Set 15 2017

SCOPERTA LA CAUSA DELLA GRANDE GELATA DEL 536 D.C.

Category: Geografia e ambiente,Natura e scienzagiorgio @ 13:38

 

 

 

Attorno al 536 dopo Cristo una misteriosa nube oscurò i cieli della Terra per diversi anni, causando siccità, carestie ed epidemie. Adesso gli scienziati credono di aver individuato la causa di quella che da molti è considerata la più grave catastrofe naturale del millennio scorso, con un raffreddamento delle temperature improvviso di tre gradi.

 

Uno studio presentato da un gruppo di ricercatori al convegno dell’American Geophysycal Union (Agu) di San Francisco avrebbe rivenuto le tracce dell’impatto, violentissimo, di due meteoriti, scrive oggi il settimanale Der Spiegel sul suo sito online. I calcoli effettuati in precedenza stabilivano che a causare un raffreddamento del clima di quella portata era necessaria un’enorme nuvola di polveri generata dall’impatto di un meteorite dal diametro minimo di 300 metri, che finora non era mai stato individuato sulla superficie terrestre.

 

I ricercatori hanno individuato un cratere, di 600 metri di diametro, sui fondali marini davanti alla costa australiana del Golfo di Carpentaria. Il secondo nei ghiacci della Groenlandia: le analisi di datazione delle particelle di meteorite confermano la teoria, indicando nel 539 dopo Cristo il momento dell’impatto.

 

Fonte: antikitera.net del   23 dicembre 2010-12-27 

Link: http://www.antikitera.net/news.asp?id=9682&T=5

Link: http://www.antikitera.net/

Link: http://www.spiegel.de/

 

 

ANNO DOMINI 536: I CIELI SI OSCURARONO E… SCESE IL GELO

 

 

 

Nel 536 d.C. un evento misterioso ha oscurato il cielo portando il mondo un lungo periodo di gelo.

Le testimonianze storiche a sostegno di questo evento straordinario sono molteplici:

Lo storico bizantino Procopio registrò nel suo rapporto sulle guerre con la Vandali , “che durante questo anno [536 dC] il Sole perse la sua luminosità … e sembrava come se fosse in eclisse..” 

Negli Annali gaelici furono registrate le seguenti cronache:

  • “Un fallimento del pane durante l’anno 536 dC”- The Annals of Ulster
  • “Un fallimento di pane a partire dagli anni 536-539 dC”- The Annals of Inisfallen

 

Ulteriori fenomeni sono stati segnalati da una serie di fonti indipendenti contemporanee:

  • Basse temperature e neve durante l’estate in Cina, con rinvio della vendemmia e perdita dei raccolti.
  • “Una fitta nebbia secca” in Medio Oriente,  Cina e in Europa
  • Siccità in Perù.

 

Gli studi in merito son stati molteplici, tutti con una raccolta di ampie prove scientifiche che hanno testimoniato la veridicità delle cronache storiche dell’epoca. 

 

Uno degli studi più completio in merito è stato prodotto da:

  1. B. Larsen

Centre for Ice and Climate, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark

  1. M. Vinther

Centre for Ice and Climate, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark

Climatic Research Unit, School of Environmental Sciences, University of East Anglia, Norwich, U. K.

  1. R. Briffa

Climatic Research Unit, School of Environmental Sciences, University of East Anglia, Norwich, U. K.

  1. M. Melvin

Climatic Research Unit, School of Environmental Sciences, University of East Anglia, Norwich, U. K.

  1. B. Clausen

Centre for Ice and Climate, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark

  1. D. Jones

Climatic Research Unit, School of Environmental Sciences, University of East Anglia, Norwich, U. K.

