANTE

“SE RIEMPIRANNO LE TERAPIE INTENSIVE MI IMPEGNERÒ PER STACCARE LA SPINA” – CARLOTTA SAPORETTI, INFERMIERA

“NON SIETE VACCINATI? TOGLIETEVI DAL CAZZO!” – STEFANO BONACCINI, PRESIDENTE REGIONE EMILIA ROMAGNA

“UN GIORNO FAREMO UNA PULIZIA ETNICA DEI NON VACCINATI, COME IL GOVERNO RUANDESE HA STERMINATO I TUTSI” – ALFREDO FAIETA, GIORNALISTA

“IL GREEN PASS HA L’OBIETTIVO DI SCHIACCIARE GLI OPPORTUNISTI AI MINIMI LIVELLI” – RENATO BRUNETTA, MINISTRO

“E’ GIUSTO LASCIARLI MORIRE PER STRADA” – UMBERTO TOGNOLLI, MEDICO

“PREGO DIO AFFINCHÉ I NON VACCINATI SI INFETTINO TRA LORO E MUOIANO VELOCEMENTE” – GIOVANNI SPANO, VICESINDACO

“BISOGNA ESSERE DURI E DISCRIMINARE CHI NON SI VACCINA, IN OSPEDALE, A SCUOLA, NEI POSTI DI LAVORO” – FILIPPO MAIOLI, MEDICO

“SERVE BAVA BECCARIS, VANNO SFAMATI COL PIOMBO” – GIULIANO CAZZOLA, GIORNALISTA

“MANDATEGLI I CARABINIERI A CASA” – LUCA TELESE, GIORNALISTA

“GLI RENDEREMO LA VITA DIFFICILE, SONO PERICOLOSI” – PIEPAOLO SILERI, VICEMINISTRO ALLA SALUTE

“E’ POSSIBILE PORRE A LORO CARICO UNA PARTE DELLE SPESE MEDICHE, PERCHÉ COLPEVOLI DI NON ESSERSI VACCINATI” – SABINO CASSESE, COSTITUZIONALISTA

“NON SARÀ BELLO AUGURARE LA MORTE, MA QUALCUNO SENTIRÀ LA MANCANZA DEI NOVAX?” – LAURA CESARETTI, GIORNALISTA

“SE ARRIVI IN OSPEDALE POSITIVO, IL COVID TI SEMBRERÀ UNA SPA RISPETTO A QUELLO CHE TI FARÒ IO” – VANIA ZAVATER, INFERMIERA

“I NOVAX SONO I NOSTRI TALEBANI” – GIOVANNI TOTI, PRESIDENTE REGIONE LIGURIA

“SONO DEI CRIMINALI, VANNO PERSEGUITATI COME SI FA CON I MAFIOSI” – MATTEO BASSETTI, INFETTIVOLOGO


Pagina successiva »