Feb 10 2009

Alberto Solinas

Category: Persone e personaggigiorgio @ 10:08

 

Ho l’abitudine di guardare sempre avanti, di non lasciare mai una mia giornata vuota. Il tempo “libero” l’ho dedicato ha quelle grandi eredita’ lasciatami da mio padre: l’intelligenza, la passione per la storia, lo studio. 

Una passione così forte da far diventare una vera e propria fede  quella citazione di Cicerone “ignorare ciò che è avvenuto prima che tu fossi nato, è come non vivere” 

 Mio padre Giovanni fu un maestro eccezionale.  I suoi studi iniziarono in quel di Verona negli anni trenta: fu un’ attività frenetica, che spaziava dalla comprensione della cultura locale,  alla conoscenza della propria storia fino a terminare nella  ricerca  della preistoria, allora agli inizi.  Ogni momento libero dalla scuola era dedicato alla ricerca. 

La sua attività cessò bruscamente nel 1972.  Fu per me un fatto naturale continuarne gli studi. 

Ormai sono più di 80 anni che la mia famiglia è impegnata in questo lavoro, di ricercatori liberi, indipendenti, e con l’abitudine di pensare sempre ad alta voce, per questo scomodi e combattuti.

Se c’è una cosa che rimpiango è di non essere riuscito, malgrado tutta la nostra volontà, ad impedire la cancellazione di molte memorie storiche e culturali del nostro patrimonio trascorso. Comunque finche’ le forze mi sosteranno, la lotta continuera’. 

 

Alberto Solinas

Tag: ,


Gen 27 2009

Isotta Nogarola (1418-1466)

Category: Persone e personaggigiorgio @ 11:26

 

 

Isotta e la sorella Ginevra erano figlie di una donna colta Bianca Borromeo che aveva voluto per le figlie una educazione moderna secondo il nuovo curriculum umanistico.
Per educare le figlie Bianca aveva assunto un allievo della celebre scuola di Guarino Veronese ( Martino Rizzoni). Le due ragazze suscitavano lo stupore di illustri dotti che le avevano conosciute.


Continua a leggere”Isotta Nogarola (1418-1466)”

Tag:


Dic 12 2008

FORMAGGIO MONTE VERONESE, DETTO ANCHE FORMAGGIO GRASSO MONTE. IL FORMAGGIO NATO DA UN PRECETTO ECCLESIALE

Category: Alimentazione e gastronomia,Lessinia,Verona lavoragiorgio @ 14:31

 

Il formaggio nato da un precetto ecclesiale

Formaggio Monte Veronese DOP, il gustoso formaggio della montagna veronese, è una delle perle della gastronomia veronese, frutto dell’ intelligenza della bravura e della caparbietà  del lavoro dei nostri casari, che, ultimamente sono riusciti a inserire  il nostro formaggio, nell’olimpo dell’ industria alimentare  nazionale.  Gli ingredienti principali di questi formaggi sono l’ottimo latte prodotto, il rispetto delle tradizione, la passione, l’esperienza ed ambienti igienicamente controllati

Continua a leggere”FORMAGGIO MONTE VERONESE, DETTO ANCHE FORMAGGIO GRASSO MONTE. IL FORMAGGIO NATO DA UN PRECETTO ECCLESIALE”

Tag: ,


Dic 12 2008

Verona-La Pieve di San Martino di Negrar e il suo campanile

Category: Chiesa veronese,Verona storia e artegiorgio @ 13:58

Chiesa di Negrar

E’ nominata per la prima volta in un documento del 1067.  Di quell’antica chiesa, non si è conservato nulla, forse distrutta dal terremoto del 1117. Della successiva chiesa romanica,  rimane invece il bel campanile in tufo, finemente lavorato e la Carta Lapidaria.

La chiesa antica.

Continua a leggere”Verona-La Pieve di San Martino di Negrar e il suo campanile”

Tag:


Dic 12 2008

Verona-La Carta Lapidaria della Chiesa di Negrar

Category: Chiesa veronese,Libri e fonti,Verona storia e artegiorgio @ 11:48

La  Carta lapidaria

 

La Carta lapidaria di Negrar  è definita la lunga iscrizione  di ben 64 righe, una delle più lunghe d’Italia,  scolpita in caratteri maiuscoli romani nel 1166  o poco dopo, sulla parete sud del campanile della Chiesa di Negrar. Vi è riportata una serie di contratti,  tutti del 1166, mediante i quali la pieve di Negrar riscatta un vecchio censo annuale dovuto al cittadino veronese Ribaldino.
Praticamente essa non è altro che un atto notarile autentico,  un contratto stipulato nel 1166 fra Wizardo arciprete della chiesa di S. Martino di Negrar e gli eredi di Odelrico Saketo

Continua a leggere”Verona-La Carta Lapidaria della Chiesa di Negrar”

Tag:


Dic 11 2008

Verona e il suo ponte romamano chiamato Ponte Pietra o Ponte Piera

Category: Verona storia e artegiorgio @ 20:55

Dipinto di fine ottocento del Ponte Piera

 

Con l’Arena e il Teatro  Romano non c’è veronese che non ne conosca l’ubicazione;  è uno dei simboli ddella Verona romana.   Pochissimi però ne hanno la traccia storica della sua lunga e travagliata esistenza.