M.-L. Siggaard-Andersen

Earth and Planetary Physics, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark

  1. U. Hammer

Earth and Planetary Physics, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, Copenhagen, Denmark

  1. Eronen

Department of Geology, University of Helsinki, Helsinki, Finland

  1. Grudd

Department of Physical Geography and Quaternary Geology, Stockholm University, Stockholm, Sweden

  1. E. Gunnarson

Department of Physical Geography and Quaternary Geology, Stockholm University, Stockholm, Sweden

  1. M. Hantemirov

Laboratory of Dendrochronology, Institute of Plant and Animal Ecology, Ural Branch of Russian Academy of Sciences, Ekaterinburg, Russia

  1. M. Naurzbaev

Dendroecology Department, Sukachev Institute of Forest, Siberian Branch of Russian Academy of Sciences, Krasnoyarsk, Russia

Siberian Federal University, Krasnoyarsk, Russia

 

e approvato per la pubblicazione sulla GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 35, L04708, 5 PP., 2008 – doi:10.1029/2007GL032450

 

Hanno affermato che:

Le prove dai carotaggi di ghiaccio dei depositi di solfato in Groenlandia e dell’Antartico indicano un sostanziale ed esteso velo atmosferico di polvere silicea per gli anni 533-534 dC ± 2 anni. Questa è stata probabilmente prodotta da una esplosione di grandi dimensioni, come una eruzione vulcanica equatoriale, che ha causato una attenuazione diffusa e ha contribuito al raffreddamento brusco in gran parte dell’emisfero settentrionale noto da documenti storici e dati degli anelli degli alberi per l’anno 536. I dati degli anelli degli alberi suggeriscono che questo è stato il più grave e prolungato episodio di raffreddamento di breve durata dell’emisfero settentrionale negli ultimi due millenni, superando anche la severità del periodo di freddo dopo l’eruzione del Tambora nel 1815.

 

 

Evidenze in Groenlandia

 

La severità del raffrescamento estivo in vaste aree dell’emisfero settentrionale nel 536 è evidente nella bassa crescita mostrata in una serie di lunghi anelli della cronologia degli alberi in luoghi umidi e relativamente freschi a alte latitudini o altitudini elevate nel Nord e Centro della Svezia, della Finlandia, della Russia e dell’Austria (Tabella 1). Questi dati mostrano una ridottisssima crescita degli alberi  in questo periodo.

 

 

Qui di seguito invece ecco le misurazioni delle impurità chimiche in tre carotaggi di ghiaccio della Groenlandia: Dye-3, GRIP e NGRIP. 

 

 

Queste misurazioni rivelano una sottostima del segnale di acidità accoppiato, che è coerente con una causa vulcanica per l’evento dell’anno 536 d.C. (Figura 2b). Questo deposito di SO 4 2  è stato datato per il 533-534 ±2 negli strati nel Dye-3, GRIP e NGRIP avvenuti contemporaneamente [Vinther et al. , 2006]. Questa datazione è inoltre ancorata alla datazione del 79 dC in cui avvenne l’Eruzione del Vesuvio. La datazione 533-534 ± 2 SO 4 2 è preceduta da un deposito più grande datato 529 ± 2 (Figura 2b). Questo  deposito SO 4 2 potrebbe essere stato causato nel VI secolo dall’eruzione dell’Haruna (VEI = 5) in Giappone [Soda , 1996] e il suo modello SO 4 2 mostra sorprendenti somiglianze a quello derivante da due eruzioni  giapponesi del XVII (Figura 2c). Se la ragione della somiglianza è poco conosciuta, è interessante che le prove archeologiche suggeriscono fortemente che l’eruzione dell’Haruna ha avuto luogo all’inizio dell’state [Soda , 1996], cioè quasi nello stesso periodo delle due eruzioni vulcaniche giapponesi mostrate nella Figura 2c (le estati sono indicati con ”S” in Figura 2). E’ quindi ipotizzabile che i grandi modelli atmosferici  stagionali potrebbero produrre simili depositi quando avvengono eruzioni nello stesso periodo dell’anno.

Il deposito 533/34 ± 2 e del 1815 di Tambora mostrano anche alcune somiglianze con Dye-3 che hanno un inizio di picco più ampio con NGRIP SO42À (Figures 2a and 2b) [Clausen et al., 1997;

Langway et al. , 1995]. Un’altra somiglianza impressionante tra Tambora e le 533-534±2 è la loro distribuzione spaziale in tutta la Groenlandia. In entrambi i casi il Dye-3 SO 4 2 di carico (misurato in kg H 2 SO 4 per km 2 ) è 40-50% più grande del SO 4 2 À a carico GRIP / NGRIP (Tabella 3). Ciò è coerente con i modelli del un fallout radioattivo rilasciato a bassa latitudine ( $ 11 ° N) dalla bomba termonucleare nei primi anni del 1950 [Clausen e Hammer , 1988]. Per l’evento 529 ± 2 il Dye-3 SO 4 2, il carico è della stessa entità di GRIP e di NGRIP, indicando una fontissima eruzione  più a Nord[ Clausen e Hammer , 1988], dando le prove della reale di una eruzione per le medio-alte latitudini come causa più probabile del deposito SO 529 4 2 ±2 .

 

 

Evidenze anche in Antartide

 

I ricercatori hanno supposto che se il deposito del 533-534 ± 2 SO 4 2  trae origine da una eruzione tropicale, un deposito simile doveva essere rilevabile anche nei carotaggi di ghiaccio antartico. +

 

Fino a pochi anni fa l’incertezza nella datazione dei carotaggi di ghiaccio antartico oltre i 1500 anni indietro nel tempo era di circa il 5% o più [Cole-Dai et al. , 2000; et al. Steig , 2000; Taylor et al . , 2004], che è circa ± 70 anni per il 536. Tra le recenti iniziative per migliorare la datazione e quantificare meglio i valori della SO 4 2,  una nuova cronologia della SO 4 2 À ha assunto una incertezza di appena l’1% [Traufetter et al. , 2004] che ha rivelato un deposito di SO 4 2 intorno al 542 ± 17 (Tabella 3). Il deposito è stato rilevato in tre campioni di ghiaccio superficiale prelevati dalla Dronning Maud [ et al Traufetter. , 2004], dalla EPICA DML e dalla EPICA Dome C [ Severi et al. , 2007].

 

Da qui si può ipotizzare che l’evento del 536 può essere collegato ai depositi di SO 4 2 in entrambi gli emisferi, se si accetta la leggera imperferfezione dei carotaggi di ghiaccio antartico. Una datazione perfetta richiederebbe di spostare di 6 anni indietro nel tempo per l’Antartide e 2-3 anni avanti nel tempo per quella della Grienlandia. […] Tuttavia è molto difficile credere che questo perfetto accordo vicino tra le analisi della Groenlandia e dell’Antartico sia casuale vista l’attuale analisi in queste carote di ghiaccio. Pertanto, i dati forniscono per entrambi gli emisferi una indicazione coerente di una eruzione vulcanica equatoriale come la probabile causa la maggior parte delle polveri del 536.

 

I dati dei carotaggi di ghiaccio della Groenlandia suggeriscono che l’eruzione associata al velo di polvere del 536 ha valori del 40% più alti di SO 4 2 rispetto all’eruzione del Tambora, mentre i carotaggi di ghiaccio antartico suggeriscono un deposito di circa il 15% più piccolo rispetto a quello di Tambora. Tuttavia, l’incertezza dell’Antartico nei depositì di SO 4 2 è troppo grande per offrire conclusioni definitive. Il fatto che il velo del 536 si associa con il 40% in Groenlandia rispetto all’eruzione del Tambora 1del 815 è in accordo con le osservazioni storiche provenienti dall’Europa, Cina e Mesopotamia che testimoniano per l’anno 536 un velo di polvere più grave e prolungato con un conseguente oscuramento maggiore rispetto all’eruzione del Tambora [ STOTHERS , 1984].

 

Se un’eruzione equatoriale è coerente con i veli di polvere osservata e la rapida crisi climatica del 536, non è chiaro in quale misura l’eruzione abbia contribuito direttamente alla natura prolungata della crescita apparente anomalia che si vede in Figura 1. La variabilità generale della temperatura nella figura 1 indica che la variabilità del clima potrebbe anche aver contribuito alla persistenza della crescita anomalia. Gli eventi del 567-568 ± 2 e il 674-675 ± 2 apparentemente non hanno causato un marcato impatto sulla crescita degli alberi NH, a causa della grandezza più piccola di questi eventi (il valore dei depositi di SO 4 2 è del 10–30% più piccolo rispetto al deposito dell’eruzione del Tambora). 