Continua a leggere”Verona e il suo ponte romamano chiamato Ponte Pietra o Ponte Piera”

Tag:


Dic 11 2008

Verona-La Chiesa di San Giovani Battista in Valle e la sua misteriosa origine ariana

Category: Chiesa veronese,Verona storia e artegiorgio @ 12:38

 

Chiesa di San Giovanni Battista in Valle

 

Alla ricerca delle eresie ariana nella chiesa veronese.  E’ noto che le prime Chiese paleocristiane furono costruite fuori dalle mura romane e con scopo cimiteriale. In Veronetta sono: Santo Stefano, San Pietro in Castello, dove oggi abbiamo la caserma Austriaca, San Faustino in vicolo San Faustino e San Giovanni in Valle. Tutte queste Chiese furono costruite, difatti, su necropoli romane. La loro data di costruzione è a noi sconosciuta, possiamo dedurla attraverso le date di morte dei Vescovi di Verona che vi vennero sepolti.

Continua a leggere”Verona-La Chiesa di San Giovani Battista in Valle e la sua misteriosa origine ariana”

Tag: ,


Dic 11 2008

Verona – Il Piloton de Montorio Veronese

Piloton di Montorio veronese

Sulla dorsale a nord  del Castello di  Montorio, dopo il  Forte Austriaco in direzione di San Fidenzio  sulla strada detta appunto della Preafita,  esiste una curiosa pietra fitta, di cui nessuno sa e  l’origine  ne tanto meno l’uso. La costruzione di megaliti (la parola deriva dal greco, e vuoi dire “grosse pietre”) iniziò dopo la scoperta dell’agricoltura; quel termine viene impiegato per definire qualsiasi struttura architettonica costituita da grandi massi.

Continua a leggere”Verona – Il Piloton de Montorio Veronese”

Tag:


Dic 11 2008

Verona-A Pesina di Caprino una casa dell’Eta’ del Bronzo unica in tutto il Nord Italia

Category: Verona archeologia e paleontologiagiorgio @ 08:39

Nella campagna di scavi appena conclusa è emersa una casa dell’Età del Bronzo unica in tutto il Nord Italia. L’insediamento, ben conservato, risulta antichissimo e lo confermerebbe anche il vasellame rinvenuto.

Continua a leggere”Verona-A Pesina di Caprino una casa dell’Eta’ del Bronzo unica in tutto il Nord Italia”

Tag:


Dic 11 2008

PIANTA CASTAGNARI preghiera di Don Alberto Benedetti

Don Alberto Benedetti celebra la Santa Messa

 

Don Alberto Benedetti, el prete dal Shere’  (Ceredo)  scomparso nel 1997; è personaggio scomodo, anarchico, materialmente e intellettualmente libero, dal pensiero selvatico ma spiazzante e rivoluzionario, intelligentissimo ma montanaro fino in fondo, colto ma brusco come le “senge” dei suoi monti, con questa preghiera  “Pianta castagnari” a volte concludeva  le sue S.Messe.

Continua a leggere”PIANTA CASTAGNARI preghiera di Don Alberto Benedetti”

Tag: ,


Dic 11 2008

Don Alberto Benedetti il prete che fucilo’ Benito Mussolini.

Category: Chiesa veronese,Persone e personaggigiorgio @ 00:15

Don Alberto Benedetti.  Quello che ha sparato a Mussolina.  Chi?  Il prete che ha sparato al Duce?  Ha processato Benito Mussolini e dopo gli ha sparato….

E’ l’aneddoto più clamoroso e dibattuto della discussa vita di don Alberto Benedetti, il prete di Sharé   (Ceredo di Santa’Anna del Faedo).

Chi lo ha conosciuto personalmente, o soltanto per fama,  e soprattutto dai molti preti, venne spesso ricordato come: «Quello che ha sparato a Mussolini» .

Continua a leggere”Don Alberto Benedetti il prete che fucilo’ Benito Mussolini.”

Tag: ,


Dic 10 2008

STORIE DE L’ARBIO di Don Alberto Benedetti

PREFAZIONE di Mons. Alberto Piazzi, prefetto della Biblioteca Capitolare di Verona.

Don Alberto Benedetti è certamente un personaggio scomodo. Forse non fa nulla per esserlo, ma nemmeno fa nulla, ma proprio nulla per non esserlo. Scomodo e anche un po’ anarchico, non perché sia nemico della regola o del principio di autorità ma perché non consente ad alcuna legge positiva di prevaricare sulla sua coscienza.

Continua a leggere”STORIE DE L’ARBIO di Don Alberto Benedetti”

Tag: ,


Dic 10 2008

Don Alberto Benedetti a dieci anni dalla morte nel ricordo di Alessandro Anderloni

 

Caro don Alberto, ricordo, 10 anni fa, eravamo nel cuore dell’ estate.  Il 15 agosto 1997, nel teatro di Velo Veronese, erano riuniti insieme tanti amici.  Avevamo inventato una serata di filò, di quelle che piacevano tanto a te, dove si stava insieme per rievocare storie, ricordi, proverbi, vecchie canzoni.  C’erano, in teatro, Attilio Benetti, Piero Piazzola, Ezio Bonomi, Nadia Massella e tanti altri amici.

Continua a leggere”Don Alberto Benedetti a dieci anni dalla morte nel ricordo di Alessandro Anderloni”

Tag: ,