 

Il miglioramento della datazione dei carotaggi di ghiaccio da entrambi gli emisferi ci permettono di concludere che un’eruzione vulcanica di grandezza più ampia di quella del Tambora ha causato il velo di polvere del 536. Ciò sottolinea l’importanza delle analisi congiunte delle sezioni dagli alberi e delle registrazioni nei carotaggi di ghiaccio per la ricostruzione degli eventi di vulcanesimo del passato.

 

La scoperta dei crateri australiani

 

Le ricerche del dottor Abbott dell’American Geophysical hanno suggerito una teoria alternativa per spiegare questi valori di acidità nei carotaggi antartici e groenlandesi. Grazie alle misurazioni satellitari del livello del mare sono stati evienziati due crateri a circa 11 e 7,4 miglia al largo delle coste Australiane.

 

Secondo il National Geographic, che condusse un’analisi della costa, le grandi dune a forma di V lungo la costa, sarebbero la prova di un grande tsunami innescato da un gigantesco impatto.

Il Dr. Abbott ha calcolato che l’oggetto doveva essere stato di 2.000 m di diametro. Ha anche scoperto che i campioni nella zona hanno rivelato materiale che potrebbe essere stato fuso e poi schizzato verso il cielo.

Questo evento potrebbe spiegare in modo più sensato gli studi dell’anomalia climatica dell’anno 536 d.C.

 

La svolta dei fatti

 

Gli scienziati hanno trovato le prove dell’impatto di un enorme meteorite. Le interconnessioni con le altre prove hanno rivelato uno scenario drammatico: sembra che la catastrofe sia durata dieci anni, innescata da almeno due fenomeni mostruosi naturali, secondo quanto hanno dichiarato gli scienziati in occasione della riunione autunnale dell’American Geophysical Union (AGU) a San Francisco.

 

Ad innescare il raffreddamento del clima pluriennale sarebbe stata come già spiegato nello studio precedente una enorme nuvola di polveri creata dall’impatto. Un meteorite, avrebbe dovuto essere almeno 300 metri di spessore per causare tale fenomeno. Di recente, i ricercatori hanno scoperto nei fondali marini al largo della costa australiana nel Golfo di Carpentaria un cratere meteorico di circa 600 metri di diametro. Dallas Abbott, Dee Breger, e altri geologi della Columbia University negli Stati Uniti hanno hanno datato le tracce del meteorite, nel letto del mare al largo di Australia, già confermato poi dai carotaggi in Antartide e in Groenlandia. Il meteorite, secondo l’AGU, è pertanto il responsabile della grande catastrofe del 539 dC.

 

La prova del disastro climatico medievale come abbiamo già detto nella prima parte dell’articolo, i ricercatori le conoscono da tempo.

 

Grandi eruzioni vulcaniche hanno lasciato le loro tracce in tutto il mondo ma per una catastrofe globale di tale portata occorreva trovare prove ancora più devastanti.

 

Le tracce recentemente scoperte del  meteorite potrebbero mettere insieme i pezzi del puzzle. I buchi nel fondale marino nei pressi del cratere avrebbero favorito uno spostamento dei frammenti di meteorite e secondo Dallas Abbott l’unico responsabile imputabile è un meteorite.

 

L’oceanografo Mike Baillie della Queen’s University di Belfast in Irlanda del Nord ha detto che cisono state calamità naturali. La sua ipotesi è coerente con gli anelli degli alberi e delle fonti storiche che indicano i periodi di siccità a metà del 540.

 

Probabilmente vi fu una grande eruzione vulcanica, seguita da un impatto meteoritico, ha detto Mike Baillie. Per un decennio, il mondo fu avvolto in nuvola di polvere, tale da essere paragonabile ad un fallout nucleare di portata inimmaginabile.

 

A cura di Arthur McPaul

Fonti:

http://www.spiegel.de/wissenschaft/natur/0,1518,735253,00.html

http://www.scribd.com/doc/31277069/New-ice-core-evidence-for-a-volcanic-cause-of-the-A-D-536-dust-veil-coughbullshit

 

Fonte: da http://nemsisprojectresearch.blogspot.it del 26 dicembre 2017

 

Rispondi

Per commentare devi accedere al sito. Accedi.